OPINIONEWS

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Claudio Cia) – Mi chiedo con quali criteri e con quali verifiche la Provincia ha elargito a piene mani denaro pubblico all’emittente Trentino TV, in cambio di servizi, se oggi questa licenzia tre dei suoi sei giornalisti. Mi chiedo anche come possa ora questa emittente soddisfare con professionalità ai tanti impegni assunti con la Provincia e le Agenzie ad essa riconducibili. La crisi di questa azienda, oltre a creare nuovi disoccupati con quanto ne consegue, pone una preoccupante ipoteca sulla pluralità dell’informazione. Il mio auspicio è che Il presidente della Giunta provinciale Rossi e il presidente del Consiglio provinciale Dorigatti sappiano aprire un confronto franco e leale con Trentino TV al fine di individuare come poter restituire opportunità lavorative ai tre giornalisti e su quali basi instaurare futuri rapporti di collaborazione improntata sulla trasparenza. Le aziende di maggior successo solitamente fanno due cose: risolvere un problema, soddisfare un bisogno. Vi sono due tipi di aziende: quelle che cambiano e quelle che scompaiono: mi auguro che Trentino Tv rimanga un’espressione viva del nostro territorio.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Fnsi) – TrentinoTv, Fnsi e Sindacato regionale: No al licenziamento strumentale di tre giornalisti. L’editore di Trentino Tv, Graziano Angeli, ha licenziato in tronco tre giornalisti della sua emittente. Il provvedimento sarà impugnato perché illegittimo. Lo comunicano, in una nota congiunta, Fnsi e, a livello regionale, il Sindacato giornalisti, l’Ordine dei giornalisti e la Fistel Cisl, che esprimono piena solidarietà ai colleghi che da molti anni lavorano in modo ineccepibile presso l’emittente. La decisione, che sarà contestata nelle sedi competenti, arriva dopo due anni di cassa integrazione straordinaria e di contratto di solidarietà e nonostante il servizio lavoro della Provincia autonoma avesse riscontrato ripetute irregolarità. Inoltre da un anno i lavoratori non hanno ancora ricevuto l’integrazione al reddito Inps proprio a causa di tali irregolarità, che le istituzioni hanno fatto finta di non vedere, accumulando ritardi che hanno penalizzato i dipendenti.

Gli aspetti contestabili sono molti: la procedura di licenziamento senza apertura di un confronto sindacale per la definizione di criteri; la ripetuta assenza in questi due anni di crisi di un serio piano industriale di rilancio; il tentativo immediato di ricorrere a collaboratori esterni per coprire le mansioni svolte dai redattori appena licenziati. Fnsi e Sindacato regionale eserciteranno la massima vigilanza affinché la politica trentina e regionale non concedano credito e risorse economiche a chi pensa di poter fare informazione seria, libera e deontologicamente corretta con solo tre giornalisti rimasti per servire un territorio di 530.000 abitanti esteso più di 6.000 kmq e con un servizio informativo che copre 365 giorni all’anno, dalle 7 del mattino a sera.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Confindustria) – Nota del Centro studi Confindustria: “Più lavoro in Italia: di che tipo e per chi?”, analisi delle tendenze dell’occupazione in Italia in un’ottica di medio
termine. Dall’analisi emerge che da inizio 2014 a metà 2016 l’occupazione ha puntato verso l’alto, indipendentemente dall’indicatore usato per misurarla. La crescita delle persone occupate (+651mila) è stata trainata dalla componente dipendente. Le informazioni disponibili per la seconda parte del 2016 indicano che la risalita dell’occupazione ha subìto un arresto, anche di quella dipendente nell’ultimo quarto dell’anno. Il recente stallo dell’occupazione è in parte spiegato dal processo di riallungamento degli orari che, finché non sarà esaurito, smorzerà la creazione di nuovi posti di lavoro. Disaggregando lungo varie dimensioni i guadagni occupazionali registrati da inizio 2014 emergono i seguenti fatti salienti:

· L’84% dell’aumento dell’occupazione dipendente registrato nel corso del 2015 (+288mila unità) è avvenuto con contratti a tempo indeterminato; degli aggiuntivi 210mila posti di lavoro dipendente guadagnati nei primi 9 mesi del 2016, quasi i due terzi sono a tempo indeterminato

· L’aumento dell’occupazione è quasi interamente avvenuto nei servizi privati; si è verificata un’espansione delle opportunità lavorative anche per i giovani: il tasso di occupazione dei 25-29enni, pur rimanendo basso, è aumentato di 3,8 punti percentuali dall’ultimo quarto 2013 al terzo trimestre 2016, quello dei 15-24enni di 1,7 punti.

 

 

Tabella da comunicato stampa:

 

 

In allegato documento presente nel comunicato stampa:

Nota CSC 1-2017_Lavoro
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Source: United Nation) – Thank you, Foreign Minister Abdrakhmanov for hosting this International Meeting on Syrian Settlement here in Astana. This morning, I conveyed to H.E. President Nazarbayev the appreciation of the Secretary-General for the efforts undertaken by Kazakhstan to help restore peace and stability in Syria. And his appreciation for the invitation to the UN to be here. Presidential Envoy Lavrentiev of the Russian Federation, Deputy Minister Ansari of the Islamic Republic of Iran, Deputy Undersecretary Önal of Turkey – thank you for your engagement. You represent three very important countries. Your initiative to take on responsibilities as sponsors of this Astana meeting and guarantors of the ceasefire regime is significant and welcome. We need to build on this.Ambassador Krol, thank you for this important statement, done in your capacity as an observer, thank you for being here to represent the United States, now under new Administration, and always a key player in the search for peace in Syria. Above all, thank you representatives of the Government of Syria, and representatives from the Syrian opposition for being here today in this room. I know being here is not been easy. But I am sure that the vast majority of the Syrian people are glad that you have come, and that you are sitting here in the same room, while still disagreeing, but being an opportunity of exchanging your own position. The only way to end the conflict and secure a political solution is negotiation, and negotiation among the Syrians. Syrian people are desperately in need for ending this violence, and they are looking forward to relief from their own suffering, and a path out of this conflict and to a real future for all of them, men, women and children in dignity. I know how proud Syrians are, and how proud they are to be Syrian, and of their beautiful country, a country that has made historically so many important contributions to human civilisation.

Twice last month the Security Council adopted resolutions unanimously. This is a good sign for all of us. We are now gathered today here, and I hope it will be possible to associate also all regional actors with this effort, and the outcome of this effort. In December, the Government of Syria and important armed opposition groups have agreed to a ceasefire regime. This followed the initiative of Russia, Turkey and Iran to work together, and to contributing to actually relaunching, through the ceasefire, the political process in Geneva, as envisaged in the Security Council resolutions, in particular, including resolution 2254. The Security Council welcomed the ceasefire, and so did also the Secretary-General of the Un. The violence has dropped in Syria. But it has not ended yet. For instance we have seen cases more recently of strong tensions in many places, but in particular in Wadi Barada, jeopardising access to water for residents of Damascus and neighbouring areas. The violence has dropped, but we must do better. Protection of civilians – men and women – must be a crucial priority. All parties should protect civilians and civilian infrastructure, including hospitals, schools, water and electricity networks, and areas such as markets.

Sieges are totally unacceptable methods of warfare that cause civilians to be deprived from food, medicines and other essential items. Safe and sustained and unimpeded access to people in need, in particular to besieged areas, and unhindered access for medical teams to enter these areas to treat civilians and evacuate urgent cases, is an extremely important element and should be a consequence of a ceasefire. Every ceasefire attempted in Syria in the past has broken down, that’s why we put so much hope in what you have been able to achieve so far. The objective is human lives, and many lives, we want to believe, have already been saved by the ceasefire that was announced by President Putin and President Erdogan with the support of Iran recently, and was agreed upon by the Government of Syria and many participants of the opposition. All stakeholders should support the commitment of the sides that are party to the ceasefire that entered into force in December 2016. All other armed opposition groups not affiliated to terror organisations designated as such by the Security Council, in addition to groups allied with the Government, should also listen to the call to abide by the ceasefire. The chances of success will be greater if the parties here are able to agree on a mechanism to oversee and implement nationwide ceasefire. A mechanism to oversee and implement a nationwide ceasefire – we didn’t have it in the past, that’s the reason why often we failed. We are encouraging the guarantors of the ceasefire to create a mechanism to implement the consolidation and de-confliction ceasefire measures, and to see what else can be done to build confidence.

Consolidating the ceasefire will also enable Syrians and the international community to increase their efficiency in their fight against the groups designated as terrorists by the Security Council. My instructions from Secretary-General Antonio Guterres are clear: To be helpful, proactively helpful, and we will. Help the Syrians and the guarantors here in Astana to succeed, because if Astana succeeds, Syrians succeed, and the UN will have a better chance of re-launching effective intra-Syrian negotiations in Geneva. Consolidating a nationwide ceasefire is only the first step. No sustainable, long-term solution to the conflict in Syria can be attained through only military means, but through a political process. Both sides need to accept that and renounce their objective of using military means. The UN remains guided by Security Council resolution 2254, the only, so far, viably internationally agreed basis for a political solution and peace making process. Its core principle is foster a cessation of hostilities in parallel with the political process that is comprehensive and inclusive, and where women and civil society play an active role. In addition to being helpful here, by us in Astana, our intention is also to convene as soon as possible formal – and if possible – direct intra-Syrian negotiations in Geneva on a political solution as outlined in the resolutions of the Security Council, including resolution 2254. I want to do this as soon as possible in February.

I would hope that by strengthening the ceasefire in this Astana meeting we could see in Geneva genuine intra-Syrian negotiations – and I would hope direct negotiations between empowered and inclusive delegations of the Government and the opposition to take place. I would like to see those negotiations focusing on a serious agenda based on resolution 2254: governance, constitution, elections are all part of such agenda, in a language that has been very clearly interpreted by Security Council resolutions. So we must hope for Astana to consolidate a cessation of hostilities, and we must use Geneva for the genuine relaunching of political negotiations to address the core issues of the conflict. But first things first. Let us address now today and tomorrow the challenges to the ceasefire, try to consolidate it, and see what can be done to begin to build a small amount of confidence between the parties, and of the Syrians in this process. That by itself, Mr Chairman, would be a major achievement. Let’s not lose sight of the horizon to which all Syrians are aspiring: the release of detainees and abducted people, the safe return of Syrian refugees and IDPs -men and women-, a return to normal life everywhere, and the full functioning of basic State institutions and infrastructure – we don’t want another Libya. Once a credible process is under way to effect a fundamental overhaul of governance in Syria, the international community should mobilise to help revive the economy and reconstruct the country. This prospect must also guide us through our discussions. Dear friends, we heard today two opposing advocates, of the tragic situation in Syria. We want to believe that in spite of this, there is a common, genuine yearning of all Syrians to stop this tragedy. That’s why we want to thank you for committing and supporting this meeting and we look forward to contributing to it.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Commissione europea) – La Commissione europea sta ulteriormente mobilitando gli strumenti a sua disposizione per offrire assistenza alle comunità agricole recentemente colpite dal terremoto aumentando la flessibilità nell’attuazione di diverse misure con effetto finanziario immediato. Il Commissario per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale, Phil Hogan, ha dichiarato: “In linea con quanto promesso dal Presidente Juncker, tutte queste misure sono destinate a dare una risposta concreta alle aree che sono state devastate da questi drammatici eventi e a dimostrare solidarietà alle persone colpite, con la consapevolezza che nessuna di esse può aspirare a compensare la perdita di vite umane e le perdite materiali subite da così tante persone.” Nelle regioni colpite, le autorità italiane potranno integrare la quota dei 21 milioni di euro di fondi Ue ricevuti a luglio 2016 stanziata per le regioni colpite dal sisma con fondi nazionali fino al 200%, triplicando così il sostegno finanziario disponibile.

La Commissione aumenterà dall’85 al 100% la percentuale di pagamenti anticipati per alcune misure di sviluppo rurale. Per ridurre la pressione sulle amministrazioni locali, questa possibilità sarà accompagnata dal rinvio da marzo a giugno 2017 del termine per la presentazione delle relazioni sui controlli relativi ad alcune misure di sviluppo rurale. Inoltre, la Commissione accoglierà la richiesta dell’Italia di aumentare i settori per i quali ha già autorizzato i pagamenti anticipati per alcuni regimi di pagamento diretto e ha acconsentito ad anticipare il pagamento di alcune misure di sviluppo rurale. La politica di sviluppo rurale dell’Ue può finanziare il ripristino del potenziale agricolo e forestale danneggiato dal recente terremoto. La riassegnazione di fondi finalizzata a rafforzare le misure già disponibili può essere adottata rapidamente. La Commissione prevede che le regioni interessate presentino proposte di modifica dei loro programmi ed è pronta a contribuire. Le misure di sostegno sono state presentate nel corso di una riunione tenutasi oggi a Bruxelles, a margine del Consiglio “Agricoltura”, tra il Commissario Hogan e Maurizio Martina, Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Nel corso di un dibattito ad ampio raggio, il Commissario Hogan ha espresso le sue più sentite condoglianze per le perdite e per la situazione difficile delle popolazioni dell’Italia centrale colpite dalle recenti scosse di terremoto, che hanno provocato danni ingenti alle comunità agricole nelle Marche, in Abruzzo, nel Lazio e in Umbria.

Contesto: Nell’ambito della misura di ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato dall’evento catastrofico e di esecuzione di adeguati interventi di prevenzione, già prevista nei programmi pertinenti, le autorità italiane possono anche finanziare alloggi temporanei per il bestiame o altri investimenti opportuni finalizzati a preservare il potenziale di produzione. Gli aiuti allo sviluppo rurale sono a disposizione per gli investimenti connessi ai servizi di base e alla ricostruzione dei paesi nelle zone rurali colpite dal terremoto. Le autorità italiane hanno già annunciato che utilizzeranno parte dell’importo ricevuto nell’ambito del pacchetto di aiuti di luglio come sostegno una tantum per capo di bestiame (bovini, ovini/caprini, suini), quale reddito per superare l’anno interessato dalla catastrofe naturale, che sarà pagato esclusivamente nei comuni colpiti dal sisma (cofinanziamento Ue/Stato membro).

 

 

(Foto mucca da Comunicato stampa Coldiretti)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Cooperativa La Sfera) – Nasce la birra Galeorto, aromatizzata con lo zafferano prodotto in carcere dalla cooperativa La Sfera. Dalla collaborazione tra la cooperativa sociale La Sfera ed il birrificio Argenteum di Cortesano nasce la birra Galeorto, una particolare birra aromatizzata allo zafferano. Non parliamo di uno zafferano qualunque, bensì di quello coltivato all’interno della Casa Circondariale di Spini di Gardolo nell’ambito di un progetto di agricoltura sociale gestito dalla stessa cooperativa. Tale progetto ha preso vita quasi tre anni fa. Infatti il trasferimento della cooperativa nella nuova sede di Spini di Gardolo del novembre 2014 e la celebrazione del ventesimo anno di attività nel 2015 hanno stimolato la promozione di idee e progetti volti a favorire l’integrazione de La Sfera nella comunità. La Casa circondariale di Trento, situata per l’appunto a Spini di Gardolo, rappresenta per La Sfera un’opportunità in più per ottemperare alla propria mission e contribuire all’integrazione del carcere con il territorio. Inoltre la presenza di una superficie di circa 9.000 mq all’interno del carcere ha stimolato ad immaginare un percorso di Agricoltura Sociale orientato alla coltivazione biologica di piante da orto ed officinali.

L’esperienza, nata nel 2015 e proseguita nel 2016, ha visto 6 detenuti impegnati nel coltivare le ampie aree verdi presenti all’interno della struttura. La forte volontà di dare continuità al progetto, l’ambizione di creare nuove opportunità di lavoro all’interno della Casa Circondariale, accompagnate dalla propensione della cooperativa allo stringere relazioni, ci hanno portato ad immaginare un diverso rapporto con il mercato, alternativo a quello della vendita all’ingrosso. Così è nato Galeorto, il brand che contraddistingue materie prime e prodotti di qualità realizzati nell’ambito dell’omonimo progetto di agricoltura sociale promosso da La Sfera all’interno del carcere di Trento. Questo progetto dunque non rappresenta solamente una modalità per la cooperativa di perseguire la sua mission, ma anche un’occasione per i partner locali – quale è Argenteum – di essere parte di un progetto unico.

La Sfera è una cooperativa sociale di tipo B nata nel 1995 dalla volontà di Aft (Associazione Famiglie Tossicodipendenti) di Trento di rispondere al bisogno dei propri utenti di riprendere in mano la propria vita recuperando i contatti con il mondo del lavoro. La Sfera è un’impresa socialmente responsabile che, attraverso il lavoro, crea benessere, con particolare attenzione alle persone con disagio, e aumenta la qualità della vita in un contesto positivo. www.lasfera.org –  www.galeorto.org

 

 

Foto zafferano da comunicato stampa

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Torna mercoledì 25 gennaio alle 18 “La ricerca crea valore”, il ciclo di caffè scientifici promosso da Provincia autonoma di Trento, Muse, Università degli Studi di Trento, Fondazione Bruno Kessler e Fondazione Edmund Mach per esplorare le aree di frontiera della ricerca e coglierne le ricadute in vari aspetti della vita quotidiana, spaziando dai temi della salute alle questioni sociali, dalla biodiversità alla comunicazione della scienza. Protagonista dell’incontro, che si terrà al Muse, sarà il giornalista e autore televisivo Federico Taddia, che racconterà al pubblico cosa significa, dal suo punto di vista di addetto ai lavori, comunicare ricerche, scoperte e concetti scientifici. Le parole, rigorose e dirette di Margherita Hack, il racconto, avvolgente e affascinante di Piero e Alberto Angela, gli esempi semplici e semplificati di Alberto Manzi, tre facce della stessa divulgazione, tre strade della stessa narrazione.

Fare la scienza, spiegare la scienza, capire la scienza: finalità (e attori) diversi per uno stesso circolo virtuoso, capace di alimentare curiosità e innovazione, scoperta e meraviglia, cultura e progresso, consapevolezze e sapere condiviso. In un Paese dove l’alfabetizzazione scientifica appare ancora insufficiente e dove la divulgazione gioca un ruolo marginale, soprattutto nei mass media, diventa urgente ragionare su nuove forme di comunicazione, interazione e trasmissione delle conoscenze. Con un occhio di riguardo verso le nuove generazioni. Nel tempo di un caffè (scientifico) verranno esplorate alcune modalità di divulgazione, rivolte a target e media diversificati. Scoprendo come anche la scuola possa essere fucina di idee e creatività, con l’esempio di “Reset Svalbard”, lo straordinario progetto di ricerca, sperimentazione e apprendimento realizzato dal Liceo “Fabio Filzi” di Rovereto. Federico Taddia, giornalista e autore televisivo, ha condotto “Nautilus” su Rai Scuola e lavorato per Rai radio2. Scrive regolarmente per il quotidiano “La Stampa”, collabora ai testi di Fiorello e, prima a “Ballarò” e ora a “diMartedì”, fa parte della squadra di Giovanni Floris. Per Rizzoli ha scritto Nove vite come i gatti con Margherita Hack. È inoltre giornalista radiofonico per “Radio 24” dove conduce “L’Altra Europa”.

 

 

(Foto da comunicato stampa)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Filippo Degasperi) – «Stando alle notizie che circolano in queste ore, pare che l’emittente televisiva locale Tca – Trentino Tv abbia deciso di procedere con il licenziamento senza preavviso di tre dei suoi giornalisti. Se la notizia fosse confermata, ci troveremmo di fronte a un fatto molto grave. Non solo perché tre professionisti si ritrovano da un giorno all’altro senza lavoro, ma anche perché questo episodio mette in luce una volta di più la miopia e la scarsa attenzione con cui la Giunta provinciale in questi mesi ha affrontato il tema dei contributi pubblici agli organi di informazione locale».
Lo scrive in una nota alla stampa il consigliere provinciale M5S Filippo Degasperi, che oltre a esprimere la propria solidarietà nei confronti dei professionisti oggetto del licenziamento, non risparmia dure critiche ai vertici provinciali. «La notizia, come ripetiamo, deve essere confermata, ma se così fosse, dimostrerebbe in maniera lampante che la legge provinciale n. 15/2016 a sostegno della piccola editoria trentina, recentemente votata all’unanimità, è del tutto inutile, perché non ha raggiunto uno dei suoi obiettivi fondamentali (ragione per cui era stata votata anche dal M5S), vale a dire garantire almeno i livelli occupazionali. L’ordine del giorno che avevamo proposto, mirava proprio a questo: a verificare la coerenza tra gli impegni occupazionali e gli obiettivi indicati nelle domande di contributo delle imprese che operano nel settore dell’informazione. Se un’emittente pensa di fare informazione al giorno d’oggi con una redazione ridotta ai minimi termini deve dimostrarlo, per evitare di trasformarsi semplicemente nel megafono di chi è in grado di confezionargli comunicati stampa e video da rilanciare.
Ora ci aspettiamo quantomeno che, come già richiesto dal M5S, il Consiglio revochi gli incarichi assegnati per via diretta. Prendiamo, infine spunto da questo grave episodio per sollecitare il presidente Rossi a rispondere alla nostra interrogazione dello scorso ottobre e rendere noti gli importi che la Provincia assegna ogni anno alle televisioni locali. Ai giornalisti oggetto di questa drastica decisione – conclude Degasperi – va ovviamente tutta la nostra solidarietà: con la certezza che la loro professionalità (sempre dimostrata sul campo) possa presto tornare al servizio dell’informazione trentina».

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Maurizio Fugatti) – L’arrivo dei profughi sul territorio trentino non sembra arrestarsi e questa volta interessa la val di Sole. La Provincia si sta mobilitando tramite il Cinformi, la Comunità di Valle e le amministrazioni locali della Val di Sole per trovare appartamenti per 45 profughi, e pare che sia già a buon punto. La soluzione prospettata in val di Sole prevede un numero di appartamenti da dividersi per Comune, con l’intervento finanziario della Provincia per il pagamento degli affitti e delle bollette elettriche, oltrechè dei pasti e delle bevande. Inoltre la Provincia, tramite la varie associazioni, si attiva per organizzare i lavori socialmente utili, si preoccupa di organizzare corsi di italiano e di educazione civica, mette a loro disposizione gli abbonamenti gratuiti per circolare liberamente su bus e treni per il Trentino, si accerta che vi sia la presenza del wifi negli appartamenti affinché possano comunicare con i famigliari lasciati a casa, versa loro un pocket money giornaliero per le loro spese quotidiane.

Da informazioni a disposizione dell’interrogante parrebbe che già il giorno successivo dell’accordo tra gli enti locali della Val di Sole una associazione di gestione profughi si sia premurata di presentare un preventivo agli enti interessati per i 45 profughi previsti. Evidentemente il business della gestione dei profughi si sta allargando anche in Trentino al punto di velocizzare in modo considerevole pure la presentazione dei preventivi. Secondo l’interrogante la disponibilità fornita dalla Provincia in questi anni in tema di gestione profughi al governo italiano è eccessiva. La Provincia di Trento dovrebbe invece iniziare a porre dei freni alla accoglienza finché il Governo non decide di fare una politica di espulsione seria e veloce e finché non si attua una politica di respingimento e blocco degli sbarchi. Essendo i profughi ospitati in appartamenti, risulta interessante sapere se la Provincia mette a loro disposizione i buoni spesa di 150 Euro mensili con i quali possono acquistare generi alimentari ed extralimentari (come bene spiega il sito di Cinformi). Tra questi, come più volte ci è stato segnalato, ci sono anche alcoolici e sigarette. Inoltre è utile sapere anche se i profughi disporranno dei biglietti gratuiti di treni e bus per tutto il Trentino, come finora si è sempre verificato.

Tutto ciò premesso,

si interroga
il Presidente della Provincia
per sapere:

1) Quando è previsto l’arrivo dei 45 profughi in Val di Sole e in quali comuni;
2) Quante donne vi sono tra i profughi in arrivo;
3) Di che nazionalità sono i 45 profughi in arrivo e quanti sono i siriani;
4) A quanto ammontano le spese di affitto per singolo profugo nei vari appartamenti della val di Sole?
5) Quanto spende la Provincia annualmente per l’affitto dei profughi negli appartamenti in Trentino?
6) E’ prevista la presenza del wi-fi negli appartamenti in val di Sole?
7) Per quanti di questi profughi è previsto l’utilizzo delle tessere dei buoni spesa per le spese nei negozi alimentari? Si possono acquistare anche alcoolici e sigarette?
8) Quante di queste tessere e per quale importo totale ha finora erogato la Provincia in Trentino?
9) A quanto ammonta la spesa prevista per i bus e treni gratuiti in tutto il Trentino?
10) Risulta vero che una associazione ha presentato il preventivo il giorno successivo all’incontro con gli enti locali? Di quale associazione eventualmente si tratta?
11) Chi ha vinto l’appalto della gestione profughi in Val di Sole?

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

 

 

In allegato l’interrogazione:

170123 – INT GCLNT – 45 PROFUGHI IN ARRIVO IN VAL SOLE – MF

 

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Ufficio stampa Lav) – Da martedì prossimo si potrebbe riaprire la caccia ai lupi in Italia. La Conferenza Stato Regioni sarà chiamata ad approvare il nuovo piano nazionale di conservazione che prevede anche l’uccisione dei lupi. Dopo 46 anni di protezione assoluta, che hanno consentito di allontanare lo spettro dell’estinzione, ora il nostro Paese vuole invertire la rotta consentendo di uccidere i lupi. “Si tratta di una prospettiva gravissima, tecnicamente inefficace ed eticamente inaccettabile – dichiarano le associazioni – che rischia di far ricordare il Presidente del Consiglio Gentiloni come colui che, dopo 46 anni, ha riaperto la caccia ai lupi. Istituire la caccia al lupo è contro qualsiasi logica ed etica ambientale e rischia di rimettere in discussione lo stato di conservazione del lupo in Italia, anche attraverso un indiretto ma probabilissimo incentivo agli atti di bracconaggio contro la specie. “Il Presidente Gentiloni è chiamato dunque ad una riflessione in considerazione dell’alto incarico istituzionale che ricopre e della sua stessa esperienza in campo ambientalista, visto anche il passato da direttore di un’importante testata giornalistica specializzata in questo campo.

“Per i lupi – affermano Enpa, Lac, Lav, Lipu e Lndc – non sono possibili abbattimenti realmente selettivi e gli effetti di tali abbattimenti sono sempre imprevedibili. I comportamenti predatori non diminuirebbero ma potrebbero invece aggravarsi, come successo in altri Paesi. Infine, la misura degli abbattimenti non avrebbe alcun effetto positivo sulle tensioni sociali e anzi potrebbe aggravarle, con la richiesta di nuovi e continui abbattimenti e una maggiore tolleranza verso atti di bracconaggio e di “giustizia” privata. “La riapertura della caccia al lupo vanificherebbe di fatto i contenuti positivi del piano, che prevede numerose azioni con l’obiettivo di diminuire la conflittualità sul territorio tra gli interessi umani, la presenza del lupo e rilevanti attività a tutela del lupo, quali il contrasto del bracconaggio e la prevenzione delle ibridazioni tra lupi e cani, causa dei maggiori contrasti con le attività produttive sul territorio. Tra le previsioni del piano, si rileva con favore la cancellazione, rispetto alla prima stesura di ottobre 2015, della possibilità di abbattimento dei cani vaganti, per la cui gestione è invece prevista una più puntuale e decisa applicazione, da parte delle Regioni, delle misure previste dalla legge nazionale 281/91 sulla prevenzione del randagismo.

“Il nuovo piano – concludono le associazioni – proprio perché concepito allo scopo di migliorare la convivenza tra gli interessi umani e le popolazioni di lupo, non può dunque prevedere il consueto, inefficace, antiquato ricorso al metodo venatorio, ancor di più perché eticamente inaccettabile. Per questo motivo chiediamo ai Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome, che martedì saranno chiamati a votare il piano nella conferenza Stato Regioni, di pretendere l’eliminazione del paragrafo che intende consentire l’uccisione dei lupi. Diversamente, per il nostro Paese, riconosciuto all’avanguardia a livello internazionale nella conservazione del lupo con una legge che vieta gli abbattimenti dal 1971, sarebbe un grave errore e un clamoroso ritorno al passato.”

Queste, in sintesi, le ragioni per cui l’abbattimento dei lupi non deve essere consentito:

– perché non esistono dati precisi e attendibili sulla popolazione di lupi in Italia;
– perché lo stato di conservazione del lupo potrebbe essere pericolosamente compromesso;
– perché non sono possibili abbattimenti realmente selettivi e gli effetti sono sempre imprevedibili;
– perché non diminuirebbe i comportamenti predatori ma potrebbe aggravarli, come in altri Paesi;
– perché non avrebbe effetti positivi sulle tensioni sociali e, anzi, potrebbe comportare una maggiore tolleranza verso atti di bracconaggio e di “giustizia” privata.
– da 46 anni i lupi sono specie particolarmente protetta.

 

 

 

(Foto lupo da archivio Ufficio stampa Pat)

(Pagina 840 di 866)