LANCIO D’AGENZIA

(Fonte: Corte Conti Trentino Alto Adige) – In allegato Pdf “Memoria Procura relazione rendiconto Provincia autonoma Trento 2016” e “Memoria Procura rendiconto Regione Trentino Alto Adige 2016”.

 

 

nota 1008 Memoria Procura rendiconto Pat es. fin. 2016

 

memoria Procura Rendiconto Regione TAA_S es. fin. 2016

 

(Fonte: Corte Conti Trentino Alto Adige) – In allegato Pdf “Sintesi relazione rendiconto Provincia autonoma Trento 2016” e “Rendiconto Regione Trentino Alto Adige 2016”.

 

Sintesi relazione Rendiconto PAT es. fin. 2016

 

Sintesi relazione Rendiconto Regione TAA-S es. fin. 2016

 

(Fonte: Ufficio stampa Trentino Sviluppo) – Il Trentino guarda alla Cina e punta sul web. La “ricetta” di Alibaba. Il leader mondiale dell’e-commerce per la prima volta in regione, ospite di Trentino Sviluppo. Tra i settori di maggiore appeal l’abbigliamento sportivo e l’enogastronomia. Manfredi Minutelli, Business Development manager responsabile Food&Wine di Alibaba Italia: “Alibaba rappresenta un interlocutore privilegiato per tutte quelle aziende che vogliono internazionalizzarsi e affacciarsi sul vasto mercato cinese.

La Cina è sicuramente una grande opportunità, ma il consiglio concreto che diamo alle aziende interessate a sbarcare sulle nostre piattaforme è di studiare, intercettare e capire le abitudini dei consumatori cinesi. Bisogna essere preparati e avere gli strumenti adeguati.

Ad oggi 731 milioni di cinesi hanno accesso a Internet, ovvero il 50% del totale della popolazione. Si tratta di una cifra che rappresenta da un lato un grande potenziale e dall’altro una grande sfida. Sulle nostre piattaforme sono presenti oltre 1.000 brand e 150 flagship store italiani, e alcuni di questi sono trentini, come la cantina Mezzacorona e La Sportiva, i cui prodotti sono in forte crescita tra i 454 milioni di consumatori cinesi attivi nel nostro ecosistema.

Alle aziende trentine che vogliono affacciarsi su questo mercato Alibaba consiglia di avere una strategia di medio – lungo termine, di studiare le abitudini dei cinesi, e preparare un efficace piano di marketing e comunicazione per far conoscere i propri prodotti. L’e-commerce abbatte i costi e riduce i tempi – ha concluso – ma bisogna essere preparati”.

 

 

 

 

*

Dall’abbigliamento sportivo all’agroalimentare, fino al design, i prodotti per bambini e i macchinari. La Cina rappresenta un mercato dal grande potenziale per le imprese trentine, con particolare riferimento alle vendite on-line. Con oltre 700 milioni di utenti Internet e un valore dell’e-commerce pari a 717 miliardi di euro, questa grande economia rappresenta infatti il maggiore mercato digitale al mondo.

Il tema è stato al centro del workshop promosso nella mattinata di oggi da Trentino Sviluppo, dal titolo “Vendere in Cina attraverso l’e-commerce” che ha visto per la prima volta in Trentino lo staff di Alibaba Group, il maggiore marketplace per il mobile e online e-commerce al mondo.

Il consiglio degli esperti alle imprese trentine? Impostare una strategia di medio-lungo termine e preparare azioni di marketing efficaci in grado di promuovere la propria offerta e sfruttare al meglio le opportunità del web.

Internet rappresenta un canale innovativo ed efficace per farsi conoscere in un mercato lontano e competitivo come la Cina. Lo sa bene Alibaba Group, piattaforma per il mobile ed e-commerce nata in Cina nel 1999 e oggi leader mondiale del settore, con un giro d’affari di 547 miliardi di dollari.

L’appeal dei prodotti made in Italy in Cina è alto, tanto da portare Alibaba ad inaugurare la sua prima sede europea proprio nel nostro Paese, nel 2015, a Milano.

Questa mattina Alibaba è intervenuto per la prima volta in Trentino, grazie alla collaborazione con Trentino Sviluppo. Un’opportunità rivolta alle imprese del territorio colta da oltre 60 realtà trentine che hanno potuto approfondire la conoscenza del mercato cinese attraverso le relazioni degli esperti e incontrare lo staff di Alibaba con incontri personalizzati.

Il workshop è stato introdotto dalla consigliera delegata di Trentino Sviluppo Tiziana Carella che ha sottolineato gli aspetti innovativi dell’incontro, dedicato ad un mercato strategico come quello della Cina a partire dalle nuove opportunità del digitale.

“Il mercato cinese – ha spiegato poi Raffaele Farella, dirigente dell’Ufficio attività internazionali della Provincia autonoma di Trento – rappresenta per le imprese italiane e trentine una straordinaria opportunità.

La sua crescita si attesterà nel prossimo biennio intorno al 7%, più moderata rispetto al passato ma anche più equilibrata, con un aumento graduale e strutturale dei consumi e dei servizi ed una graduale riduzione degli investimenti e dell’export. Negli ultimi 3 anni sono state 5 le missioni istituzionali e promo-commerciali realizzate nel paese con oltre 30 aziende coinvolte, la chiusura di contratti e la firma di due importanti accordi con la grande Provincia del Sichuan (90 milioni di abitanti e i tassi di crescita più dinamici dell’intera nazione) e uno dei principali gruppi di realizzazione degli impianti per le Olimpiadi invernali di Pechino 2022.

Il workshop ha visto poi la presentazione delle iniziative messe in campo da Trentino Sviluppo in collaborazione con la Provincia per favorire l’internazionalizzazione delle imprese trentine. Mauro Casotto della Direzione Operativa di Trentino Sviluppo ha spiegato: “L’e-commerce è uno strumento che aiuta le aziende a raggiungere un consumatore finale che è sempre più digitalizzato.

Stiamo lavorando per creare una piattaforma trentina in modo che anche le piccole imprese locali possano avere il nostro supporto e avere meno paura verso mercati così lontani ma dal grande potenziale”.

L’incontro è proseguito poi con l’analisi del mercato cinese a cura di Maria Giuffrida, ricercatrice dell’Osservatorio Export del Politecnico di Milano, in collegamento da Pechino.

“Il contesto cinese è particolarmente favorevole alla crescita di questo tipo di commercio, con una diffusione capillare del web e un incremento degli acquisti on-line che tra il 2015 e il 2016 è stato del 24%. Di questi – ha spiegato Maria Giuffrida – ormai il 70% avviene attraverso piattaforme mobile e il 30% attraverso desktop e laptop.

La consapevolezza di queste caratteristiche risulta senza dubbio strategia per un export di successo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto: da comunicato stampa

(Fonte: Istituto Cattaneo – http://www.cattaneo.org)  – In allegato il report Pdf  “Comunali 2017 – gli elettori del Movimento 5 stelle ai ballottaggi: continua la fase «politica».

 

Analisi-Istituto-Cattaneo-Comunali-2017-Analisi-comportamento-M5s-ai-ballottaggi-26-giugno-2017

(Fonte: http://www.navigazionelaghi.it) – Gli orari e le tariffe dei servizi di navigazione sul lago di Garda (dal 1 giugno al 8 ottobre 2017).

 

 

 

 

Per orari, cliccare qui:

 

 

Per tariffe, cliccare qui:

(Source: http://www.navigazionelaghi.it) – The timetables and fares of navigation services on Lake Garda (from 1 June to 8 October 2017).

 

 

 

For timetables, please click here:

 

 

For fares, please click here:

(Fonte: http://www.navigazionelaghi.it) – Gli orari e le tariffe dei servizi di navigazione sul lago di Garda (dal 1 giugno all’8 ottobre 2017).

 

 

Per orari, cliccare qui:

 

 

Per tariffe, cliccare qui:

(Fonte: http://www.navigazionelaghi.it) – Gli orari e le tariffe dei servizi di navigazione sul lago di Garda (dal 1 giugno all’8 ottobre 2017).

 

 

Per orari, cliccare qui:

 

 

Per tariffe, cliccare qui:

La Funivia Malcesine Monte Baldo è aperta dal 25 Marzo 2017 al 12 Novembre 2017, tutti i giorni, ininterrottamente.

Per la salita dalla stazione di Malcesine le corse iniziano alle 08.00 e proseguono ad intervalli di 30 minuti fino alle 18.00,  mentre dalla stazione intermedia di San Michele dalle 08.15 alle 18.15 ad intervalli ogni 30 minuti.

 

*

il primo, Malcesine – S. Michele è lungo 1512 m e supera un dislivello di 463 m;

 

 

**

il secondo, da S. Michele al Monte Baldo, è lungo 2.813 m e supera un dislivello di 1187 m

 

 

La portata è di circa 600 persone/ora con cabine da 45 nel primo tratto e 80 posti nel secondo.

Per la discesa dalla stazione del Monte Baldo le corse iniziano alle 08.15 e proseguono ad intervalli di 30 minuti fino alle 18.45, mentre dalla stazione intermedia di San Michele dalle 08.00 alle 19.00 ad intervalli ogni 30 minuti.

 

 

Per vedere tutti gli orari cliccare qui:

(Fonte: Rodolfo Borga) – In questi giorni è tornata d’attualità la questione della crescente presenza del lupo nella nostra Provincia, anche a seguito delle preoccupazioni espresse dal mondo degli allevatori per il tramite del Presidente Fezzi, il quale in occasione dell’ultima assemblea della Federazione allevatori ha ribadito che tale presenza “mette in discussione l’equilibrio delle malghe, poiché è impensabile ricoverare gli animali durante la notte”.

La posizione della Provincia di Bolzano sulla questione è nota. L’onorevole Dorfmann ha anche recentemente preso posizione a livello europeo, evidenziando i problemi che la crescente presenza dei lupi nelle Alpi orientali comporta per turismo ed agricoltura di montagna, facendosi interprete delle preoccupazioni manifestate a più riprese dagli operatori del settore.

La Provincia, per il tramite dell’assessore competente Schuler, ha recentemente espresso parere favorevole in sede di Conferenza Stato Regioni al piano di abbattimento presentato dal Ministero dell’Ambiente, in base al quale si prevedeva la possibilità di consentire a determinate (e rigorose) condizioni il prelievo di lupi.

Pare che soltanto Alto Adige/Südtirol e Toscana abbiano espresso parere favorevole al piano, che sarebbe pertanto stato bocciato da tutte le altre Regioni (Trentino compreso) e conseguentemente archiviato. Ciò premesso, si chiede di sapere: a) se l’assessore Dallapiccola (o un suo delegato) era presente alla seduta della Conferenza delle Regioni di cui in premessa; b) in ipotesi di risposta positiva, se è vero che il Trentino, a differenza dell’Alto Adige Südtirol, ha bocciato il paino di abbattimento presentato dal Ministero dell’Ambiente ed eventualmente quali sono le ragioni di tale decisione; c) in ipotesi negativa, le ragioni dell’assenza.

 

 

 

In allegato l’interrogazione a risposta orale immediata in aula:

IDAP_790321

 

 

 

Foto: archivio Pat

(Pagina 3108 di 3141)