Progetto di alfabetizzazione sportiva per la scuola primaria: domani ad Aldeno la giornata conclusiva. Promosport, giovedì 23 maggio, presso il centro sportivo “Le Albere” di Aldeno, dalle 8 alle 16.

Nell’ambito del Progetto “Alfabetizzazione sportiva” riservato alle classi quinte di scuola primaria, si svolgerà domani, giovedì 23 maggio, a partire dalle 8 per tutta la giornata presso il centro sportivo “Le Albere” di Aldeno, la manifestazione Promosport. All’iniziativa parteciperanno 28 classi, in rappresentanza di 25 Istituti comprensivi provenienti da tutta la provincia.

L’evento rappresenta il momento conclusivo di un percorso didattico, sviluppato da insegnanti di scienze motorie, che prevede la pratica di 6 discipline sportive (ginnastica, atletica, basket, frisbee, bici, danza sportiva) e di 2 sport tradizionali (tiro alla fune e corsa nei sacchi).

Da sottolineare che la manifestazione rappresenta il momento di lancio e promozione di “Trentino Sport Days”, la kermesse fieristica in programma a RivaFiere alla fine di settembre.

L’iniziativa è organizzata dal Coordinamento Attività Sportive del Dipartimento Istruzione e Cultura della Provincia di Trento, in collaborazione con CONI Trento e con il patrocinio di Panathlon Club Trento per il concorso “Fair Play”.

The Voice of Italy – Blind #5. Raidue presenta The Voice of Italy.

 

LINK VIDEO

 

In data odierna, i militari dei Gruppi dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Torre Annunziata hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari – emessa dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia – nei confronti di sette soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in estorsione e lesioni personali, con l’aggravante di aver commesso il fatto per finalità mafiose, avvalendosi della forza d’intimidazione che promana dal sodalizio camorristico “CLAN CESARANO”.

L’odierno provvedimento scaturisce da un’articolata attività di indagine – coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli ed eseguita congiuntamente dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata e dai Finanzieri della Compagnia di Castellammare di Stabia – originata nell’anno 2014, allorquando in concomitanza con la scarcerazione del boss DI MARTINO Luigi (alias “o’profeta”), elemento apicale del CLAN CESARANO, venivano registrati all’interno dell’area denominata “Mercato dei fiori”, la zona florovivaistica più importante del Sud Italia sita tra i Comuni di Castellammare di Stabia e Pompei, una serie di episodi di natura estorsiva che, tuttavia, non trovavano diretti riscontri e conferme da parte nei commercianti del posto che negavano di aver mai ricevuto richieste in tal senso, a dimostrazione del clima di vessazione ed omertà che contornava gli operatori del medesimo “Mercato dei fiori”, intimoriti al punto da non esporre denuncia nemmeno a fronte di evidenze investigative.

Le indagini immediatamente avviate in sinergia dall’Arma dei Carabinieri di Torre Annunziata e dalla Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia permettevano di identificare con certezza gli esattori del clan ed accertare che le somme estorte venivano consegnate “il 10 di ogni mese” dagli imprenditori operanti all’interno del medesimo “Mercato dei fiori”.

Gli operatori economici che non pagavano venivano violentemente percossi a scopo intimidatorio anche da appartenenti ad altri clan.
A tal riguardo, venivano ricostruiti i rapporti d’amicizia tra gli affiliati dei “CLAN CESARANO”, operativo tra Pompei e Castellammare di Stabia, e “PECORARO-RENNA”, operativo invece nella Piana del Sele e nell’alto salernitano.

Oltre ad imporre il racket nella sua forma tradizionale con pagamenti a cadenza mensile, le indagini hanno dimostrato che gli indagati avevano altresì appositamente creato la società “ENGY SERVICE S.R.L.”, un’azienda di intermediazione trasporti, allo scopo precipuo di avere il monopolio delle spedizioni di fiori, bulbi e vasellame, provenienti prevalentemente dai Paesi Bassi, con annesso scarico merci che veniva effettuato all’interno del “Mercato dei fiori” e successivamente instradato verso l’intero Sud-Italia.

In particolare, dalle intercettazioni emergeva chiaramente che la predetta società era considerata dagli imprenditori del settore “l’agenzia delle gang”, poiché aveva imposto un rapporto di vera e propria “esclusiva commerciale” nel settore della logistica, sia per i trasporti che per lo scarico merci, anche in ragione della capacità intimidatoria derivante dalla parentela del titolare con il citato DI MARTINO Luigi. Le vittime, pertanto, venivano obbligate ad avvalersi di tale azienda di intermediazione per effettuare il trasporto e lo scarico merci, subendo quindi un ulteriore aggravio sulle spese.

 

*

Si riportano i nomi degli arrestati:
Arresti in carcere:

1) CESARANO Giovanni, detto “Nicolino”, nato a Napoli il 26.05.1966;

2) DI MARTINO Luigi, detto “il profeta”, nato a Castellammare di Stabia (NA) il
25.03.1961;

3) DI MARTINO Luigi, detto “cifrone”, nato a Castellammare di Stabia (NA) il
21.06.1961;

4) FALANGA Aniello, nato a Pompei (NA) il 04.06.1964;
Arresti domiciliari:

1) CAMMAROTA Ivan, detto “orsetto”, nato a Salerno il 16.10.1975;

2) DI MARTINO Luigi, detto “il profeta”, nato a Castellammare di Stabia (NA) il
25.03.1961;

3) MELISSE Vincenzo, detto “taccarella”, nato a Castellammare di Stabia (NA) il
10.07.1966;

4) MOGAVERO Francesco, nato a Battipaglia (SA) il 13.01.1979.

Si è conclusa da meno di 24 ore, con una giornata dedicata agli operatori di settore, la prima edizione di Trentino & Wine (16-20 maggio 2019), il festival del vino trentino che rinnova la tradizione della Mostra del vino arricchendola di iniziative ed eventi in campo, culturale, storico, artistico ed ambientale.

Circa 3000 mila persone si sono date appuntamento nelle sale di Palazzo Roccabruna, a Torre Mirana e per le vie della città alla scoperta dei palazzi che intrecciano la propria storia con quella del frutto della vite.

Sono stati circa 250 gli operatori della ristorazione e della distribuzione, provenienti dalla provincia, ma anche dall’area milanese e torinese oltreché dall’estero (20), che hanno partecipato alla giornata di incontro con le cantine lunedì 20 maggio lungo un percorso esperienziale che si è snodato fra le sale del piano terra e del primo piano dell’Enoteca.

Non sono mancati i fan di Dolcenera che per la serata di raccolta fondi “L’arte salva” si sono radunati in quattrocento al Teatro sociale per assistere alla performance dell’artista pugliese accompagnata dal ballerino Francesco Costa e dalla giovane cantante Francesca Cropelli. Brillante e divertente la performance di Loredana Cont e delle Donne del Vino che venerdì 17 maggio a Palazzo Geremia hanno intrattenuto quasi cento persone con lo spettacolo “The ironic wine women – Le ironiche done del vim”

Anche se non sono indicative del successo dell’iniziativa, tuttavia le circa 2000 bottiglie stappate testimoniano l’intensa partecipazione alle degustazioni e ai laboratori che hanno coinvolto dal 16 al 20 maggio oltre al pubblico anche una quindicina di sommelier per assistere gli ospiti nella scoperta delle caratteristiche del vino trentino e nella sensibilizzazione ad un approccio consapevole al suo consumo. In degustazione a Palazzo Roccabruna erano disponibili 149 etichette in rappresentanza di 44 cantine e 17 distillerie (37 le referenze di grappa presenti).

Il direttore del Consorzio vini del Trentino, Graziano Molon, esprime soddisfazione per questa prima edizione: “Il consenso del pubblico, testimoniato da una partecipazione costante a tutte le iniziative, è l’esito di un impegno corale di enti, istituzioni, associazioni e cantine che riflette l’importanza del vino nella storia e nell’economia di questa terra. Trentino & Wine è un mosaico fatto di tante tessere la cui molteplicità e diversità ha arricchito il disegno complessivo. Questo perché il vino è un elemento non solo materiale, ma anche simbolico e culturale che intercetta aspetti diversi del nostro vivere quotidiano. Per il Consorzio vini del Trentino, però, Trentino & Wine non finisce qui. Abbiamo in serbo alcune sorprese nel corso dell’anno per tenere desta l’attenzione su questo mondo e anticipare eventualmente qualcosa della prossima edizione.”

TRENTINO & WINE nasce da un’estesa collaborazione istituzionale, guidata dal Consorzio Vini del Trentino che coinvolge, oltre ai produttori, la Provincia autonoma di Trento, Trentino Marketing, il Comune di Trento, la Camera di Commercio di Trento, l’Istituto Trento Doc, l’Istituto Tutela Grappa del Trentino, la Confcommercio Trentino, la Confesercenti Trentino, l’APT di Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, il Consorzio Trento Iniziative, l’Associazione commercianti al dettaglio del Trentino, la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, la Confraternita della Vite e del Vino, l’Associazione Donne del Vino, il Movimento Turismo del Vino, l’Associazione cuochi trentini, l’ONAV, l’ASPI, l’AIS, il CFP – Centro Moda Canossa, l’atelier Anna Gaddo, la filiale Volksbank di Trento, l’Associazione culturale “Il Vagabondo” di Cadine, AbC Irifor e la Biblioteca Civica di Rovereto.

Tre episodi violenti contro poliziotti in 24 ore. Paoloni (Sap): «Adesso basta. Governo non perda tempo e approvi subito decreto sicurezza bis»

«Tre episodi di violenza e resistenza in 24 ore: Bologna con la manifestante; Torino con un extracomunitario che stacca a morsi un dito a un poliziotto e Siena, con un ventenne ubriaco che tenta di sfilare la pistola a un altro collega dopo averlo aggredito. Adesso basta».

Lo dichiara Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

«E’ ora di dire basta con queste aggressioni continue nei confronti delle Forze dell’Ordine. Il Governo non perda tempo e approvi subito il Decreto Sicurezza Bis. In questo clima – prosegue – servono norme a tutela delle forze dell’ordine esauste da queste continue violenze rispetto alle quali i delinquenti nella maggioranza dei casi resteranno impuniti».

Nel 2019 il prodotto interno lordo (Pil) è previsto crescere dello 0,3% in termini reali, in deciso rallentamento rispetto all’anno precedente (Prospetto 1).

Nell’anno corrente, la domanda interna al netto delle scorte fornirebbe l’unico contributo positivo alla crescita del Pil (0,3 punti percentuali), mentre l’apporto della domanda estera netta e quello della variazione delle scorte risulterebbero nulli.

Nel 2019, la spesa delle famiglie e delle ISP in termini reali è stimata crescere dello 0,5%, in lieve rallentamento rispetto all’anno precedente.

Nell’anno in corso, il processo di ricostituzione dello stock di capitale rallenterebbe in misura significativa. La riduzione coinvolgerebbe sia gli investimenti in macchinari e attrezzature sia quelli in costruzioni. Nel complesso, gli investimenti fissi lordi sono previsti crescere dello 0,3%.

La decelerazione dei ritmi produttivi inciderebbe anche sul mercato del lavoro. Nel 2019 si prevede che l’occupazione rimanga sui livelli dell’anno precedente (+0,1%) mentre si registrerebbe un lieve aumento del tasso di disoccupazione (10,8%). Le retribuzioni lorde per unità di lavoro dipendente sono attese evolvere in linea con il deflatore della spesa delle famiglie residenti (+0,9%).

L’attuale scenario di previsione è caratterizzato da alcuni rischi al ribasso rappresentati da una ulteriore moderazione del commercio internazionale e da un possibile peggioramento delle condizioni creditizie legato all’aumento dell’incertezza e all’evoluzione negativa degli scenari politici ed economici internazionali.

 

A

Come un gatto in tangenziale. 2018 | CommediaDisponibile fino al 03/06/2019. Regia: Riccardo Milani. Cast: Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Claudio Amendola, Sonia Bergamasco.

 

LINK VIDEO

 

 

#cartabianca. Puntata del 21/05/2019. In studio, Matteo Salvini, segretario della Lega ministro dell’Interno e vice premier; Nicola Zingaretti, segretario del Pd; Stefano Buffagni, M5s, sottosegretario agli Affari regionali; Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia; Massimo Cacciari, filosofo; Alberto Forchielli, imprenditore; Michele Brambilla, direttore del Quotidiano nazionale; Stefano Cappellini, la Repubblica; Maria Teresa Meli, Corriere della Sera; Andrea Scanzi, Il Fatto quotidiano; Alan Friedman, giornalista e scrittore. E come sempre, il commento dei fatti della settimana con lo scrittore Mauro Corona.

 

LINK VIDEO

 

Il paradiso delle signore. St 3 Ep 2. Marta Guarnieri viene salvata dal tentativo di violenza da parte di Valerio, grazie al tempestivo intervento di Luca. Intanto Riccardo, lo scapestrato figlio di Umberto, scommette con i suoi amici di riuscire a far innamorare la figlia dell’uomo di fiducia di suo padre, il ragioniere Luciano Cattaneo, la giovane e ingenua Nicoletta. Clelia, una donna affascinante e misteriosa, si presenta al Paradiso per il posto di capo-commessa, suscitando l’interesse di Luciano, mentre Umberto incarica Adelaide di scoprire cosa è accaduto tra Marta e Valerio.

 

LINK VIDEO

 

Artigianato, premiati i primi Maestri tra gli edili. Il diploma consegnato oggi al Castello del Buonconsiglio anche a 10 lattonieri.

Sono l’edilizia e la lattoneria i settori che da oggi potranno contare sulla presenza di 24 nuovi Maestri Artigiani. Ieri sera, presso la sala Marangonerie del Castello del Buonconsiglio, la cerimonia di consegna dei diplomi. A salutare i nuovi Maestri anche l’assessore provinciale all’artigianato, che ha confermato che la Provincia ha particolarmente a cuore tale figura, ritenuta strategica per il futuro del Trentino, poiché coniuga l’esigenza di elevare la qualità professionale con quella di affrontare in maniera adeguata le nuove sfide imposte dal mercato. “Siamo qui per sottolineare il valore di questo riconoscimento – ha detto l’assessore provinciale all’artigianato – che diventa il simbolo di ciò che può nascere dall’impegno, dalla dedizione al lavoro, dall’amore per il nostro territorio e dalla continua ricerca della qualità. È la strada giusta, per continuare ad essere competitivi nel mondo”

Edilizia e lattoneria sono specializzazioni fondamentali nel settore delle costruzioni che, dopo anni di dura crisi, sta lentamente rialzando la testa e la volontà da parte degli artigiani premiati di intraprendere l’impegnativo percorso di oltre 400 ore ne è la positiva dimostrazione. Dei 24 neo Maestri Artigiani, 14 sono gli edili (nuova categoria) e 10 lattonieri (che si aggiungono ad altri 16 già diplomati). A curarne la formazione (400 ore articolate in tre ambiti: area gestionale, insegnamento del mestiere ed area tecnico-professionale) sono stati Accademia d’impresa e Istituto professionale ENAIP di Villazzano.

Nel corso di un incontro reso festoso dalla presenza alla cerimonia di parenti e amici dei premiati, è stato ribadito che tra gli obiettivi di legislatura in campo economico vi è la trasformazione del Trentino nel suo complesso e in ogni settore in una società avanzata della conoscenza, investendo sulla capacità di innovazione e sul capitale umano. Si tratta degli stessi elementi che caratterizzano il corso di Maestro Artigiano e per questa ragione la Provincia è impegnata a promuovere sul territorio tale figura.

Diverse sono le azioni promozionali previste per il 2019, a partire dalla Festa del Maestro Artigiano, lunedì 17 giugno 2019 presso il Pala Rotari di Mezzocorona, dove per la prima volta si ritroveranno tutti i 371 Maestri Artigiani del Trentino. Ai ventiquattro nuovi maestri artigiani premiati oggi, è stata donata un felpa da lavoro con il logo di ‘Maestro Artigiano’.

All’incontro erano tra gli altri presenti Bruno Degasperi direttore di Accademia di Impresa, Marco Segatta, presidente dell’Associazione artigiani del Trentino e Roberto Mattarei, presidente della Commissione provinciale per l’artigianato.

Maestri Artigiani EDILI – nuova categoria

COGNOME NOME COMUNE DI RESIDENZA
1 BRENDOLISE PAOLO RONCEGNO TERME TN
2 CORAZZA PAOLO ROMENO TN
3 DAL PAI ANTONIO TRENTO – FR. CORTESANO
4 DALCOLMO MICHELE PERGINE VALSUGANA TN
5 DALLAPICCOLA MASSIMO FORNACE TN
6 FAUSTINI IVO ALTAVALLE TN
7 FERRARI LUCA PERGINE VALSUGANA TN
8 FILIPPI ALBERTO TENNA TN
9 FRANCH MAURO LAVIS
10 GIRARDI LUCA FORNACE TN
11 MERLER STEFANO TRENTO
12 ROSA ALBERTO LEDRO TN
13 SANTONI ROBERTO MADRUZZO TN – FR. CALAVINO
14 ZANETTIN MIRCO SEGONZANO TN
Nuovi Maestri Artigiani LATTONIERI

COGNOME NOME LUOGO RESIDENZA
1 AMISTADI GIULIANO SELLA GIUDICARIE
2 BALDESSARI ANDREA TRENTO
3 CAGOL CRISTIAN TRENTO
4 MUÑOZ CASTIGLIONI OSCAR MAURICIO CALAVINO
5 PASQUAZZO IVAN CASTEL IVANO
6 PEDROTTI ANDREA MALE’
7 PLAGA MATTEO ROMENO-SALTER
8 POLESANA ALEX VARENA
9 REVOLTI FRANCESCO TRENTO
10 SARTORI AMOS VALLELAGHI
371 MAESTRI IN 24 CATEGORIE

Sino ad oggi sono stati nominati 371 Maestri artigiani in 24 diverse categorie: 59 acconciatori, 13 auto riparatori, 16 carpentieri in ferro, 8 carpentieri in legno, 11 carrozzieri, 17 elettricisti, 19 estetiste, 31 falegnami d’arredo, 12 falegnami serramentisti, 9 fotografi, 26 lattonieri, 13 odontotecnici, 10 panificatori, 9 pasticceri, 14 pittori edili, 14 posatori ceramica, 10 posatori legno, 16 posatori pietra, 7 sarti, 19 termo idraulici, 6 video operatori, 7 gelatieri, 11 fumisti, 14 edili.

(Pagina 4 di 4)