VIDEONEWS & sponsored

(in )

5 SIGLE SINDACATO SCUOLA * INCONTRO CON ASSESSORE E DIPARTIMENTO ISTRUZIONE PAT: « ABBIAMO CHIESTO L’AVVIO DI UN CONFRONTO PER CONDIVIDERE UN PIANO PER LA RIPARTENZA »

Non è stato un incontro facile, quello che si è tenuto oggi tra Assessore, Dipartimento Istruzione ed Organizzazioni sindacali del personale docente, sul tema delle problematiche della Scuola: si è chiuso positivamente anche grazie all’impegno assunto dall’Assessore in relazione al riconoscimento delle attività svolte dai docenti, in questo periodo di sospensione della Scuola in presenza. Dopo quasi un’ora di confronto, anche serrato, con l’Amministrazione provinciale, è stato l’Assessore, infatti, che, dando concreta risposta alle richieste unitarie per parte sindacale, ha di fatto accettato di considerare tutte le attività come rese a fronte di un’autocertificazione che desse conto di quanto prestato seppure in modalità diverse da quanto inizialmente programmato.

Nel corso di questi mesi i docenti si sono dedicati, con flessibilità e lungimiranza, a continue revisioni, riadattamenti dell’offerta formativa, hanno speso -con impegno di ore- la loro professionalità per la realizzazione del Progetto d’Istituto: per reinventare l’approccio didattico e rendere più viva e vicina la comunità scolastica, sia agli allievi sia alle famiglie.
Altro tema che si è affrontato è stato quello relativo alle imminenti procedure concorsuali. Un tema che ha messo in profonda agitazione centinaia di docenti precari, dopo la decisione del governo nazionale di non decidere. Ricordiamo, infatti, che la grande operazione di gestione della serenità all’interno della maggioranza di governo è stata quella che ha portato alla sospensione dei concorsi. speriamo non a divinis. Per questa ragione anche nella nostra provincia tutto si è fermato. Il Dirigente generale ha aggiunto che è stata accolta la richiesta sindacale di far partire anche il concorso per la Scuola Primaria: attraverso la legge di assestamento di bilancio, si cercherà di mettere a punto una norma che ci permetta di dare soluzione alle nostre richieste.

Le Organizzazioni sindacali hanno colto occasione per ribadire, davanti all’Assessore, alcune proposte già avanzate: abilitazione per tutte le classi di concorso (l’abilitazione è un titolo culturale); concorso straordinario per tutte le classi di concorso (vi è già il requisito/paletto dei tre anni di servizio); ampliamento della platea dei posti disponibili per l’ordinario, anche attraverso il superamento della distinzione tra organico di diritto ed organico di fatto.

Per parte sindacale, infine, è stato chiesto l’avvio di un confronto serrato al fine di condividere un piano per la Scuola della ripartenza. Nella convinzione che la didattica a distanza sia da attivare solo in emergenza e che la vera scuola è relazione, è socialità, è costruzione insieme della conoscenza le organizzazioni sindacali, a livello unitario, hanno chiesto ci si confronti sui possibili modelli di una Scuola in presenza: per tutti i gradi di scuola; al più presto, ché settembre è dietro l’angolo. Acquisizione di nuovi locali da adibire a spazi scolastici; tutela della salute delle persone, attraverso la definizione di protocolli di comportamento e utilizzo di DPI; modelli di scuola in attività di gruppo; consolidamento e potenziamento degli organici: questi alcuni temi che dovranno essere affrontati.

L’Assessore ha dato riscontro di una serie di passi – indagini già svolti. Nel contempo è stata data disponibilità ad avviare tempestivamente questo tavolo di confronto tecnico, politico e … professionale. Si parte mercoledì prossimo.

“Il confronto e la condivisione, quando si vogliono attivare, portano sempre ad esiti positivi. Ora ci attendiamo un impegno reale e concreto. Le prossime ore saranno un primo banco di prova.”