Il Team di Luna Rossa Prada Pirelli si racconta alle Cantine Ferrari giovedì 6 febbraio alle ore 18. La Casa trentina, partner di Luna Rossa Prada Pirelli, accoglie i velisti a Trento
e organizza un incontro aperto al pubblico in vista della America’s Cup.

Una rappresentanza del sailing team di Luna Rossa racconterà dal palco di Ferrari Incontri alle 18 di giovedì 6 febbraio, esperienze, sfide e prospettive in vista della 36esima edizione dell’America’s Cup, la competizione più antica e prestigiosa del mondo della vela. Sarà un incontro all’insegna del grande sport, dedicato agli appassionati di vela ma non solo: quella di Luna Rossa Prada Pirelli è una squadra di professionisti di altissimo livello, che porterà all’America’s Cup l’eccellenza tecnologica affiancata dalla passione e dall’energia che da sempre contraddistinguono il nostro Paese.

La rappresentanza del team trascorrerà due giorni in Trentino, ospiti della famiglia Lunelli, per vivere in prima persona il percorso del “Bello e del Buono”, che dalle Cantine Ferrari sale fra i vigneti fino a Villa Margon, sede di rappresentanza del Gruppo, per terminare a Locanda Margon. Si sposteranno poi a Madonna di Campiglio, in omaggio al Parco Naturale Adamello Brenta, dove sgorga l’acqua Surgiva, anch’essa scelta dal team Luna Rossa Prada Pirelli quale propria acqua ufficiale.

Ferrari, “sparkling partner” del team Luna Rossa Prada Pirelli, è stato coinvolto in questa nuova avventura fin dal momento del varo. È stata infatti una bottiglia di Ferrari Maximum Blanc de Blancs, infranta dalla madrina Miuccia Prada sulla prua del primo AC75, a consacrare la collaborazione tra le due realtà. È iniziata così una entusiasmante stagione, accompagnata in ogni tappa dalle bollicine Trentodoc, che culminerà nel marzo 2021 con la 36esima edizione dell’America’s Cup nelle acque di Auckland, in Nuova Zelanda.

L’incontro di giovedì 6 febbraio, in via del Ponte 15 a Ravina, si preannuncia come un’occasione unica per entrare in contatto con i protagonisti della vela mondiale e brindare #ToTheMaximum, in onore al nuovo Ferrari Maximum Blanc de Blancs, etichetta ufficiale della partnership, che invita a vivere ogni momento al massimo.

L’accesso alla sala è gratuito e garantito previa iscrizione al seguente link https://luna-rossa-ferraritrento.eventbrite.it fino ad esaurimento posti.

Coronavirus: le precauzioni consigliate. Tutte le persone che rientrano dalla Cina, studenti compresi, sono invitate a seguire alcune misure precauzionali per evitare il diffondersi del Coronavirus ed in particolare osservare un periodo di isolamento fiduciario per almeno due settimane.

A far propria la raccomandazione sono Provincia e Azienda sanitaria che estendono l’invito anche al settore scolastico. In tal senso va letta la circolare firmata dal dirigente generale del Dipartimento alla salute ed indirizzata alle Istituzioni scolastiche e formative del Sistema educativo provinciale.

L’informativa, giova ripeterlo, ha come oggetto solo la gestione dei rientri dalla Cina e richiama la circolare 3187 del Ministero della Salute (1 febbraio scorso), che fornisce “Indicazioni per la gestione degli studenti e dei docenti di ritorno o in partenza verso aree affette della Cina”. Si tiene inoltre conto della recente dichiarazione dell’OMS, all’interno del report n. 12 sempre del 1 febbraio 2020.

Nello specifico, il Dipartimento provinciale alla salute ribadisce che, “in base a quanto stabilito dall’ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione civile nazionale n. 6 del 3 febbraio 2020, l’Azienda sanitaria continuerà a proporre a tutte le persone che rientrano dalla Cina, e tra essi gli studenti, l’isolamento fiduciario delle stesse per quattordici giorni dal rientro in Italia”.

I vertici della Lega trentina puntano solo ad essere i migliori perdenti, Andrea Girardi, ultimo candidato gettato nella “plaza de toros trentina”. All’interno della Lega Trentina continua l’ammuina sulla scelta dei candidati sindaci delle maggiori realtà del Trentino, ad iniziare dalle principali, Trento e Rovereto. Un’ammuina degna della migliore sceneggiata napoletana che vede protagonisti assoluti il giovane segretario Mirco Bisesti e Maurizio Fugatti.

La base della Lega trentina è in visibile subbuglio per le tempestive mancate scelte. Se vengono calati dall’alto tutti possibili candidati che non hanno nessun sentire con la base leghista, qualcuno parla addirittura di una possibile scissione interna! Il clima interno è tesissimo e si taglia a fette. Un comportamento figlio, da un lato, dell’oggettiva mancanza di personaggi politici di spessore all’interno del partito di Salvini in Trentino e, dall’altro, dalle vecchie ruggini personali esistenti tra diversi personaggi che hanno fatto la storia del partito in riva all’Adige, ruggini che soprattutto Fugatti non cessa di voler coprire con una mano di antiruggine per il bene del partito stesso, dimostrando così poca lungimiranza politica che si riflette anche nella quotidiana azione di governo provinciale.

Ora, dinanzi ad una gara sfibrante a bruciare ora questo, ora quel candidato, spesso ricorrendo ad un “usato” insicuro, privo delle minimali garanzie di qualità politiche e di autorevolezza personale, si è ad un bivio: o i vertici della Lega trentina levano dal cilindro un candidato serio ed autorevole con cui partecipare con reali (che ci sono) possibilità di successo alle competizioni elettorali, oppure si riducono a piazzare quello che sarà il miglior perdente, favorendo così già in partenza il successo delle sinistre per un altro quinquennio.

Ultimo candidato sconosciuto, matematicamente perdente: Andrea Girardi, Fugatti stesso in diversi atti ispettivi, dopo lo scoppio della scandalo Itas, aveva messo in risalto il ruolo avvocato Andrea Girardi, per un enorme conflitto di interessi tra il ruolo di membro del Cda di Itas Vita spa dal 2012 al 2014 e consulente legale fiduciario di Itas in mezzo allo scandalo di tre anni fa. E’ vero altresì che in politica vige il detto- mai dire mai- (“mai col partito di Bibbiano” docet) La base della Lega sarà disposta ad ingoiare anche questo ennesimo rospo ? Nel centrosinistra , invece , il clima è totalmente opposto ,visti i ritardi e la confusione che regna negli avversari, Ghezzi si sforza di placare gli entusiasmi di una vittoria, facile, prevedibile e a portata di mano.

Non facciamo però i conti senza l’oste: i cittadini in cabina elettorale , con la penna in mano possono essere imprevedibili e a volte pure, venticativi!

 

*

Gianfranco Merlin
Esperto in comunicazione e strategia politica

“Il tumore al seno è una malattia socialmente rilevante: si stima che in Italia nel 2018 abbia colpito 52.000 donne con un tasso di crescita costante dal 2003 e che tale malattia si confermi la prima causa di decesso per patologia oncologica nella popolazione femminile con 12.000 vittime all’anno. Secondo gli ultimi rilevamenti Istat il 2019 ha registrato in Italia circa 53.500 nuovi casi, in lieve aumento rispetto all’anno precedente.

E’ accertato che grazie alla diagnosi precoce basata sulla mammografia ripetuta ogni due anni, le donne possano prevenire e quindi affrontare più efficacemente l’insorgere della malattia. La diagnosi precoce, difatti, costituisce ad oggi il miglior sistema di lotta nei confronti della malattia ed al momento lo screening è gratuito tra i 50 e i 69 anni. Alcune regioni stanno prevedendo di abbassare l’età per lo screening gratuito ed in questa direzione, nell’ottica di una armonizzazione nel diritto alla salute di tutte le donne, Italia Viva impegna il governo a rivedere l’attuale sistema di screening gratuito della mammografia per estendere l’invito a tale esame precoce ad una fascia di popolazione femminile più ampia, ovvero a partire dai 45 anni di età, ed a cadenza biennale”, è quanto si legge nel testo della mozione di Italia Viva in Senato a prima firma Faraone, Sbrollini, Ginetti sulla prevenzione del tumore al seno.

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) la rubrica “Capolavori italiani in cucina” curata dal giornalista enogastronomico Paolo Marchi (fondatore nel 2005 insieme a Claudio Ceroni di Identità Golose) è dedicata alla Carbonara, raccontata da Alessandro Pipero, maître e patron del ristorante stellato Pipero nel cuore di Roma.

Secondo Pipero la Carbonara «non viene sempre bene, ma viene sempre buona», ma il segreto per una Carbonara perfetta prevede l’utilizzo esclusivo del guanciale, rosolato in una padella antiaderente senza olio, tuorli d’uovo montati con grana e pecorino grattugiati e del pepe macinato.

La ricetta completa, così come le altre della rubrica di Paolo Marchi, è consultabile sul sito di Striscia la notizia (www.striscialanotizia.mediaset.it).

In occasione del Giorno del Ricordo, solennità civile nazionale istituita con la legge 30 marzo 2004 n.92, l’Amministrazione comunale – Assessorato alla Cultura organizza, in collaborazione con l’associazione storico-culturale Memores, per sabato 8 febbraio 2020 ad ore 20:30, presso l’Auditorium comunale di Palazzo Brasavola, la proiezione del documentario – Egea. La bambina con la valigia dal cuore esule – di Mauro Vittorio Quattrina.

Così, dopo la prima nazionale di venerdì 7 febbraio 2020 al cinema Stimate a Verona, la storia di Egea Haffner, la cui immagine da bambina con la valigia con la scritta ‘ESULE GIULIANA’, è diventata il simbolo della Giornata del Ricordo, viene proiettata anche in Trentino e ad Avio nello specifico.

Il docufilm si basa proprio sulla vita di Egea, dai ricordi di famiglia, alla partenza da Pola, allo scatto della famosa foto, fino alla vita da esule.

Oggi Egea ha 78 anni, e vive a Rovereto col marito ingegnere.

Alla serata, è stato invitato anche Roberto De Bernardis, presidente dell’ANVGD (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) del Trentino.

 

Oggi sono stato a pranzo al ristorante cinese Nuova Asia di via Prepositura. Mi sembrava giusto dare un segnale in risposta alla psicosi che sta colpendo, anche a Trento, i cittadini di origine orientale.

Peccato che invece la nostra Provincia abbia scelto di alimentarla escludendo, senza alcuna ragione, dei bambini da scuola.

I pregiudizi, l’ignoranza sul tema e la paura stanno facendo male alla nostra comunità. Anche nel caso del coronavirus non si può tutelare la salute se non si agisce con criterio.

 

*

Franco Ianeselli

Medicina: il presidente Fugatti incontra il ministro Manfredi. Nell’ambito degli incontri istituzionali programmati quest’oggi a Roma, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha incontrato anche il nuovo ministro all’Università, Gaetano Manfredi.

Si è trattato del primo confronto all’indomani della recente nomina del ministro e, naturalmente, al centro del colloquio non poteva che figurare il progetto relativo all’istituzione del nuovo corso di laurea in medicina a Trento.

“Da parte del ministro Manfredi – ha commentato al termine dell’incontro Fugatti – c’è stata una condivisione del progetto e rileviamo con piacere il riconoscimento, attraverso la sue parole, alle competenze, alle professionalità ed alle eccellenze trentine”.

“Un patrimonio di conoscenze ed esperienze – ha aggiunto Fugatti – che siamo sicuri potrà costituire un valore aggiunto anche per i partner del progetto con cui affrontare una sfida impegnativa, qual è l’avvio di questo percorso già entro l’anno.”

Promemoria_Auschwitz.eu: 178 giovani trentini in viaggio verso i luoghi della memoria. Oggi a Trento l’Assemblea di partenza con l’assessore all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti.

Nei volti dei 178 ragazze e ragazzi trentini che oggi – insieme ad altri coetanei provenienti da Alto Adige, Piemonte, Romagna, Pescara e Tirolo partono per raggiungere la Polonia – la curiosità, mista alla paura di visitare i luoghi della memoria conosciuti solo attraverso i libri, i film, la formazione. Nei prossimi giorni i giovani, grazie al progetto Promemoria_Auschwitz.eu, visiteranno i campi di sterminio di Auschwitz I e Birkenau, il ghetto di Cracovia, il quartiere ebraico ed il museo dedicato a Oskar Schindler.

Il treno per Cracovia partirà questa sera dal Brennero, punto che i giovani trentini raggiungono dopo aver partecipato all’assemblea di partenza avvenuta oggi, nel primo pomeriggio, nel palazzo della Regione a Trento. Ad augurare loro un buon viaggio l’assessore all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti, il presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher, la senatrice Elena Testor, il presidente di Anpi del Trentino Mario Cossali, il presidente di Arci del Trentino Andrea La Malfa e il presidente di Deina Trentino Antonio Trombetta.

“Che questo sia un viaggio che vi scuota – ha detto loro l’assessore Mirko Bisesti – quando ritornerete da questi luoghi della memoria tornerete cambiati. E proprio questo sarà un momento decisivo. Vi invito quindi a farvi portavoce tra i vostri coetanei, di raccontare quello che avete visto e provato. Da cittadino, da amministratore è l’impegno che vi chiedo in quanto voi rappresentate il Trentino di domani”.

Da novembre 2019 a gennaio 2020 i 178 ragazzi, hanno avuto modo di approfondire tematiche della storia dei totalitarismi e della Shoah in 4 laboratori di preparazione storica e in un incontro con la Comunità Ebraica di Merano e con l’Anpi di Bolzano per conoscere la storia del campo di concentramento che lì fu costruito.

Inoltre in occasione del 27 gennaio 2020 è stata realizzata a Trento la sesta edizione del Memowalk con la collaborazione di A.N.P.I. Trentino, vale a dire un percorso storico a tappe attraverso alcuni angoli significativi per la storia della città, alla scoperta dei luoghi in cui lo spazio urbano ancor oggi riesce a costruire memoria comune.

A circa un mese dal ritorno è previsto un fine settimana di approfondimento in ambito provinciale e infine un momento regionale di esposizione alla cittadinanza delle proprie esperienze, analisi, emozioni e opinioni, promosse e restituite da queste nuove “sentinelle della memoria” nelle forme più congeniali alla sensibilità di ciascuno.

Il progetto si articola in laboratori prima e dopo il viaggio, adottando la metodologia dell’educazione alla pari e dell’educazione non formale. I gruppi di partecipanti sono seguiti da giovani tutor professionisti e giovani volontari (molti dei quali hanno preso parte al viaggio come partecipanti negli scorsi anni).

Promemoria_Auschwitz.eu è un progetto curato da Deina Trentino, Deina Alto Adige Südtirol, Arci del Trentino, Arciragazzi Bolzano e Arbeitsgemeinschaft der Jugenddienste e finanziato dalla Provincia autonoma di Trento e dalla Provincia autonoma di Bolzano, con il patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati.

Iscrizioni scolastiche online: ecco i primi dati. Più dell’85% delle famiglie sceglie l’iscrizione online.

Si è chiuso venerdì 31 gennaio il termine ultimo per le famiglie per iscrivere i propri figli alle classi prime delle scuole secondarie di secondo grado e della formazione professionale. I primi dati ci dicono che poco più dell’85% sul totale delle famiglie ha scelto l’iscrizione online. Di questi 4127 hanno presentato la domanda di iscrizione alle scuole secondarie di secondo grado, mentre 1013 hanno scelto la formazione professionale. Si tratta di dati del tutto provvisori, poiché i dati definitivi saranno disponibili dopo il 20 febbraio, ovvero dopo il termine ultimo concesso alle scuole per convalidare le iscrizioni online alle quali si aggiungeranno le iscrizioni avvenute in modalità cartacea.

Stando alle prime proiezioni riferite alle iscrizioni online, in testa alle preferenze spiccano gli istituti tecnici per il settore tecnologico con un 24% di domande di iscrizione, seguono i licei scientifici con il 16,19% e gli istituti tecnici per il settore economico con il 13,91%.

Per quanto riguarda la formazione professionale le scelte espresse tramite l’iscrizione online vedono in testa il settore industria e artigianato con il 48,37% delle domande, seguito dal settore dei servizi 44,92% e dal settore agricoltura e ambiente con il 6,71%.

Le famiglie e gli studenti hanno effettuato le loro scelte a partire dal 7 gennaio 2020 attraverso la piattaforma disponibile all’indirizzo www.servizionline.provincia.tn.it, utilizzando le credenziali SPID (il Sistema Pubblico di Identità Digitale promosso a livello nazionale) o attraverso l’accesso al servizio mediante la Tessera Sanitaria/Carta Provinciale dei servizi.

Dopo il 20 febbraio, concluse le operazioni di convalida effettuate dalle scuole, sarà possibile avere il dato definitivo riferito alle scuole e ai rispettivi indirizzi scelti dagli studenti.

(Pagina 1 di 4)