LANCIO D’AGENZIA

Da aprile sono operativi, nell’ambito della progettualità dell’Area materno infantile, i primi ambulatori territoriali di chirurgia pediatrica negli ospedali di Borgo Valsugana e Cles e nel poliambulatorio di Tonadico.

I piccoli pazienti, spesso bambini al di sotto dei tre anni, potranno così evitare lunghi trasferimenti per avere un servizio fino ad oggi erogato dal solo ospedale Santa Chiara di Trento. Il progetto degli ambulatori territoriali di chirurgia pediatrica rappresenta un nuovo tassello nella costruzione di una sanità che mette al centro il cittadino, dove è il medico ad andare incontro al paziente e ai territori più lontani.

Gli ambulatori territoriali sono disponibili con cadenza mensile per ciascuna sede e svolgono attività diagnostica per patologie chirurgiche non urgenti, e quindi soprattutto prime visite e controlli prima o dopo gli interventi chirurgici, tutte prestazioni prenotabili al Cup, Centro unico prenotazioni.

Il progetto prevede l’apertura di un ambulatorio di chirurgia pediatrica anche all’ospedale di Cavalese, a cui si aggiungeranno altre sedi, di cui di si sta verificando la fattibilità. A garantire l’attività ambulatoriale sarà il personale in forze all’Unità operativa di chirurgia pediatrica di Trento.

L’allestimento degli ambulatori che hanno aperto ad aprile – Borgo Valsugana, Cles e Primiero San Martino di Castrozza (Località Tonadico) – è curato dall’associazione di volontariato Achipe onlus (Associazione amici della chirurgia pediatrica trentina), che si è impegnata a rendere gli ambienti il più confortevoli possibile per i bambini.

L’attivazione di un’attività ambulatoriale a livello territoriale nasce da una progettualità dell’Unità operativa di chirurgia pediatrica finalizzata a migliorare la collaborazione con il territorio e a rispondere in maniera adeguata ai bisogni delle comunità locali.

Il progetto degli ambulatori territoriali si inserisce perfettamente in un processo di riorganizzazione più ampio e articolato che mira ad aumentare la quantità e la qualità delle cure e ad un maggiore confronto con i pediatri di libera scelta, con l’obiettivo di ridurre gli spostamenti dei pazienti.

Nell’area pediatrico ospedaliera del Santa Chiara di Trento, è in fase avanzata di realizzazione la creazione di un’area omogenea medico-chirurgica, distinta per intensità di cure pediatriche, che prevede l’interazione operativa tra chirurgia pediatrica, neonatologia, neuropsichiatria infantile e pediatria.

Inoltre si sta lavorando ad una migliore collaborazione con le unità operative di chirurgia pediatrica, neonatologia e pediatria dell’ospedale di Bolzano, il tutto, con l’obiettivo di mettere al centro il bambino e costruire attorno a lui tutti i servizi di cui necessita, cercando di superare i limiti legati all’appartenenza ad una disciplina e alla sede unica di erogazione dei servizi.

«Con l’apertura dei nuovi ambulatori territoriali di chirurgia pediatrica – ha sottolineato l’assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni – si ampliano ulteriormente i servizi sul territorio, nell’ottica di una sanità più vicina ai sempre più complessi bisogni di salute delle persone.

È giusto andare incontro alle richieste delle nostre comunità, proseguendo comunque il cammino intrapreso dal nostro sistema sanitario verso la concentrazione delle attività di alta complessità, fondamentale per garantire la qualità dei servizi erogati».

 

Ancora un successo ieri su Rai1 per la “Corrida” condotta da Carlo Conti che ha vinto la prima serata con oltre 5 milioni di spettatori (5 milioni 296 mila) e il 23.5 di share.

Ascolti in linea per Rai2 con “Nemo – Nessuno escluso”, condotto da Valentina Petrini ed Enrico Lucci, che ha totalizzato 941 mila telespettatori e uno share del 4.2. Su Rai3 bene il film “Viva l’Italia” di Massimiliano Bruno, con 1 milione 484 mila spettatori e uno share del 6.

Nel preserale di Rai1 sempre bene “L’Eredità” seguita da 4 milioni 372 mila persone (24.9 di share) e i “Soliti Ignoti – Il ritorno” nell’access prime time con 5 milioni 9 mila telespettatori e il 20.3 di share. Da segnalare in seconda serata il risultato di “Tv7”, il magazine di attualità del Tg1, che totalizzato uno share di 9.7 con 942 mila spettatori.

Nel pomeriggio di Rai2, buon inizio per la 101^ edizione del Giro d’Italia. La prima tappa a cronometro a Gerusalemme è stata vista da 804 mila spettatori con uno share di 6.5, mentre il “Processo alla tappa” condotto da Alessandra De Stefano ha ottenuto uno share del 6.6 e 717 mila spettatori.

Complessivamente il gruppo Rai si è aggiudicato la prima serata con 9 milioni 467 mila spettatori (share 38), la seconda serata con 4 milioni 205 mila telespettatori (share 33.6) e l’intera giornata con 3 milioni 715 mila spettatori (share 36.5).

“Il treno è la salvezza del Trentino. Mercoledì sera (9 maggio) atterrerò a Tallin (Estonia) per parlare all’annuale conferenza sul trasporto pubblico gratuito. Sarò al fianco di amministrazioni che lo hanno realizzato e di coloro i quali lo vorrebbero attuare al fine di condividere i risultati e le ipotesi realizzative.

Mi preme però soffermarmi sulla realtà territoriale trentina, la quale potrebbe avere un ruolo determinante nella modifica delle abitudini di mobilità dei cittadini.

Crocevia di merci e persone, luogo di destinazione privilegiato in ambito turistico, il Trentino deve poter fare un salto di qualità nell’offerta guardando al futuro.

E il futuro non è l’automobile privata.

Mi dispiace per chi, arroccandosi in idee vecchie e stantie, crede che lo sviluppo sia solo una striscia di asfalto in più, una galleria per agevolare i tir, un motore puzzolente e inquinante che “velocemente” sposti poche persone creando code infinite e distruggendo il benessere dei cittadini e dei territori che attraversano.

Occorre mettere insieme proposte e idee per porre le basi di un Trentino accogliente, attraversabile, bello.

E uno svincolo autostradale non è bello.

Però non possiamo arroccarci ed evitare la contaminazione, dobbiamo governare in modo sostenibile le necessità del trasporto, arricchendo il più possibile il nostro territorio, sia culturalmente sia economicamente.

Unire il Veneto con il Trentino, Rovereto con l’Alto Garda, Trento con le Dolomiti, si può fare senza forzatamente asfaltare ogni vigna disponibile.

Si deve risolvere il drammatico problema della Valsugana, senza spostare il traffico altrove, ma fornendo alle imprese trasportiste alternative sostenibili e vantaggiose in termini di tempo e di denaro.

Diminuire quel il carico di merci che non produce ricadute economiche sul territorio, ma che inquina l’Europa senza vantaggio, che l’A22 in modo forzoso attira grazie alle sue politiche tariffarie al ribasso. Non solo si può ma, si deve fare il più velocemente possibile.

Per questo occorre immaginare un sistema di trasporto su ferro, coordinato con i territori limitrofi, che permei il Trentino e sposti merci e persone dall’uso dell’auto privata.

Serve un collegamento con Vicenza e la Valdastico per scaricare la Valsugana?

Pensiamola come il Sempione, tra Briga e Domodossola. Un treno che porti merci e persone, che si colleghi con l’asse del Brennero e del tram-treno per il Garda. Si può fare e non saremmo i primi a unire due regioni solo con il treno.

Pensiamo a un collegamento ferroviario di superficie tra Rovereto e l’Alto Garda, che dia soluzione di mobilità a Mori, Nago-Torbole, Riva e Arco ma, allo stesso tempo, sia attrattivo turisticamente. Un tram-treno che si “tuffi nel lago di Garda” da Nago a Torbole, regalando un’esperienza impagabile ai cittadini e ai turisti.

Pensiamo a un collegamento su ferro per la Val di Fassa e Fiemme che risolva realmente le necessità degli operatori economici, industriali e turistici, insieme a quelle dei cittadini.

Pensiamo al nuovo ospedale di Trento al centro di questo crocevia ferroviario territoriale.

Altrimenti saremo una facile preda di chi vuole asfaltare e distruggere.

Lo diciamo da tempo, non esistono più le categorie politiche novecentesche, ma convergenze sui temi e sui progetti.

Mi aspetto che chiunque tenga al territorio sia disponibile.

Link

 

*

Paolo Vergnano

La 52ª edizione di «Vinitaly» ha rappresentato la vetrina ideale per far conoscere al grande mondo enologico italiano il nuovo Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori, che nel corso della quattro giorni veneta ha visto i propri rappresentanti impegnati in incontri, interventi e presentazioni.

Nel dettaglio si è svolta una riunione del direttivo, durante la quale tra i vari punti all’ordine del giorno si è parlato della nuova legge sull’enoturismo, della composizione delle Associazioni e delle Federazioni che fanno parte del Coordinamento, dei Pat-Prodotti Agroalimentari Tradizionali, della condivisione di esperienze e di futuri eventi da sviluppare a livello nazionale; si è inoltre deciso di redigere un manifesto di intenti che vada a presentare gli obiettivi del Coordinamento.

Paolo Morbidoni e Francesco Antoniolli, Portavoce Nazionale e suo Vice, accompagnati da alcuni Presidenti di Strade del Vino e dei Sapori d’Italia, hanno inoltre dialogato con varie importanti realtà del mondo del vino e nello specifico: Confagricoltura rappresentata da Federico Castellucci, Presidente della Federazione Nazionale di Prodotto – Vitivinicoltura, e Christian Marchesini, Vicepresidente Nazionale di Prodotto – Vitivinicoltura; Associazione Nazionale Città del Vino rappresentata dal Presidente Floriano Zambon; Movimento Turismo del Vino rappresentato dal Presidente Nicola d’Auria e con la FIVI-Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti rappresentata dalla Presidente Matilde Poggi.

Durante la quattro giorni il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori ha avuto la possibilità di incontrare Federico Caner, Assessore al Turismo della Regione Veneto, che ha anche tenuto a battesimo il nuovo Coordinamento delle Strade del Vino e dei Sapori del Veneto, composto da ben undici associazioni territoriali.

I Portavoce hanno inoltre portato la propria testimonianza all’incontro di Città del Vino della Calabria, curato da Iole Piscolla, durante il quale si è parlato di enoturismo e territorio con il Presidente dell’Associazione Nazionale Città del Vino, il Presidente dell’Enoteca Regionale della Calabria Gennaro Convertini e con Massimo Del Mestre del Movimento Nazionale Turismo del Vino e all’iniziativa organizzata nel padiglione “Umbria” dedicata alle nuove frontiere del turismo del vino, a cui hanno partecipato anche il Presidente di Movimento Turismo del Vino Nicola D’Auria e il senatore Stefàno.

Soddisfatto Francesco Antoniolli, Viceportavoce Nazionale e Presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, per quanto riguarda l’esito di questi incontri conoscitivi. «Siamo molto contenti della disponibilità e dell’attenzione dimostrate da questi importanti enti che operano nel mondo del vino da decenni. – ha commentato – Risulta infatti fondamentale per noi, rappresentanti di un Coordinamento nato da pochi mesi, tessere una rete di relazioni efficaci sul territorio con soggetti che hanno obiettivi comuni ai nostri al fine di porre basi solide al nostro operato».

Alla vigilia del nuovo giro di consultazioni, sarà il capo politico del M5S Luigi Di Maio il primo ospite della puntata di “1/2h in più” in onda domenica 6 maggio a partire dalle 14.30 su Rai3.

Subito dopo, Lucia Annunziata intervisterà l’ex presidente del Consiglio Mario Monti.

S’intitola “Il mistero della cella 20” il caso esaminato nella puntata di “Un giorno in pretura”, sabato 5 maggio, alle 24.20 su Rai3. In una fredda mattina d’autunno, nella cella 20 del carcere di Capanne, viene rinvenuto il corpo senza vita di Aldo Bianzino, falegname di 44 anni, finito in carcere due giorni prima per possesso di marijuana.

La prima autopsia rivela una realtà inquietante: la causa di morte sarebbe un’emorragia cerebrale di natura traumatica, ma sul corpo dell’uomo non è stato trovato alcun segno di percosse. E’ un’indagine lunga e complicata. Di cosa è morto dunque Aldo Bianzino? Sul banco degli imputati, accusato di omissione di soccorso, siede Gianluca Cantoro, agente penitenziario di turno quella notte nella sezione 2B.

Mart Open Day. Domenica 6 maggio – ore 10.00 Ingresso gratuito al museo dalle 10.00 alle 18.00. Appuntamenti: ore 10.00 – 13.00 | Babymart
Museolandia.

Laboratorio continuo per bambini dai 3 ai 10 anni. A cura della cooperativa scolastica Noinsieme. Partecipazione gratuita
ore 11.00 – 12.00 | Sale espositive e Sala conferenze
Focus | Pietro Consagra. Trama
Presentazione e visita guidata alla mostra. A seguire, proiezione del filmato Pietro Consagra, un classico dell’arte di Antonia Mulas. Partecipazione gratuita. Prenotazioni dalle ore 10.00 in biglietteria
ore 15.00 – 16.00 | Sale espositive

 

*

Viaggio in Italia
Visita guidata alla mostra. Costo: € 2. Prenotazioni dalle ore 14.00 in biglietteria
ore 15.00 – 16.30 | Area educazione
Disegnare il paesaggio
Laboratorio per bambini dai 5 ai 12 anni. Costo € 5. Prenotazioni: lun-ven education@mart.tn.it; sab-dom 0464.438887
ore 16.00 – 18.00 | Auditorium Melotti

*

Io amo tu ami noi amiamo
Laboratorio per bambini dai 7 agli 11 anni. A cura di Centro Servizi Culturali Santa Chiara e Nuovo Cineforum Rovereto. Partecipazione gratuita su prenotazione: pinfo@centrosantachiara.it
ore 16.15 – 18.00 | Sale espositive
Le travail du peintre. Un incontro tra le arti
Concerto a cura del Festival SETTENOVECENTO. Musiche di Francis Poulenc. Partecipazione gratuita.

 

*

Mart Incontri

Incontro tra arte e vino

Giovedì 10 maggio – ore 17.30

Visita guidata alla mostra Viaggio in Italia. A seguire, degustazione di Altemasi Trentodoc. Evento in collaborazione con Cavit.

Dove: Mart, Sale espositive e Sala Amici
Partecipazione gratuita
Prenotazione obbligatoria: eventi@mart.tn.it

 

*

Balli plastici remix

Venerdì 11 maggio – ore 21.00

Nell’ambito del Festival SETTENOVECENTO/Incontri musicali, incursioni della Compagnia Abbondanza/Bertoni nello storico spettacolo di Fortunato Depero. Una produzione Compagnia Abbondanza/Bertoni, Associazione Filarmonica di Rovereto, Settenovecento in collaborazione con Mart, Archivio del ‘900.

Dove: Auditorium Melotti, Rovereto
Costo: € 5, prevendite su www.primiallaprima.it
Informazioni: eventi@mart.tn.it

VIII Giornata Nazionale degli Archivi di Architettura

Spazi aperti

Martedì 15 maggio e Mercoledì 16 maggio

Appuntamenti gratuiti in occasione dell’VIII Giornata Nazionale degli Archivi di Architettura:

15 maggio | Mart, Archivio del ‘900
ore 15.00 – 16.00
Esposizione e presentazione dei modelli e del progetto dell’Acropoli alpina
15 maggio | Doss Trento
ore 17.00 – 19.00

Passeggiata di architettura sul Doss Trento con trasferimento in pullman dal Mart.
Incontri condotti dall’architetto Giovanni Marzari. Informazioni e prenotazioni: eventi@mart.tn.it
16 maggio | Mart, Mezzanino
ore 9.00 – 13.00

Visite alla mostra Rappresentare l’architettura, guidate dagli studenti del Liceo artistico Depero e riservate alle scuole superiori del territorio. Informazioni e prenotazioni: education@mart.tn.it

 

*

Distretto 38. Musiche/Arti/Innovazione

Giovedì 17 maggio – ore 21.00

Terza edizione del Festival promosso dal Centro Servizi Culturali Santa Chiara, dedicato al suono elettronico contemporaneo tra “clubbing” e ricerca sperimentale. All’interno del programma, il produttore Fennesz presenta il progetto Mahler Remixed, basato sulle sinfonie del compositore austriaco. A seguire, alle ore 23.00, dj set di Borut Cvajner.

Dove: Auditorium Melotti, Rovereto
Costo € 5; dj set con ingresso gratuito
Informazioni: eventi@mart.tn.it

 

*

Giornata internazionale dei musei

Venerdì 18 maggio – ore 10.00

In occasione della 18. Giornata internazionale dei musei promossa da ICOM, ingresso gratuito al Mart, alla Casa d’Arte Futurista Depero e alla Galleria Civica di Trento.

Informazioni: eventi@mart.tn.it

 

*

Mart Opening

Gianfranco Baruchello

Venerdì 18 maggio – ore 19.00

Inaugurazione della mostra a cura di Gianfranco Maraniello. Un itinerario attraverso i principali nuclei di indagine di Gianfranco Baruchello, artista che ha operato oltre i confini tradizionali dell’arte, mettendo in discussione sistemi e convenzioni culturali.

Dove: Mart, Rovereto
Partecipazione gratuita
Informazioni: eventi@mart.tn.it

 

*

Palazzi aperti

Venerdì 18 maggio e Sabato 19 maggio

In occasione della manifestazione Palazzi aperti. I Municipi del Trentino per i beni culturali, visite guidate gratuite al Mart e alla Casa d’Arte Futurista Depero:

18 maggio | Mart
ore 15.00 – 16.00
Visita guidata alla mostra Viaggio in Italia
19 maggio | Casa Depero
ore 15.00 – 16.00
Visita guidata al museo.

Informazioni: eventi@mart.tn.it

 

*

Mart Opening

Rosa è la vita. Il colore più audace dell’arte moderna

Lunedì 21 maggio – ore 17.00

Il Mart saluta il Giro d’Italia con un evento espositivo ispirato a Marcel Duchamp e al suo alter ego Rrose Sélavy. Interpretando la gamma dei possibili riferimenti che il gioco di parole sollecita, il progetto è un omaggio al colore simbolo della celebre manifestazione sportiva.
Inaugurazione alle ore 17.00. A seguire, fino alle ore 19.00, visite guidate a cura degli studenti del corso di Beni Culturali dell’Università degli Studi di Trento.

Dove: Mart, Rovereto
Partecipazione gratuita
Informazioni: eventi@mart.tn.it

 

*

Notte verde

Sabato 26 maggio – ore 16.00

In occasione della Notte verde, ingresso ridotto al museo dalle 16.00 alle 18.00. Appuntamenti:

ore 16.30 – 17.30 | Sale espositive
Viaggio in Italia
Visita guidata alla mostra
ore 16.30 – 18.00 | Sale espositive
Giardini di carta
All’interno della mostra Gianfranco Baruchello, laboratorio per bambini dai 5 ai 12 anni.

Dove: Mart, Rovereto
Partecipazione gratuita
Prenotazioni: fino a esaurimento posti; info@mart.tn.it, 0464.438887

 

 

*

CASA ‘ARTE FUTURISTA DEPERO

Distretto 38. Musiche/Arti/Innovazione

Mercoledì 16 maggio – ore 21.00

Nell’ambito del Festival promosso dal Centro Servizi Culturali Santa Chiara, dj set di Jace Clayton, in arte DJ Rupture. L’evento è preceduto, alle ore 18.00, dalla conferenza Remixing: viaggio nella musica del XXI secolo, presso l’Aula Magna del Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive di Rovereto.

Dove: Casa d’Arte Futurista Depero
Partecipazione gratuita
Informazioni: eventi@mart.tn.it

 

 

*

FUORI SEDE

Presentazione della mostra Viaggio in Italia

Martedì 22 maggio e Mercoledì 23 maggio

Incontri dedicati alla mostra in corso al Mart, con la curatrice Alessandra Tiddia:

22 maggio | Padova
ore 18.15
Libreria Laformadelibro
23 maggio | Merano
ore 18.00
Palais Mamming Museum

Partecipazione gratuita
Informazioni: eventi@mart.tn.it

 

 

*

ORARI E APERTURE FESTIVE

Mart
Martedì – Domenica 10.00-18.00
Venerdì 10.00-21.00
Casa d’Arte Futurista Depero
Martedì – Domenica 10.00-18.00
Galleria Civica Trento
Martedì – Domenica 10.00-13.00/14.00-18.00

1 maggio 2018
sedi aperte con orario regolare
2 giugno 2018
sedi aperte con orario regolare

Scopri le proposte turistiche dell’APT Rovereto e Vallagarina su www.mart.tn.it/turismo.
Con la app After Mart, trova con facilità promozioni e vantaggi pensati per i visitatori del museo da Unione Commercio e Turismo di Rovereto e Vallagarina.

 

 

*

APPUNTAMENTI FISSI

Little Mart
Laboratori per le famiglie
6 maggio, ore 11.00, alla Galleria Civica. Costo: € 5 a bambino.
6, 13, 20, 27 maggio, ore 15.00, al Mart. Costo: € 5 a bambino.

Visite guidate
6, 13, 20, 27 maggio, ore 15.00, visita guidata alla mostra Viaggio in Italia. Costo: € 2, acquistabile dalle ore 14.00 in biglietteria.
6 maggio, ore 11.00, visita guidata alla Casa d’Arte Futurista Depero e alla mostra Animali metallici. Costo: € 2, senza prenotazione.
6 maggio, ore 11.00, visita guidata alla mostra Sam Falls, in corso alla Galleria Civica. Costo: € 2, senza prenotazione.

Ingresso gratuito
Ogni prima domenica del mese in tutte le sedi.

Agenda online
Il calendario di tutti gli appuntamenti, comprensivo dei workshop e delle attività curate dall’Area educazione, è consultabile online.

Alvaro Soler è il protagonista della nuova puntata di “Gulp Music”. Il noto cantautore spagnolo sarà ospite sabato 5 maggio alle ore 13.40 (e in replica sempre sabato alle ore 18 e il martedì alle ore 16), con la conduzione di Celeste Savino. Soler presenta il nuovo singolo “La cintura”, i nuovi video e risponderà alle domande dei ragazzi, arrivate per lui attraverso i social network del canale.

In questa puntata saranno proposti anche i nuovi video dei 5 Seconds of Summer, The Vamps e Annalisa. Nello spazio “live” filmato dagli ascoltatori c’è l’ex 1D, Harry Styles. La musica su Rai Gulp è anche con “Top Music”, il programma delle classifiche dei singoli e degli album, condotto da Federica Carta e in onda la domenica, alle ore 14.05 e in replica la domenica alle ore 17.55 e il lunedì alle ore 16.

 

La Uil del Trentino affronta la scadenza del XVII congresso regionale nella condizione di essere Sindacato che rappresenta lavoratrici e lavoratori e cittadini in relazione alle necessità dettate dalla autonomia speciale.

Le competenze contrattuali e legislative sempre maggiori, di cui è dotata la nostra provincia, pongono ancor più i temi della equità sociale, della difesa dei servizi gratuiti da offrire ai cittadini, alle lavoratrici e ai lavoratori.

Il 17° Congresso Regionale della Camera Sindacale UIL del Trentino, svoltosi il 4 maggio 2018 a Trento, approva la relazione svolta, a nome della Segreteria, da Walter Alotti, arricchita dal dibattito e dal contributo  di Guglielmo Loy, Segretario Nazionale UIL.

 

L’Assemblea congressuale Uil indica come priorità di intervento per il lavoro sindacale, per i prossimi quattro anni, le seguenti tematiche, che riflettono i valori di fondo, le conseguenti progettualità ed azioni ribadite ancor oggi:

  • Autonomia dal mondo della politica dei partiti, riconoscendo unicamente nei propri Organi Statutari la funzione di elaborare e definire obiettivi e linee di comportamento;
  • rilancio di una stagione sindacale intitolata alla rilancio della contrattazione sia di primo livello sia decentrata, nella convinzione che la negoziazione sia strumento laico di regolazione del rapporto di lavoro, nel rispetto di ogni persona. Uno strumento importantissimo per il riconoscimento e la valorizzazione dei lavoratori e del lavoro;
  • revisione dell’ unità sindacale tramite un patto confederale che nel profondo rispetto delle differenze tenda ad una unità di intenti e di azione;
  • stimolo e pungolo alla politica affinché sia attuata una necessaria e incisiva azione volta alla revisione della Legge Fornero sulle pensioni. riduzione del carico fiscale a carico delle lavoratrici, dei lavoratori e delle pensionate e pensionati, anche attraverso la detassazione allargata pure al settore pubblico e con un’energica lotta all’evasione fiscale. E ancora: il taglio degli sprechi e dei costi istituzionali e della politica;
  • partecipazione democratica delle iscritte e degli iscritti alle scelte, improntata alla collegialità e trasparenza, vera risorsa per raccogliere e vincere le sfide imposte dal cambiamento e dalla post – modernità;
  • Rimettere al centro le persone che rappresentiamo dando a ciascun iscritto risposte concrete sia sul versante dell’attività sindacale in senso stretto sia attraverso i servizi offerti dalla nostra organizzazione con l’obiettivo ultimo di porsi al servizio di chi dà fiducia e senso al nostro lavoro.
  • Miglioramento dell’assistenza socio-sanitaria a favore delle fasce più deboli dei lavoratori e dei pensionati.
  • Opportunità di rafforzare l’azione intercategoriale rispetto alle politiche della confederalità.

 

L’assemblea Congressuale  approva

 

 

consiglio regionale confederale light.compressed
programma e mappa

(Pagina 2366 di 3272)