Apprendiamo dalla stampa dell’apprezzamento, da parte del consigliere circoscrizionale di Onda Civica, il Sig. Zanetti, della nostra richiesta di installazione di strisce pedonali a led nella città di Trento. Spiace constatare che l’ironico apprezzamento, secondo il consigliere, tende a sminuire quello che per la città di Trento e la sicurezza dei suoi cittadini arrivi proprio durante la campagna elettorale rivendicandone la paternità.

Ribadiamo che quando si tratta o si parla di sicurezza, poco dovrebbe importare chi o come lo propone, l’importante è il risultato finale. Certo è che se l’allora Movimento 5 Stelle ora Onda Civica del Trentino, avesse messo in campo tutte quelle azioni atte a migliorare la loro proposta crediamo fortemente che si sarebbe arrivati alla loro messa in opera. Onda Civica, prima di affermare che le circoscrizioni sono svilite dall’amministrazione comunale, avrebbe potuto rivendicare la richiesta già mesi fa…

 

*

Alberto Pattini

Alla consigliera Ambrosi, che si spinge a dire che sono uno di quelli che va in piazza con la bandiera della pace e le bombe molotov, ricordo che il 16 ottobre in piazza d’Arogno io c’ero di persona. E con quel megafono che piace tanto ricordare, esprimevo solidarietà al popolo curdo e condanna alla Turchia.

Quello che Ambrosi proprio non riesce a capire, è che quando hai una posizione chiara e forte, non hai paura del confronto con chi la pensa diversamente da te e non scappi dal dialogo sui temi.

Fare parte di una comunità autonoma come la nostra, non significa escludere qualcuno perché non ci assomiglia, ma alzarsi in piedi e raccontare le nostre regole e la nostra storia. Non per dividere, ma per condividere.

 

*

Franco Ianeselli

 

 

===

AMBROSI (LEGA TRENTINO): “IANESELLI E L’IMAM DI TRENTO, BRUTTA PAGINA PER LA CITTA’ E UNO SCHIAFFO AI MODERATI E CHI VUOLE IL VERO DIALOGO”

!È davvero preoccupante che il candidato sindaco di sinistra Franco Ianeselli si sia fatto immortalare insieme all’Imam di Trento Aboulkheir Breigheche, fan del presidente turco Erdogan e vicino ai Fratelli musulmani, un sostenitore dell’invasione turca della Siria e dello sterminio dell’eroico popolo curdo che, anche per noi occidentali, ha dato la vita.

Un imam che si è fatto fotografare in compagnia di due assassini dello Stato Islamico, salvo poi dire che non sapeva, una figura fortemente ostile a Israele.

L’imam di Trento ha sempre tentato di autoproclamarsi rappresentante di tutti i cittadini di fede islamica residenti in provincia, verosimilmente solo per captatio benevolentiae nei confronti delle Amministrazioni locali. Cosa gli ha promesso Ianeselli in cambio del sostegno elettorale?

Me lo chiedo nella consapevolezza che il dialogo con l’Islam non possa e non debba attraverso una “sottomissione” culturale e politica, che la sinistra sposa in cambio di una manciata di voti alle prossime elezioni comunali. Un politico serio e capace deve saper scegliere i suoi interlocutori, e non dialogare con chi è considerato un estremista anche da molte persone della sua stessa fede. Trento non merita un sindaco come Ianeselli!

E una domanda finale: perché Ianeselli, così attivo sui social a raccontare le sue gesta anche nelle minuzie, non ha citato su Facebook l’incontro di ieri con l’iman estremista?
Ha per caso qualcosa da nascondere? E, se sì, che cosa?”

E’ quanto affermato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Alessia Ambrosi

Bonus bebè e nidi, la giunta destini alle famiglie gli 8 milioni di risparmi. Cgil Cisl Uil: “Queste risorse devono servire per incentivare il lavoro femminile”.

Sono otto i milioni di euro che le casse provinciali risparmieranno sospendendo l’erogazione del bonus bebè per il primo anno di vita del bambino e lo sconto sulle rette degli asili nido. Entrambe le misure, infatti, verranno sostituite con gli analoghi provvedimenti dello Stato. Sono risparmi di spesa che, per Cgil Cisl Uil, devono restare vincolati al sostegno alle famiglie trentine. Lo ribadiscono Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti, mentre la IV Commissione provinciale esamina la proposta di delibera della Giunta provinciale sulla non compatibilità e non cumulabilità delle misure statali e provinciali.

“Pretendiamo precisi impegni dalla giunta provinciale e dal presidente Fugatti. Gli otto milioni di euro risparmiati dovranno essere indirizzati al sostegno dell’occupazione delle donne, aumentando le deduzione per il reddito da lavoro femminile. In questo modo si mette in atto una strategia di medio-lungo termine che incentiva la nascita di nuove famiglie e l’allargamento di quelle attuali”.

Le tre confederazioni insistono anche sulla necessità di aprire un confronto di merito con l’Esecutivo, confronto che fino a questo momento sui temi del welfare familiare è stato del tutto assente. “Le nostre richieste sono cadute nel vuoto – incalzano i sindacalisti -. Evidentemente la giunta provinciale fino ad oggi ha preferito non misurarsi con chi rappresenta gli interessi di migliaia di lavoratori e lavoratrici, di pensionati e cittadini.

Crediamo invece che è solo con un serio confronto che si possono costruire provvedimenti che siano realmente efficaci e vadano a vantaggio di tutta la collettività. Confidiamo che il prossimo 9 marzo quando il presidente Fugatti ha programmato il primo incontro con le organizzazioni sindacali dopo mesi, si possa realmente discutere di questi temi per dare una concreta risposta ai bisogni delle famiglie in Trentino.

Fino a questo momento abbiamo visto o misure di corto respiro che hanno avuto solo il vantaggio di accontentare gli interessi di una parte o provvedimenti ampiamente pubblicizzati, ma poco concreti come con il bonus bebè e nido, ampiamente superati dagli interventi statali”.

È ora che il presidente Fugatti superi questa logica solitaria e di parte e avvii una nuova fase di coinvolgimento per il bene della nostra comunità”, concludono Grosselli, Bezzi e Alotti.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Puntata del 9 febbraio. Canale 5. Barbara d’Urso ospita stasera: Nina Moric, Morgan, Loredana Lecciso, Rita Rusic e Vittorio Cecchi Gori.

 

LINK VIDEO

Verso le ore 12.20 di oggi i corpi vigili del fuoco volontari di Concei, Bezzecca, Pieve di Ledro, Riva del Garda ed Arco venivano allertati per l’incendio di una struttura alberghiera in località Locca di Concei.

Sul posto per primi intervenivano i vigili del fuoco di Concei con autopompa di valle e 12 uomini coordinati dal comandante Renato Santi, che provvedevano al primo attacco iniziale delle fiamme che avevano coinvolto il piano interrato della struttura, che ospita il centro benessere.

Subito a supporto intervenivano gli altri corpi della Valle di Ledro: Pieve di Ledro con 5 vigili e autopompa, Bezzecca con 5 vigili e minibotte.

Inoltre dalla Busa salivano in valle anche il corpo di Riva del Garda con 8 vigili e autopompa, il corpo di Arco con 3 vigili e carro aria distrettuale.

Sono intervenuti sul posto l’ufficiale di turno del corpo permanente dei vigili del fuoco di Trento, a cui spetterà stabilire le cause dell’incendio, e in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Ledro l’assessore Maria Teresa Toniatti.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Amore Criminale. St 2020 – Marco Vannini. Marco era un ragazzo di appena vent’anni, amava il mare e aveva un grande sogno: entrare nelle forze armate e diventare pilota delle frecce tricolori. Nel 2012, dopo una partita di calcetto, incontra Martina, la ragazza dei suoi sogni, e tra i due è subito amore.

I due ragazzi vivono in simbiosi, l’uno a casa dell’altro, ma il rapporto va in crisi quando Marco inizia a difendere il suo sogno di diventare pilota. Il 17 maggio, dopo una giornata di lavoro come bagnino, Marco va a cena a casa di Martina. Quella sera, in quella casa, parte uno sparo che ferisce Marco. Nelle due telefonate al 118 vengono fornite informazioni poco chiare agli operatori sanitari: nella prima telefonata si parla di uno scherzo, nella seconda di un ragazzo che è scivolato su un pettine a punta, nel frattempo passa del tempo e Marco peggiora sempre di più. Dopo un primo soccorso in ospedale a Ladispoli, Marco viene trasportato con corsa l’elisoccorso al Gemelli di Roma. Sono le tre di notte, Marco muore in volo.

 

LINK VIDEO

Questa sera Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) raccoglie la testimonianza di Graziella Marchi, che era presente in sala stampa durante la finale delle Nuove Proposte. La giornalista racconta che a lei e ai suoi colleghi è stato chiesto di votare prima delle esibizioni dei cantanti in gara e che oltretutto, data la confusione delle comunicazioni con la Rai, solamente poco più della metà dei giornalisti era presente in quel momento in sala stampa.

Inoltre, come mai venerdì sera, prima della proclamazione del vincitore delle Nuove Proposte, sui profili social della Rai e di Tim, sponsor unico del Festival, sono apparsi post che davano per vincitrice Tecla, arrivata poi seconda dietro a Leo Gassman? Un semplice errore?

In tutto questo, non dimentichiamo il pasticcio della serata finale di sabato, quando Sky Tg24 ha annunciato il vincitore della categoria Big prima che venisse proclamato in diretta.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Linea Verde. St 2019/20 – Cilento, bentornati al Sud. In una cornice spettacolare, dai Templi di Paestum al mare e alla costa, parte integrante dell’area Marina protetta, a Santa Maria di Castellabate, Linea Verde si muove in un divertente viaggio per raccontare quel territorio.

 

LINK VIDEO

Apprendo oggi dai media locali della richiesta di Pattini del Patt di installare a Trento delle strisce pedonali a led sugli attraversamenti pedonali. Sicuramente un’ottima idea, volta a migliorare la visibilità e quindi la sicurezza degli stessi, che ben si sposerebbe se applicata a quegli attraversamenti riconosciuti altamente pericolosi, come ad esempio quello del ponte di Santa Barbara tra la Clarina e San Pio X. Un’idea talmente buona che, guarda caso, lo scorso anno, era febbraio 2019, venne proposta dallo scrivente nell’adunata del Consiglio dell’Oltrefersina ove passò all’unanimità e venne inviata alla giunta comunale.

Premesso che dopo qualche mese venne risposto che secondo gli uffici competenti non era necessario tale intervento in quanto il passaggio pedonale del Ponte era già adeguatamente illuminato, appare veramente strano come a quel tempo la proposta non venne assolutamente menzionata da nessuno mentre ora, un anno dopo, forse perchè formulata da una figura istituzionalmente più alta, acquisisce lo status di novità interessante. Ne prendo atto senza polemica ma allo stesso tempo vorrei venisse rettificato lo status di novità della proposta per non svilire il lavoro dei Consigli di Circoscrizione e dei suoi componenti che talvolta, benchè inascoltati, propongono soluzioni intelligenti e innovative per risolvere i problemi dei loro concittadini.

 

Andrea Zanetti Consigliere circoscrizionale Onda Civica Oltrefersina

 

*

Oggetto: Richiesta valutazione fattibilità per installazione di strisce pedonali orizzontali illuminate a led sull’attraversamento ciclopedonale in prossimità del ponte di Santa Barbara.
In considerazione:

1. delle criticità dell’attraversamento in oggetto, peraltro ben note all’Amministrazione comunale oltre che alle due Circoscrizioni interessate, Oltrefersina e San Giuseppe Santa Chiara;

2. del tentativo effettuato di modificare il percorso della ciclabile per bypassare tale attraversamento e risolvere all’origine la problematica, messo in atto dall’Amministrazione comunale in questa legislatura e che per motivi contingenti non ha avuto esito positivo lasciando sostanzialmente tutto come prima;

3. della necessità ancora attuale, al netto di quanto al punto 2, di aumentare la sicurezza di questo critico attraversamento al fine di garantire la tutela e la salvaguardia di chi lo impegna:

4. della presentazione di analogo documento a mezzo della consigliera Francesca Guerra nel Consiglio di febbraio della Circoscrizione San Giuseppe Santa Chiara;
tutto ciò premesso il Consiglio Circoscrizione 10 Oltrefersina, ai sensi art.26 comma 2 del Regolamento Decentramento 2015, richiede al Sindaco ed alla Giunta comunale

Spettabile, Consiglio Circoscrizione 10 Oltrefersina
di valutare l’opportunità della posa in opera di strisce pedonali orizzontali illuminate a led al fine di migliorare la visibilità e rendere più sicuro l’attraversamento ciclopedonale posto in prossimità del ponte di Santa Barbara.

È richiesto formale riscontro nei termini previsti da regolamento.

*
Andrea Zanetti Movimento 5 Stelle

Giorno del Ricordo e monumento ai caduti delle Foibe. Nel Giorno del Ricordo, istituito nel 2004 “al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”, il gruppo consiliare Lega in consiglio comunale a Trento vuole rimarcare l’importanza di mantenere viva questa memoria della storia.

Negli ultimi anni purtroppo sono stati diversi gli episodi di danneggiamenti al monumento presente a Trento dedicato alle vittime delle foibe, e tali azioni hanno portato il gruppo Lega a depositare ancora il 12 febbraio 2019 in consiglio comunale una specifica mozione. L’attenzione prestata come sostenitori delle identità dei popoli, alle vicende che hanno cercato di sottrarla, ci vede esterrefatti davanti al non aver potuto ancora discutere, ad un anno di distanza, una mozione così importante.

Se è vero che nella commissione capigruppo possiamo dire la nostra a tale riguardo, è poi il risultato della votazione della stessa il poter effettivamente anticipare la trattazione di un tema preciso in aula.

Nell’ultima seduta, per via di un assurdo sistema di rotazione, la mozione si trova ancora all’undicesimo posto.

Per tutti coloro che hanno sofferto per quegli eventi tragici collegati alla fine della seconda guerra mondiale, ricordiamo la solidarietà e la vicinanza da parte del gruppo Lega Nord comunale e la nostra intenzione di portare avanti il ricordo di questo ed altri casi di espressa volontà di cancellazione dell’identità di un popolo.

 

*

Gruppo consiliare Lega Nord Trentino

Gianni Festini Brosa
Bruna Giuliani
Martina Loss
Vittorio Bridi
Claudia Postal
Stefano Osele

(Pagina 1 di 3)