LANCIO D’AGENZIA

Sabato 6 gennaio, giorno della Befana, i bambini ricoverati nei reparti di pediatria degli ospedali di Trento e Rovereto riceveranno la visita della Befana del Gestore organizzata da Faib-Confesercenti (Federazione Autonoma Italiana Benzinai).

Come da tradizione, una delegazione di Faib, capitanata dal vicepresidente Giuliano Scandolari, accompagnerà la Befana con tanto di scopa e cappellaccio a far visita ai piccoli malati donando loro regali e pensierini raccolti grazie alla colletta che nei mesi scorsi ha coinvolto soci e simpatizzanti Faib nonché i clienti che si sono fermati ai distributori per fare rifornimento, gli ambulanti aderenti ad Anva e con il contributo della Presidenza della Provincia.

“E’ un importante appuntamento che ci vede impegnati a portare un po’ di gioia e sostegno e che negli anni ha ricevuto ampi consensi – dice il presidente di Faib Federico Corsi- .

Un’iniziativa che coinvolge tutti i gestori della provincia di Trento, che vuole dare un segnale forte di solidarietà”.

 

*

Per agevolare la stampa gli orari di visita di SABATO 6 GENNAIO saranno cosi suddivisi:
OSPEDALE SANTA CHIARA TRENTO
Ore 9.00 reparto di pediatria
OSPEDALE ROVERETO
Ore 11.00 reparto di pediatria

Nel settore turistico altoatesino il clima di fiducia continua a migliorare. Ciò emerge dall’edizione autunnale del Barometro dell’economia dell’Ire – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. Nel 2017 il numero di presenze è ulteriormente cresciuto e nove imprese su dieci segnalano una redditività soddisfacente.

Anche per il 2018 gli operatori sono ottimisti. Il clima di fiducia rimane però modesto tra i gestori di bar e caffè.

Negli ultimi anni il settore turistico altoatesino ha registrato numeri da record. Nel 2016 vi furono oltre 31 milioni di pernottamenti e i dati provvisori del 2017 segnalano un ulteriore incremento: tra gennaio e ottobre si sono contate quasi 29,8 milioni di presenze, con una crescita del 2,9 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’aumento riguarda in particolare i pernottamenti dei turisti italiani (+4 percento), ma anche le presenze di ospiti stranieri sono in crescita.

Questo andamento favorevole ha portato un buon clima di fiducia nel turismo e nel 2017 la redditività è stata soddisfacente per il 91 percento delle imprese.

La maggior parte degli esercizi ricettivi e molte imprese della gastronomia hanno incrementato il proprio fatturato, anche per effetto dell’aumento dei prezzi.

Inoltre le valutazioni degli operatori riguardo ai costi aziendali sono meno critiche rispetto agli anni precedenti, quanto meno nel comparto alberghiero.

La puntualità dei clienti nei pagamenti e l’accesso al credito vengono giudicati stabili.

L’occupazione è in forte aumento: tra gennaio e novembre 2017 il numero dei lavoratori dipendenti nel settore turistico altoatesino è stato superiore dell’otto percento rispetto all’anno precedente.

Vi è ottimismo anche per quanto concerne il 2018: il 95 percento degli imprenditori e delle imprenditrici del settore conta di conseguire quest’anno un risultato economico soddisfacente e si prevede un ulteriore aumento dell’occupazione e dei fatturati, soprattutto grazie ai turisti stranieri.

Il clima di fiducia varia tuttavia tra i diversi comparti del settore turistico. Esso è molto positivo fra i titolari degli esercizi turistici e gastronomici, ma ben più modesto tra i gestori di bar e caffè.

Un quarto di loro valuta ancora negativamente la redditività, anche perché il fatturato realizzato con la clientela locale è sostanzialmente stagnante.

A ciò si aggiungono costi aziendali elevati e una forte concorrenza.

Il Presidente della Camera di commercio di Bolzano, Michl Ebner, sottolinea la rilevanza economica e sociale del settore: “Il turismo è un motore di crescita per l’Alto Adige e crea posti di lavoro anche in periferia; inoltre gli esercizi gastronomici e i caffè sono degli importanti punti di ritrovo e aggregazione per la popolazione locale.”

I Conti delle Amministrazioni pubbliche (Ap), delle Famiglie e delle Società, sono elaborati in milioni di euro a prezzi correnti e sono parte dei Conti trimestrali dei settori istituzionali. I dati relativi alle Ap sono commentati in forma grezza, mentre quelli relativi alle Famiglie e alle Società in forma destagionalizzata.

Nel terzo trimestre del 2017 l’indebitamento netto delle Ap in rapporto al Pil è stato pari al 2,1%, con un miglioramento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2016 (quando era stato del 2,4%).

Il saldo primario delle Ap (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo, con un’incidenza sul Pil dell’1,2% (1,4% nel terzo trimestre del 2016).

Il saldo corrente delle Ap è stato anch’esso positivo, con un’incidenza sul Pil dell’1,3% (0,6% nel terzo trimestre del 2016).

La pressione fiscale è stata pari al 40,3%, in riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dello 0,7% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dello 0,2%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è aumentata di 0,5 punti percentuali, salendo all’8,2%.

A fronte di una diminuzione dello 0,1% del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto rispetto al trimestre precedente dello 0,8%.

La quota di profitto delle società non finanziarie è risultata pari al 41,3%, diminuendo di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

Il tasso di investimento, pari al 20,7%, è aumentato di 0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

 

 

comunicato QSA 2017Q3

“Quella della candidatura del padre di Alessandro Di Battista è l’ennesima fake news di questa campagna elettorale contro il MoVimento 5 Stelle.

Alcuni giornali e giornalisti, prima di scrivere notizie false e infondate, dovrebbero almeno verificare, nel rispetto delle regole deontologiche della professione”.

Così in una nota lo staff del MoVimento 5 Stelle smentisce la ricostruzione del Giornale.

Cryptolocked Majorana è la prima Escape Room che prende spunto da uno spettacolo teatrale, dedicato al fisico atomico misteriosamente scomparso, Ettore Majorana. Organizzata da Muse Museo delle Scienze di Trento e Fondazione Haydn, è la prima di tre proposte di escape room, che si susseguiranno fino alla fine di febbraio a Palazzo delle Albere.

Escape room è un’esperienza nuova, coinvolgente e intrigante che si rivolge a piccoli gruppi di persone (da 2 a 6) interessati a mettersi in gioco e cimentarsi con la logica e la soluzione di divertenti enigmi, per trovare la chiave capace di aprire la stanza dei rebus.

Dal 9 gennaio al 2 febbraio, a Palazzo delle Albere, gli appassionati di musica, opera e mistero potranno cimentarsi con Cryptlocked Majorana, una delle più diaboliche escape room di room-escape.it, dedicata al mistero che avvolge la scomparsa del fisico atomico e legata allo spettacolo messo in scena dall’orchestra Haydn (il 20 e 21 gennaio al Teatro sociale di Trento).

Cryptlocked Majorana, per la prima volta in Europa, è una stanza itinerante appositamente creata per lno spettacolo teatrale, per continuare a vivere l’esperienza, primo o dopo il concerto, esplorando una possibilità tutta nuova all’interno del gioco. La proposta farà da apripista per ulteriori due versioni di escape room, che si susseguiranno nel tempo fino alla fine di febbraio.

Partecipare alle escape room è divertente ma anche costruttivo; grazie a rompicapo, indovinelli ed enigmi si affinano anche le capacità di problem solving, le strategie di comunicazione e di pensiero tra i membri della stessa squadra. Gli altri due appuntamenti con il gioco si terranno dal 3 al 14 febbraio con Una Fuga al Muse, una escape room a tema Dna ispirata alla nuova mostra Genoma a cura di fuga e dal 15 al 25 febbraio con Delitto a Palazzo delle Albere – un giallo da risolvere a cura di The Door.
*

COS’È UN ESCAPE ROOM?

È un gioco di logica nel quale i concorrenti, una volta rinchiusi in una stanza allestita a tema, devono cercare una via d’uscita utilizzando ogni elemento della struttura e risolvendo codici, enigmi, rompicapo e indovinelli. Per poter completare con successo il gioco, i partecipanti – che solitamente variano da 2 a 6 persone – devono organizzare la fuga entro un limite di tempo prestabilito, di solito di 60 minuti. Per la risoluzione degli enigmi e delle storie non saranno necessarie particolari conoscenze, né servirà forzare o rompere gli oggetti presenti all’ interno della stanza, solo concentrarsi e applicare logica e senso pratico.
*

LO SPETTACOLO SU ETTORE MAJORAN

Ettore Majorana, uno dei fisici atomici più importanti della sua epoca, era un genio come pure un personaggio schivo e solitario. Nel 1938 (all’età di soli 31 anni) sparì senza lasciare traccia, alimentando varie ipotesi su un caso mai risolto. Un soggetto ideale per un romanzo criminale dunque – così come per un’opera lirica! L’opera teatrale “Ettore Majorana. Cronaca di infinite scomparse” non racconta la vicenda in modo lineare (tantomeno in modo integrale), ma focalizza l’attenzione sulla sparizione misteriosa dello scienziato siciliano, che viene esplorata attraverso numerose congetture verosimili ed inverosimili. Luoghi e tempi si incontrano e si incrociano in maniera tale da dar forma ad una narrazione prismatica e sfaccettata di un personaggio affascinante.
*

ORARI E INFO PER PRENOTAZIONE
Cryptolocked Majorana | 9 gennaio – 2 febbraio
turni di gioco:
dal martedì al venerdì unico turno alle ore 16.30
(eventuale altro turno di gioco alle ore 18 verrà prenotato con un anticipo di almeno 3 giorni)
sabato e domenica turni alle 15.00; 16.30 e alle 18.00
costo: 60€ a turno di escape room | 48€ per membership MUSE, abbonati Haydn e abbonati Opera 20.21

Sabato 13 gennaio le Guide Alpine della scuola di sci e scialpinismo di San Martino di Castrozza celebreranno l’inverno con il primo Aquile Winter Camp, un’intera giornata di prova per avvicinarsi gratuitamente alle tante attività praticabili sulla neve in ambiente montano.

Proprio la passione per la montagna e soprattutto per le dolomitiche Pale, ha spinto le Guide Alpine di San Martino, conosciute da tutti come “Aquile”, a mettersi a completa disposizione di grandi e bambini, per far conoscere anche ai meno esperti le infinite possibilità di divertimento che le Dolomiti Patrimonio Unesco sanno offrire.

La location di questa prima edizione del Camp sarà il magnifico Passo Rolle e non poteva essere altrimenti vista la straordinaria bellezza della stazione sciistica ai piedi del Cimon della Pala, che sia d’estate che d’inverno rappresenta un vero e proprio Eldorado per gli appassionati dell’outdoor.

Su prenotazione si potrà prendere parte a una o più attività tra quelle proposte, contando sulla costante presenza dei professionisti della neve: si andrà dalle ciaspolate nella natura incontaminata del Parco Paneveggio-Pale di San Martino, alle prove di scialpinismo di primo e secondo livello, per poi passare all’ebrezza dell’arrampicata su ghiaccio e all’indescrivibile adrenalina delle discese fuori pista.

Ampio spazio verrà dato alla sicurezza, con un campo di prova di ricerca Artva organizzato in collaborazione con i tecnici del soccorso alpino e della guardia di finanza, per simulare le tecniche più efficaci di ricerca in caso di valanga.

Ai partecipanti verrà messa a disposizione gratuitamente l’attrezzatura necessaria allo svolgimento di ogni disciplina e non mancheranno i test materiali per toccare con mano le ultimissime novità attualmente sul mercato.

“In questi giorni è stata enorme la partecipazione alle autocandidature per le parlamentarie, con tantissime persone che hanno dato la propria disponibilità a contribuire al percorso del MoVimento 5 Stelle.

Si specifica però che in questa fase gli iscritti hanno potuto soltanto presentare la domanda per la candidatura alle prossime elezioni politiche.

Dunque, al momento non ci sono ancora candidati. I candidati infatti verranno ufficializzati solo dopo che saranno stati vagliati i requisiti di tutti i soggetti secondo quanto previsto dal regolamento e dopo le votazioni online”.

Così in una nota lo staff del MoVimento 5 Stelle.

Svelati i primi tre nomi ufficiali che andranno a comporre il cast dell’edizione 2018 de “L’Isola dei Famosi”, in onda da lunedì 22 gennaio in prima serata su Canale 5.

Nadia Rinaldi, Bianca Atzei e Alessia Mancini sbarcheranno, quindi, sulle spiagge di Cayo Cochinos pronte ad affrontare ogni prova e a superare ogni ostacolo.

Ad annunciarlo, i profili social ufficiali del programma.

A poche ore dal primo atto ufficiale de La Ciaspolada numero 45, la presentazione della manifestazione e degli atleti più importanti, che avrà luogo domani pomeriggio, l’Alta Val di Non sta cominciando ad accogliere i runner che prenderanno parte alla gara nel giorno dell’Epifania.

Nel centro del borgo si respira ancora l’atmosfera del Natale, grazie al Mercatino, che terrà aperto fino al giorno della gara, mentre nella giornata di domani aprirà i battenti al Palanaunia la mostra «Artigiani oggi e domani», un percorso espositivo fieristico che propone il meglio delle aziende artigiane delle Valli del Noce: proprio fra gli stand domani alle 17 saranno consegnati i pettorali ai big.

Scorrendo l’elenco aggiornato degli iscritti, si nota subito l’intero podio maschile del 2017, composto dal vincitore, il trentino di Bolbeno Cesare Maestri, laureatosi campione italiano lunghe distanze di corsa in montagna, dalla medaglia d’argento Antonello Landi, salernitano della Amorini Tsl, e dal bellunese Filippo Barizza.

Presenti il lista anche il bresciano Alessandro Rambaldini, vincitore nel 2015 e terzo nel 2016, l’altoatesino Gerd Frick, terzo nel 2014 e nel 2015. In attesa degli ultimi nomi, che si aggiungeranno nelle prossime ore, da segnalare anche il pettorale numero 5, che sarà assegnato al valsabbino Marco Zanoni, quinto un anno fa, e il numero 4, che finirà sul petto di Luigi Pastore, classe 1957, impostosi a

La Ciaspolada nel 1988, 1993, 1994, 1996 e 1997: ad oggi è l’atleta che ha vinto il maggior numero di edizioni, seguito da cinque podisti che si sono imposti per tre volte, ovvero Giuliano Battocletti, Antonio Molinari, Giovanni Lorenzini, Davide Benoni e Alex Baldaccini.

Per quanto concerne le donne, sono già fra le iscritte le prime due classificate di un anno fa, ovvero la catalana Laia Andreu Trias, classe 1979, già trionfatrice nel 2012, nel 2015 e appunto nel 2017, e la reggiana Isabella Morlini, classe 1971, che si è imposta nel 2013, 2014 e 2016.

Daranno battaglia anche la toscana Annalaura Mugno, la giovane Ester Molinari e altre tre spagnole compagne di squadra della Trias.

C’è molta attesa per questa edizione, dato che per la prima volta si torna sul percorso originale dopo cinque anni di attesa.

Non sono tanti, quindi, i corridori che potranno contare sulle esperienze maturate nel 2013 e nelle edizioni precedenti.

Dovranno dare tutto lungo un tracciato di sette chilometri e mezzo, privo di particolari pendenze, adagiato nella piana fra Romeno e Fondo.

“Berlusconi è comico e surreale quando sostiene che il M5S è pieno di professionisti della politica. Da noi sono rappresentati tutti i mestieri, abbiamo tantissimi giovani e il più alto tasso di parlamentari laureati.

Inoltre, dopo due mandati, torniamo alla nostra vita. In Forza Italia, invece, c’è l’89% di ‘poltronari’, di gente che campa solo grazie al palazzo”.

Lo dice il deputato M5S Riccardo Fraccaro.

“Berlusconi parla per slogan, noi andiamo a vedere i numeri. Con questa legislatura 47 parlamentari di Forza Italia tra Camera e Senato hanno svolto almeno due mandati elettivi, 15 ne hanno svolti almeno tre, venti sono al quarto o al quinto mandato, quattro hanno già collezionato sei legislature.

Chiudono due super ‘poltronari’ che di mandati nel solo Parlamento ne hanno svolti ben sette, ossia Maurizio Gasparri ed Elio Vito, recordmen della casta.

I cittadini sceglieranno tra chi pensa solo ai propri privilegi e chi vuole cambiare il Paese per il bene di tutti”, conclude Fraccaro.

(Pagina 2073 di 2483)