Al Muse prima riunione del Cda presieduto dal professor Stefano Zecchi.

 

 

Dopo la nomina avvenuta lo scorso mese di aprile, si è tenuta questo pomeriggio la prima riunione, sotto la presidenza del professor Stefano Zecchi, del consiglio di amministrazione del Muse.

Alla riunione, che è stata incentrata su una panoramica dell’organizzazione e delle attività dell’ente e si è tenuta presso l’ufficio del direttore del museo Michele Lanzinger, hanno partecipato anche, come consiglieri di amministrazione neonominati, la giornalista Laura Strada, già responsabile della redazione RAI di Trento, caporedattrice della TGR, oggi nominata vicepresidente, e l’ex sindaco di Trento ed ex vicepresidente della Provincia, Alberto Pacher, oggi dirigente psicologo dell’Apss.

Diversi i temi affrontati e, tra questi, anche l’ipotesi di creare una sperimentazione in grado di avvicinare il mi di della scienza a quello della filosofia e dell’etica, pensando al vicino palazzo delle Albere quale luogo particolarmente adatto ad avviare un’esperienza che potrebbe essere un unicum in Italia.

Un contributo innovativo dunque da parte del nuovo presidente che è stato professore di estetica all’Università di Milano, unendo all’attività di accademico e filosofo quelle di scrittore, giornalista ed opinionista. Esperienze che lo hanno reso noto al grande pubblico attraverso la partecipazione ad alcune popolari trasmissioni televisive.

Attività svolta dalla Polizia Stradale di Trento. Ritirata Patente ad autista pullman di scolaresca di Fondo (TN) diretta in Austria.

Nella mattinata di ieri, 02 giugno 2019, una pattuglia della Polizia Stradale del Distaccamento di Malè si è recata, alle ore 07,00, presso l’Istituto Scolastico Comprensivo delle Scuole medie di Fondo (TN) per effettuare un controllo su un paio di mezzi e sui conducenti di due autobus privati incaricati di condurre gruppi di studenti diretti a Radfeld (Austria) per un soggiorno di una settimana per motivi linguistici.

I controlli, come noto, vengono effettuati in base a specifiche intese tra Ministero della Pubblica Istruzione e Ministero dell’Interno che prevedono una stretta collaborazione tra direzioni scolastiche e Polizia Stradale per garantire viaggi stradali in assoluta sicurezza.

Controlli, disposti dal Comando Sezione Polizia Stradale di Trento, intensificati e particolarmente numerosi in questo periodo dell’anno nell’intera provincia.
Nella giornata in argomento il controllo veniva demandato ad una pattuglia del dipendente Distaccamento di Malè (TN) , trovandosi l’abitato di Fondo nel territorio di competenza del citato Distaccamento di Malè.

Il controllo ad uno dei due pullman non dava luogo e rilievi mentre l’altro risultava fornire dati non in regola con le norme riguardanti il cronotachigrafo ed i tempi di riposo dell’autista. In particolare su quest’ultimo mezzo risultava inserita nel cronotachigrafo digitale una carta del conducente/proprietario appartenente, in realtà, a persona diversa dall’autista (nella fattispecie intestata al fratello dell’autista).Dal controllo del cronotachigrafo emergeva, inoltre, che il conducente non aveva rispettato il periodo minimo giornaliero di riposo previsto per legge, risultava essere stato alla guida del mezzo sino alle ore 24,15 del giorno precedente, 01/06 u.s., e di essersi, di fatto, rimesso alla guida, con la carta del conducente intestata al fratello, alle ore 06,30 del successivo 02 giugno u.s. giorno del controllo da parte degli operatori di polizia.

Per tali ragioni il conducente/ proprietario del mezzo, con sede ad Egna (BZ), veniva sanzionato ai sensi :

-art.179/2 c. d. s., mancato inserimento carta del conducente, che prevede il ritiro immediato della patente per la futura sospensione della stessa da 15 giorni a 3 mesi nonché la sanzione amministrativa di 868 Euro , non passibile di riduzioni in ragione del ritiro immediato della patente;

-art.174/6 c.d.s., mancata osservanza del riposo giornaliero di almeno 9 ore consecutive,che prevede sanzione di 434 Euro, ridotte a 303 Euro se pagate, come di fatto avvenuto, nell’immediatezza.

Solo dopo alcune ore di attesa a seguito dell’arrivo di altro autista idoneo il pullman ha potuto proseguire il viaggio per il soggiorno linguistico in Austria.

“Dalle parole ai fatti. Da domani, grazie al grande lavoro della Lega, le ambulanze e i mezzi di soccorso che svolgono attività di soccorso potranno viaggiare gratis in autostrada. Questa mattina, infatti, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha inviato la circolare a tutte le concessionarie autostradali per porre fine al pedaggio autostradale per servizi del 118, trasporto organi e sangue, trasporto neonatale e pazienti oncologici e molte altre attività nell’ambito del servizio SSN o SSR o similari. Stesso discorso anche per i veicoli delle associazioni di volontariato che svolgono attività di soccorso.

Chi salva vite non deve pagare, ma va messo nelle migliori condizioni di svolgere il proprio lavoro. È una grande vittoria della Lega che con emendamenti e ordini del giorno ha sempre posto il problema per arrivare quanto prima ad una soluzione. Siamo contenti che il lungo dialogo sul territorio con le associazioni di volontariato abbia portato a questa fondamentale circolare di buon senso. Un grande risultato reso possibile anche grazie al prezioso supporto del sottosegretario Edoardo Rixi che fin da subito si è battuto per eliminare il pedaggio autostradale per ambulanze e mezzi di soccorso e alla collaborazione di Autostrade e Aiscat”.

Lo dichiara Massimiliano Capitanio, membro della Commissione Trasporti, Poste e Tlc della Camera e primo firmatario di diversi Odg.

Promocoop Trentina spa, Arnaldo Dandrea è il nuovo presidente. L’ente ha rinnovato le cariche sociali. Dandrea è stato indicato dalla Federazione, socio di maggioranza di Promocoop Trentina spa. Sostituisce nella carica Roberto Simoni, non più ricandidato. Confermato il cda uscente con il nuovo ingresso di Emiliano Trainotti.

Si è svolta stamani l’assemblea di Promocoop Trentina spa, la società del sistema cooperativo trentino che raccoglie e gestisce il 3% degli utili delle cooperative finanziando progetti per incentivarne e sostenerne lo sviluppo.

La società, che aveva tenuto la propria assemblea di bilancio il 6 maggio scorso, aveva rinviato l’elezione delle cariche sociali in scadenza: presidente, cda e collegio sindacale.

All’elezione di oggi si è arrivati dopo che la Federazione, preso atto della indisponibilità del presidente uscente Roberto Simoni, ha indicato per la presidenza Arnaldo Dandrea, classe 1966, di Borgo Valsugana, presidente della Cassa Rurale Valsugana e Tesino e consigliere della Federazione. Sempre in rappresentanza del credito entra in cda Emiliano Trainotti, consigliere della Cassa Rurale Bassa Vallagarina e della Federazione. Confermati Lorenzo Libera, Daniela Cortella, Giacomo Libardi.

Confermati il presidente del collegio sindacale Carlo Delladio, e i sindaci Daniela Dessimoni e Franco Sartori. Nuovi supplenti Patrizia Gentil e Tiziana De Paoli.

Il consiglio di amministrazione dell’ente si riunirà giovedì prossimo. All’ordine del giorno anche la nomina del vicepresidente.

Il presidente dell’INPS Pasquale Tridico in Provincia. Incontro con il governatore Fugatti e l’assessore Spinelli.

Stretta collaborazione sulle tematiche di comune interesse al fine di trovare soluzioni che possano agevolare i lavoratori e le imprese. E’ quanto ribadito nel corso di un incontro fra il presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti e l’assessore allo sviluppo economico Achille Spinelli. All’incontro erano presenti anche il direttore generale della Provincia, Paolo Nicoletti e Marco Zanotelli direttore dell’INPS regionale.

Molti i temi al centro del confronto, fra cui l’applicazione in Trentino del reddito di cittadinanza e la questione dello scambio di dati fra le due amministrazioni. Al riguardo è allo studio un’apposita convenzione sull’interoperabilità dei dati che permetta all’INPS e alla Provincia, nelle sue varie articolazioni, di collaborare per rendere i servizi offerti ai cittadini sempre più efficienti. Al riguardo, il presidente Tridico ha annunciato il rafforzamento delle presenza dell’INPS sul territorio attraverso un potenziamento dell’organico presente in Trentino, pari a 13 unità.

Ai Vigili del fuoco dell’Alto Adige consegnati due generatori. Gapp e Oberhollenzer: “grazie per l’ottima collaborazione”. Pardatscher: “Il volontariato è un patrimonio da custodire”.

Ogni giorno lungo la A22 “abitano” una media di 100.000 persone. Sono “abitanti” anomali, in continuo movimento, ma con esigenze in buona parte simili a quelle che si manifestano all’interno di una città. Consapevole di questo, Autostrada del Brennero SpA interpreta ormai da tempo l’asse autostradale che gestisce come una “città lineare”, all’interno della quale bisogna garantire agli utenti sicurezza e servizi.

Un approccio che può concretizzarsi solo grazie alla strettissima collaborazione con tutti coloro che operano lungo la tratta. Come in una città, i Vigili del Fuoco hanno un compito di primaria importanza anche all’interno della “città lineare” chiamata A22. Il loro apporto non manca mai in ogni situazione di criticità, dagli incidenti stradali, agli eventuali blocchi del traffico in caso di eventi eccezionali.

Anche recentemente, in occasione degli eventi metereologici eccezionali di fine ottobre 2018 e delle nevicate dei primi giorni di febbraio 2019, si è dimostrato il ruolo chiave dei Vigili del Fuoco Volontari.

Per questo motivo, Autostrada del Brennero SpA ha deciso di finanziare l’acquisto, da parte dell’Unione Provinciale dei Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari dell’Alto Adige, di due generatori di corrente da 100 kW, che sono stati consegnati oggi ai Corpi di Egna e Vipiteno e che potranno essere usati in ogni situazione di emergenza. Si tratta di un segnale di vicinanza ai Corpi Volontari e alle Comunità di cui sono espressione.

“La diffusione, in Alto Adige come in Trentino, di un volontariato radicato all’interno delle Comunità rappresenta un’importante eredità storica che accomuna le due Province Autonome, che va gelosamente custodita e sapientemente incentivata” commenta l’Amministratore Delegato di Autostrada del Brennero, Walter Pardatscher. “La velocità di intervento in autostrada è fondamentale – aggiunge il Direttore Tecnico Generale, Carlo Costa – Il blocco della circolazione, ad esempio a seguito di un incidente, può essere evitato solo agendo con tempestività ed il ruolo rivestito dai Vigili del Fuoco è di primaria importanza”.

In occasione della consegna, il Presidente dell’Unione Provinciale dei Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari Wolfram Gapp, il direttore dell’Unione provinciale Christoph Oberhollenzer e il comandante dei vigili del fuoco volontari di Egna hanno ringraziato Autostrada del Brennero SpA per l’ottima collaborazione e per il finanziamento dei due generatori di corrente.

 

 

 

Terzo appuntamento con Roberto Giacobbo e «Freedom – Oltre il confine», in onda su “Retequattro” martedì 4 giugno, in prima serata.

Il viaggio di «Freedom» prosegue verso Castel del Monte, l’edificio più bello lasciato dall’Imperatore Federico II di Svevia. Giacobbo ripercorre tutte le ipotesi sulla natura dell’edificio pugliese e lo rivela con una ricostruzione grafica 3D in trasparenza, per coglierne segreti e geometrie nascoste.

Andrea Palladio, secondo quanto stabilito dal Congresso degli Stati Uniti nel dicembre 2010, è il padre dell’architettura americana. «Freedom» si è quindi recato nella città che più lo rappresenta, Vicenza, dove sono conservate le principali opere dell’artista vissuto nel ’500.
Restano però molti misteri sulla sua vita privata: giorno e causa della morte e quale fosse il suo volto. Che grazie anche al lavoro della Polizia Scientifica, forse, è stato svelato…

Freedom» è entrato anche nel Complesso di San Domenico Maggiore, a Napoli, per raccontare una storia intrisa di fede, cultura e mistero. I telespettatori potranno ammirare il crocifisso che parlò a San Tommaso d’Aquino, ripercorrere le vicissitudini di uno dei più controversi filosofi della storia, Giordano Bruno, e osservare da vicino preziose mummie.
Il divulgatore parla anche di come questa città abbia legami con un’antica e segreta tradizione egizia, per la quale, secondo alcune teorie, il complesso costituirebbe uno dei vertici del triangolo dei misteri, assieme alla Cappella di San Severo e alla statua del Dio Nilo.

A dieci anni dal terremoto, c’è ancora molto da fare per recuperare uno dei centri storici più belli d’Italia: quello de L’Aquila. «Freedom» ne parla entrando in un palazzo storico, un cantiere dove i lavori non sono ancora iniziati. Ma L’Aquila è anche una città in piena rinascita. Alcuni luoghi, grazie al paziente lavoro dei restauratori, sono tornati all’antico splendore o sono ancora più belli. Come la Chiesa di Santa Maria del Suffragio, che le telecamere del programma raccontano da un punto di vista inedito: dall’interno del tetto, per mostrare dall’alto la Cupola del Valadier, oggi ricostruita.

Per andare oltre il confine è necessario addentrarsi anche in storie inconsuete, per le quali la scienza non ha una spiegazione. Chi era Dorothy Eady? Inglese, nata all’inizio del ‘900, per tutta la vita ha dichiarato di essere la reincarnazione di una donna vissuta nell’antico Egitto, all’epoca del Faraone Seti I. «Freedom», insieme ad uno psicoterapeuta che pratica l’ipnosi regressiva, illustra la vicenda attraverso i luoghi che Dorothy ha visitato in Egitto…

Decreto Crescita, rischio flop per il credito d’imposta verso le PMI che partecipano alle fiere internazionali. CNA Trentino Alto Adige: “Poche risorse, criteri da rivedere. Così non si agevola l’export”.

“Rendere inefficace e inutile una misura disegnata per sostenere l’internazionalizzazione delle piccole imprese. Trasformare un incentivo in un premio a sorte, un altro click day alle porte”. È quanto, secondo la CNA Trentino Alto Adige, si prospetta per il credito d’imposta a favore delle Pmi che partecipano a fiere internazionali. La norma è tra le principali novità del Dl Crescita che ha ripreso l’iter di conversione alla Camera. Il provvedimento fa parte del pacchetto di interventi a favore dell’export e prevede un beneficio fiscale nella misura del 30% delle spese sostenute da micro e piccole imprese per partecipare a eventi fieristici internazionali che si svolgono all’estero. Una misura molto pubblicizzata dal governo e che sta alimentando aspettative nel mondo delle imprese.

L’intervento copre, per il 2019, le spese per l’affitto e l’allestimento degli spazi espositivi, le attività pubblicitarie, di promozione e comunicazione connesse alla partecipazione fieristica. Il beneficio fiscale riconosciuto è pari al 30% dei costi sostenuti dall’impresa fino a un massimo di 60mila euro. Un’azione concreta e mirata per sostenere la crescita delle Pmi sui mercati internazionali. “Purtroppo – afferma Claudio Corrarati, presidente regionale della CNA – il rischio è che si tratti dell’ennesima delusione. Se non interverranno sostanziali modifiche al Dl Crescita nell’iter parlamentare saranno vanificati i buoni propositi”.

La CNA ha fatto un po’ di calcoli e i conti non tornano, sia in termini di risorse, sia analizzando i criteri e le modalità di concessione del credito d’imposta triennale. “La dotazione finanziaria per il beneficio fiscale ammonta a 5 milioni di euro – osserva Corrarati – largamente insufficiente a fronte della platea delle imprese. Ma anche le modalità e i criteri per assegnare il credito d’imposta rischiano di trasformare la misura in un’altra lotteria, dove vince il più fortunato”.

Le imprese esportatrici italiane sono circa 200mila e di queste oltre 131mila hanno un organico fino a 9 addetti e quasi 35mila hanno tra 10 e 19 dipendenti. In Trentino Alto Adige le aziende esportatrici sono quasi 7.000, in gram parte piccole e medie imprese, e rappresentano la spina dorsale del sistema imprenditoriale che esporta e porta nel mondo il Made in Italy, il Made in Südtirol, il Made in Trentino.

“Aprirsi a nuovi mercati per queste aziende è un investimento strategico e poter contare o meno sul credito d’imposta diventa un elemento dirimente nelle scelte imprenditoriali – aggiunge Corrarati -. Considerata l’esiguità della dotazione finanziaria, però, il rischio è che a beneficiare dell’agevolazione siano poche decine di imprese, un’inezia rispetto alla platea di potenziali beneficiari. Sono quindi necessarie alcune modifiche per non ridurre un intervento di sistema a una lotteria. La strada più efficace è aumentare sostanzialmente la dotazione finanziaria del provvedimento.

Al tempo stesso è ipotizzabile una riduzione del limite massimo del contributo e una riduzione della tipologia di spese ammissibili limitandole a quelle direttamente riconducibili all’evento fieristico. Nella individuazione, poi, delle fiere internazionali da includere nell’elenco a cui si farà riferimento, è fondamentale il coinvolgimento delle associazioni di categoria. Così facendo si amplierebbe la platea dei beneficiari e si eviterebbe di trasformare un incentivo nell’ennesima illusione”.

I militari della Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, impegnati in servizi coordinati del territorio, disposti dal Comando Provinciale di Trento, hanno rintracciato ed arrestato una persona colpita da un ordinanza di custodia cautelare in carcere.

I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Borgo Valsugana e della Stazione Castel Ivano, impegnati in una serie di posti di controllo mirati a prevenire reati predatori nel territorio valsuganotto, hanno arrestato un cittadino romeno perché colpito da un’ordinanza di carcerazione.

Ad insospettirli, è stato un movimento istintivo di uno dei due che, alla loro vista ed alla guida della sua autovettura, ha cercato di cambiare direzione ma poi, temendo di essere notato, aveva proseguito la sua marcia. L’esitazione, non è però sfuggita ai militari che, appena le condizioni di sicurezza lo hanno permesso, provvedevano a fermare l’auto e a controllare gli occupanti.

Entrambi si mostravano calmi e collaboravano con i militari durante le fasi del controllo ma quando i nominativi venivano comunicati alla centrale operativa per le risultanze investigative, uno di loro risultava essere ricercato per un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Procura di Udine, lo scorso dicembre. L’uomo, R.N. 47enne, veniva accompagnato in caserma e lo stesso non opponeva resistenza. Dopo le verifiche del caso, veniva accompagnato presso la Casa Circondariale di Trento.

Nella mattinata di martedì 4 giugno p.v., all’interno della prestigiosa cornice del Palarotari di Mezzocorona, si terrà la 73a assemblea annuale dell’Associazione Albergatori ed Imprese turistiche del Trentino.

Nel corso della parte privata dell’assemblea verrà presentata una relazione sul lavoro svolto dall’Associazione nei mesi scorsi.

Nella parte pubblica il presidente Giovanni Battaiola, recentemente confermato alla guida dell’Asat, potrà delineare le richieste, le proposte e le idee da portare avanti nei prossimi anni del mandato, nell’interesse della categoria e di tutto il turismo trentino.

Si parlerà quindi dell’attuale quadro economico e del ruolo strategico del turismo, del rapporto con gli altri comparti economici, della sostenibilità dell’agire economico e dello sviluppo, di visione strategica per il turismo provinciale, di potenziamento e miglioramento delle infrastrutture di mobilità da e per il Trentino, di lotta all’abusivismo, di strategie e prospettive della promozione turistica, di semplificazione legislativa e burocratica, di formazione e lavoro.

Interverranno il Presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti e l’Assessore al turismo e sport Roberto Failoni. Saranno presenti numerose autorità del mondo politico, istituzionale, economico ed associativo del Trentino.

Il tema del lavoro sarà al centro di un talk show dal titolo “Turismo e mercato del lavoro: difficoltà, opportunità e prospettive” sul quale dibatteranno e si confronteranno Silvia Spattini – Direttore e ADAPT Senior Research Fellow; Riccardo Salomone – Docente universitario e Presidente di Agenzia del Lavoro; Stefano Pregel – Strategic Client Manager Manpower; Walter Largher – Presidente Ente Bilaterale Turismo del Trentino; Angelo Candido – Responsabile Area Sindacale di Federalberghi; Giovanni Battaiola – Presidente dell’Asat.

73a Assemblea dell’Associazione Albergatori
ed Imprese turistiche della Provincia di Trento
Martedì 4 giugno – Palarotari di Mezzocorona

 

*

Programma
ore 9.00 – Parte Privata
• Relazione sull’attività svolta a cura del Direttore Roberto Pallanch.
• Approvazione bilancio consuntivo 2018 e preventivo 2019
ore 10.00 – Parte Pubblica
• Introduzione ai lavori e saluto delle autorità
• Saluto della Presidente dei Giovani Albergatori del Trentino Francesca Braus.
• Relazione del Presidente Giovanni Battaiola
• Intervento del Presidente della Giunta Provinciale Maurizio Fugatti.
• Intervento dell’Assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Roberto Failoni
• Cerimonia di consegna delle “Stelle dell’Albergatore”
ore 12.15 – Talk show

Turismo e mercato del lavoro: difficoltà, opportunità e prospettive
Conduce: Paolo Mantovan – Direttore del quotidiano “Trentino”

 

*

Intervengono:
• Silvia Spattini – Direttore e ADAPT Senior Research Fellow
• Riccardo Salomone – Presidente di Agenzia del Lavoro
• Stefano Pregel – Strategic Client Manager Manpower
• Walter Largher – Presidente Ente Bilaterale Turismo del Trentino
• Angelo Candido – Responsabile Area Sindacale di Federalberghi
• Giovanni Battaiola – Presidente ASAT
ore 13.30 – Convivialità a tavola

(Pagina 1 di 3)