Dopo la demolizione di un vecchio silos, arriva a Montalbano un diario scritto nell’estate del ’43 da un giovane fascista, Carlo Colussi, che nelle pagine confessa di aver compiuto un atto terribile. Questa scoperta si intreccia con l’arrivo a Vigata di un novantenne americano, John Zuck, che racconta al commissario di essere nato nella cittadina siciliana e, rimasto orfano, di essere stato fatto prigioniero dagli americani durante la guerra.

 

LINK VIDEO