,Dopo lo stop tecnico del 2018, torna la Notte Verde. L’edizione 2019 è stata presentata oggi a Rovereto a palazzo Alberti Poja come una festa di primavera (a cui tutti sono invitati) che si svolgerà il 25 maggio 2019.

 

dav

 

E’ organizzata dal Comune di Rovereto ed ha come main sponsor Dolomiti Energia e la collaborazione di: APT, Comunità della Vallagarina, Progetto Manifattura, Trentino Sviluppo, Fondazione Museo Civico, FBK, Mart, Consorzio Rovereto in Centro, Istituto Fontana, Istituto Depero, Biblioteca Cvica, Azienda Sanitaria, MLAl, Cerism, Circolo fotografico l’Immagine, Università di Trento, CFP Barelli, Coop. Eris, Associazione Share, Caritas.

Si tratta dunque di uno sforzo corale che vede allineate le più prestigiose istituzioni culturali trentine e cittadine radunate attorno ad un programma che offre molti spunti: il richiamo della scienza, i laboratori attivati nei vari cortili per guardare il cielo e per riflettere sui cambiamenti climatici e le loro conseguenze. Dall’altra i linguaggi espressivi, tra immagini fotografiche del bosco e ipotesi di rigenerazione del parco del Leno, assaggi di prodotti del territorio, pedalate di mobilità alternativa da piazza Podestà sul Lungoleno fino alla Manifattura (proposte da Progetto Manifattura), pratiche di riuso/creatività espresse da quattro scuole superiori e letture animate per i più piccoli.

A questa coralità di proposte e collaborazioni, e al grande lavoro per predisporre il tutto, si è richiamato il Sindaco nel suo intervento. “La notte verde vede coinvolta tutta l’amministrazione comunale attraverso i suoi uffici. Dopo lo stop del 2018, riprende il cammino nel solco di una tradizione di almeno 10 anni. E’ occasione per riflettere su come prendersi cura dell’ambiente – ha proseguito il Sindaco – e si connota per la sua trasversalità coinvolgendo bambini, giovani e adulti, il mondo della scuola, dell’impresa, dell’università e diventa anche motivo di promozione del territorio. É una grande occasione di festa e di attraversamento fisico della città, ma aldilà dell’indotto, riflette una comunità che insieme pensa ad una ecologia integrata fatta di ambiente e di relazione. Ringrazio tutti coloro i quali a vario titolo hanno reso possibile tutto questo” ha quindi concluso.

Evento clou nelle vie del centro storico la ‘Cena in bianco e verde’ dalle 19.30 alle 23 nelle vie del centro storico: Via Rialto, piazza Battisti, via Mazzini, via Roma, via Mercerie, piazza Erbe e piazza Malfatti. Qui troverà posto una tavolata lunga più di 500 metri. Il bianco delle tovaglie, degli abiti e delle candele ed il verde delle erbe aromatiche, degli addobbi e delle luci saranno un must/have della serata. Nel segno delle 5 E: Etica, Estetica, Educazione, Eleganza ed Ecologia si vivrà appieno la città con la possibilità di scegliere fra due piatti speciali, uno vegetariano e uno a base di carne, preparati con passione e creatività dai ristoratori locali. Iscrizioni sul sito www.eventbrite.it (per partecipare alla cena bisogna prenotarsi compilando il modulo sul sito del consorzio e pagare 12 euro: poi la sera della cena si ritira il buono in appositi punti).

Nelle piazze ci saranno spettacoli, tra gli scranni del consiglio comunale la ‘Poesia Verde’ e le parole di poeti antichi e nuovi, e poi giocoleria, clowneria, animazione.
Tra le curiosità il ciclo-pianista Paolo Casolo che pedala trascinandosi un pianoforte, e Zitto Zitto un comico che si aggira per le strade pedalando, con una valigia e dei copertoni a tracolla, per coinvolgere il pubblico sul concetto di equilibrio. Ma non c’è solo questo perché la manifestazione fa proprie anche le istanze sul clima portate avanti dai giovani con le attività proposte dagli studenti degli Istituti superiori Fontana e Depero, che – con i ricercatori di FBK – animeranno tre isole dedicate al riutilizzo, alla riparazione e al corretto smaltimento di piccole apparecchiature elettriche ed elettroniche.

 

*

Programma integrale
LABORATORI E ATTIVITA’ ESPERIENZIALI

 

Casa d’Arte Futurista Depero
APERTURA STRAORDINARIA FINO ALLE ORE 22.00
DALLE ORE 17.00 INGRESSO GRATUITO

 

ore 17.00-19.00 Cortile della Casa d’Arte Futurista Depero
LIBRI-SCULTURA
Laboratorio continuo e gratuito che insegna a riciclare vecchi libri trasformandoli in sculture di carta. I partecipanti sono invitati a portare da casa un libro che non desiderano più conservare, con cui sperimentare alcune tecniche di piegatura della carta. Pagina dopo pagina, il lavoro paziente della piegatura fa assumere al libro una nuova forma, facendolo diventare un originale segnaposto che potrà essere usato per decorare la lunga tavolata della “Cena in bianco e verde”.
L’attività può essere frequentata da adulti, ragazzi e bambini a partire dai 6 anni.
A cura dell’Area educazione e mediazione culturale del Mart.

 

ore 17.00 – 19.00 palazzo Pretorio – sala Roggia
I CINQUE MALFATTI
Lettura e laboratorio per i bambini da 6 a 10 anni a cura di Sofia Rocchigiani e Chiara Sberna
Attività gratuita basata sull’albo illustrato “I cinque malfatti” di Beatrice Alemagna: lettura animata e creazione dei personaggi del racconto attraverso il riciclaggio creativo dei rifiuti.
A cura dell’Università degli studi di Trento, Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitiva con la collaborazione della Biblioteca Civica “G. Tartarotti”

 

ore 17.00 – 19.00 via Roma – Cortile Urbano
FIORISCONO STORIE
Incontro con i volontari “Nati per Leggere” per bambini da 3 a 6 anni
Le storie fanno crescere i bambini, li fanno “fiorire” e il programma Nati per Leggere lo sa. Con la collaborazione della Biblioteca Civica “G. Tartarotti”, verranno proposti a bambini e genitori libri che narrano di piante, fiori e animali.
A cura della Biblioteca Civica “G. Tartarotti”

 

ore 17.00 – 23.30 Piazza Damiano Chiesa
ALBERI PER GIOCO
TEATRO D’OLTRE CONFINE
Alberi delle bolle, alberi dei suoni, alberi delle parole, alberi delle facce, alberi grandi, colorati e belli. Ogni albero è un gioco e bambini di tutte le età ossono avvicinarsi, toccarli, scoprire i loro segreti. Colori, poesia…e voci…e ris…per scoraggiare i pessimisti e allontanare le ombre.
Progetto a cura di Teatro Telaio Brescia

 

CENA SOTTO LE STELLE
ore 15.00 – 20.30 via Roma, Cortile Urbano
CENA DEI BAMBINI IN BIANCO E VERDE
Nel Cortile Urbano in via Roma i bambini potranno trascorrere un pomeriggio all’insegna della creatività e del gioco, con laboratori ed intrattenimenti in cui le famiglie possono divertirsi e stare insieme. Dopo aver preparato e gustato una squisita merenda, ci sarà la baby dance per i bambini e a seguire la cena in bianco e verde dei bambini preparata lungo una tavolata bianca all’interno del Cortile Urbano, dove si potrà mangiare insieme un gustoso piatto divertente. Per concludere al meglio la serata ci saluteremo con la favola della “buona Notte Verde” con i nostri amici a quattro zampe. Sarà presente uno spazio riservato alle mamme e i più piccoli e uno spazio gioco libero. I laboratori del pomeriggio e la favola della buona Notte Verde sono a partecipazione libera, mentre per partecipare alla cena bisogna prenotarsi compilando il modulo sul sito del consorzio www.roveretoincentro.com
Organizzato da Consorzio Rovereto IN Centro in collaborazione con ERIS-EFFETTO FARFALLA Società Cooperativa Sociale

ore 19.30 – 23.00 Centro storico
CENA IN BIANCO E VERDE
Rovereto, la città della Quercia, sceglie di trascorrere una speciale serata primaverile condividendo il piacere di stare e mangiare insieme. Via Rialto, piazza Battisti, via Mazzini, via Roma, via Mercerie, piazza Erbe e piazza Malfatti faranno da protagoniste con una tavolata lunga più di 500 metri. Il bianco delle tovaglie, degli abiti e delle candele ed il verde delle erbe aromatiche, degli addobbi e delle luci saranno un must/have della serata. Nel segno delle 5 E: Etica, Estetica, Educazione, Eleganza ed Ecologia si vivrà appieno la città con la possibilità di scegliere fra due piatti speciali, uno vegetariano e uno a base di carne, preparati con passione e creatività dai ristoratori locali. Iscrizioni sul sito www.eventbrite.it
Organizzato da Consorzio Rovereto IN Centro

LA NOTTE A PALAZZO SICHART

ORE 17.00 – 19.00 via Calcinari
Spazio/laboratorio in continuo di meteorologia
LA TERRA BRUCIA
Quali sono le evidenze scientifiche del riscaldamento globale?Il Trentino può dirsi estraneo ai cambiamenti del clima? Chi si occupa di osservare, e con quali strumenti. I fenomenti meteorologici, fornire previsioni del tempo, analizzare il nostro clima, le sue peculiarità e i suoi cambiamenti? Alla scoperta delle attività i monitoraggio, previsione ,ricerca e divulgazione in ambito meteorologico e limatologico nella Provincia di Trento
a cura della Fondazione Museo Civico Rovereto

 

ore 17.00-23.30
METEOROLOGIA, AMBIENTE E CLIMA
L’atmosfera è una componente essenziale del nostro ambiente. Buona parte dei fattori e dei processi che controllano la qualità dell’ambiente e la stabilità del clima terrestre passano attraverso l’atmosfera. Anche le risorse energetiche da fonti rinnovabili (solare, eolico, idroletterico) dipendono da fattori meteorologici.
Il nostro benessere, la nostra salute, la stessa possibilità di sopravvivere in un ambiente antropizzato dipendono da fattori fortemente condizionati dall’atmosfera e dai suoi processi.
Ma come funziona esattamente la nostra atmosfera? Come si monitorano i fenomeni meteorologici? Come si misura, ad esempio, la temperatura dell’aria, la pressione atmosferica, la precipitazione, la velocità del vento, la radiazione atmosferica? Come funzionano i modelli per le prevsioni del tempo giorno per giorno e per le proiezioni del clima nel futuro? Come cambiano le condizioni ambientali in un’area urbanizzata? Come si possono mitigare gli effetti indesiderati della antropizzazione? Come possiamo prevedere e gestire le risorse energetiche rinnovabili?
A tutte queste domande potrete trovare una risposta presso la postazione del Gruppo di Fisica dell’Atmosfera dell’Università di Trento dove verranno offerte dimostrazioni, presentati i risultati degli studi sul territorio e proposti percorsi di approfondimento.
a cura del Gruppo di Fisica dell’Atmosfera dell’Università di Trento.

 

ore 21.30-23.00
Spazio/laboratorio in continuo di astronomia
OSSERVIAMO INSIEME ALL’ASTRONOMO
IL CIELO DELLA NOTTE
a cura della Fondazione Museo Civico Rovereto

 

 

 

MOSTRE

ore 17.00 – 23.30 Sala Baldessari, via Portici
NEL BOSCO
Un viaggio nel bosco fonte di ispirazione per diverse interpretazioni: luogo sacro custode di eremi e chiese antiche, sipario di una possibile interpretazione teatrale, posto romantico tra le nebbie dell’autunno, abitazione di animali piccoli e grandi, luogo segnato dal maltempo di fine ottobre, e tanto altro ancora.
A cura del Circolo “L’Immagine” di Rovereto.

Ore 18.00 – 23.30 palazzo Pretorio – sala Roggia
A COME ACQUA: STUDIO PAESAGGISTICO TERRITORIALE E DI RIGENERAZIONE DEL PARCO DEL LENO

SCHOOL GREEN SPEACE17.00 – 23.00 piazza Damiano Chiesa
APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE: LE GIOVANI GENERAZIONI VI CHIAMANO A “RACCOLTA”.

In occasione della Notte Verde, le campagne di sensibilizzazione RAEECYCLO e WEEERRobots, che coinvolgono studenti delle scuole superiori e primarie della città di Rovereto, uniscono le forze e invitano tutti i cittadini a contribuire attivamente!
Gli studenti degli Istituti superiori ITET Fontana e Liceo Artistico Depero, e i ricercatori di FBK animeranno piazza Damiano Chiesa con tre isole RIUSO, RIPARO e RICICLO dedicate al riutilizzo, alla riparazione e al corretto smaltimento di piccole Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.
Portate i piccoli oggetti elettronici, funzionanti e non funzionanti, che non usate più: piccoli elettrodomestici, apparecchiature audio/video, smartphone, tablet, computer portatili, componenti e accessori del computer, giochi elettrici ed elettronici.
Gli oggetti che porterete verranno classificati e indirizzati verso la giusta isola:

 

RIUSO – laboratori scientifici con la collaborazione di Mindshub e AT lab destinati alla dimostrazione del riuso costruttivo dei componenti elettronici. Un punto di raccolta coadiuvato da Caritas Rovereto e Associazione Share Onlus consentirà inoltre di conferire apparecchiature ancora funzionanti, ma in disuso, affinché possano essere rivendute o donate a chi ne ha necessità.

RIPARO – grazie ai repair café, riparatori di piccole apparecchiature elettriche ed elettroniche (tablet, radio, piccoli elettrodomestici…) vi mostreranno come prolungare la vita di questi oggetti e salvaguardare l’ambiente. Sarà inoltre possibile decidere di destinare cellulari, tablet e laptop che hanno un valore residuo alla rigenerazione e vendita (curate da GreenIdea Technologies). Con il ricavato verranno acquistate apparecchiature per la scuola primaria Gandhi di Rovereto che partecipa alla campagna WEEERRobots.

RICICLO – Centro di Raccolta Materiali temporaneo, a cura di Dolomiti Ambiente, ove conferire correttamente ciò che non è più possibile riparare e riutilizzare.

GIOCHI PER BAMBINI – area dedicata ai bambini dove potranno giocare con gli studenti, ascoltare dei racconti e vedere filmati così impareranno a trattare i rifiuti elettronici non come rifiuti comuni (ore 17.00 – 19.30).

RAEECYCLO è un’iniziativa nell’ambito del progetto eMining@School, finanziata da EIT Raw Material.

WEEERRobots è un’iniziativa del progetto InnoWEEE, finanziata da EIT Climate KIC. 
I soggetti coinvolti sono:

CedAS Rovereto
Centro di Ascolto e Solidarietà
Caritas Vallagarna
17.00 – 22.00 Sala Baldessari – via Portici
BEN- GREEN: HAIR & MAKE-UP STYLE
Gli studenti del CFP Barelli si rendono disponibili a svolgere piccoli servizi di acconciatura ed estetica in tema green oper la serata e per la cena in bianco e verde

 

BENESSERE E SPORT

 

PROGETTO MANIFATTURA
Una pedalata per… il clima
ritrovo ore 15.00 piazza Caduti sul Lavoro e partenza ore 15.30

Il clima e l’ambiente sono la vera emergenza del XXI secolo. Tuttavia le soluzioni non mancano. E allora in sella alla vostra bicicletta, accompagnati dal giornalista ambientale Emanuele Bompan, andiamo a conoscere le storie del nostro pianeta che cambia: aumento delle temperature, crisi idrica, perdita della biodiversità, la rivoluzione dell’economia circolare, le imprese green e tanto altro.
Durante la pedalata di 10 km si effettueranno 3 stop di 30’ per parlare di ambiente ma soprattutto di soluzioni per ridurre il nostro impatto sul pianeta.
Il percorso partirà da piazza Caduti sul Lavoro per seguire la pista ciclabile del Leno e del Lungo Adige con ritorno a Progetto Manifattura, l’incubatore roveretano della green economy, dove si toccherà il ruolo delle imprese verdi.
Venite provvisti di acqua in borraccia e bici propria. E’ consigliato l’uso del casco
Per partecipare è obbligatoria l’iscrizione. Massimo 100 partecipanti
a cura di Progetto Manifattura in collaborazione con L’Arcobaleno C. Team
Info e iscrizioni: www.trentinosviluppo.it

 

Ore 17.00 – 20.00 via Tartarotti, via Roma, Largo Foibe
FAI SPORT, VIVI MEGLIO
Vengono proposte dimostrazioni ed esibizioni in collaborazione con le associazioni sportive cittadine.

 

Ore 17.00 – 23.00 Via Roma
LO SPORT TRA PRESTAZIONE E BENESSERE
L’attività fisica costante permette di mantenere il nostro corpo in efficienza durante tutto l’arco della vita, conferendogli forza, flessibilità, resistenza ed un generale stato di benessere.
E voi come siete messi?
Presso lo stand del CeRiSM, in collaborazione con il corso di Laurea in scienze dello sport e della prestazione fisica, sarà possibile misurarsi con quale semplice test per capire il proprio stato di forma fisica ed approfondire le correlazioni tra l’attività fisica, sport e il benessere.
A cura di CeRiSM – Centro di Ricerca Sport Montagna Salute, Università di Verona

 

Ore 17.00 – 23.00 Via Roma
IN PUNTA DI PIEDI SUL PIANETA. SALUTE E AMBIENTE
Salvaguardia della Vita sul pianeta, Stili di vita, Salute, Qualità della Vita,
Equità e Coesione Sociale
·1 Assaggi gratuiti di frutta e verdura e cocktail analcolici e messaggi saggi con materiali informativi sulla promozione della Salute
·2 Laboratorio sulle “life skills” con autovalutazione delle proprie capacità di vita ed “emozionometro”
·3 Test per fumatori per misurare la presenza di monossido di carbonio e le conseguenze su salute individuale, collettiva e ambientale
A cura e in collaborazione tra : Centro Alcologia, Antifumo e Altre Fragilità APSS, ACAT Vallagarina e Montalbano, studenti i e insegnanti Istituto Alberghiero e istituti superiori

 

ore 19.00 – 23.00 via Roma
START THE CHANGE”
Prepariamo insieme il sale aromatizzato per dare colore e sapore alle nostre ricette e valore alla nostra salute.
Il laboratorio che proponiamo, aperto alla cittadinanza, insegna come preparare in casa con prodotti dell’orto un insaporitore per i nostri piatti, imparando a valorizzarne gli ingredienti abbinandoli alle varie erbe aromatiche. Nell’ottica di una maggiore sensibilità verso il tema del riciclo, si inviteranno i partecipanti a contribuire portando con sé un vasetto di vetro da riutilizzare come contenitore per il sale aromatizzato prodotto da loro durante il laboratorio.
Conoscere da vicino i prodotti del proprio territorio, realizzare delle ricette semplici e naturali in maniera condivisa e riutilizzare gli imballaggi è un’occasione per riflettere e sperimentare insieme il concetto di sostenibilità e far proprie piccole pratiche di cambiamento nell’agire quotidiano. A cura di Mlal Trentino Onlus, ProgettoMondo Mlal in collaborazione con APSS, Comun’orto

MUSICA E SPETTACOLI

 

ore 20.00 Cortile Casa Betania, piazza Damiano Chiesa
CIRCOLARE, PLEASE!
L’ECONOMIA SOSTENIBILE A PORTATA DI MANO
Spettacolo teatrale che mette in scena un avvincente vaggio nel mondo dell’economia circolare attraverso l’insolito racconto di due oggetti apparentemente inanimati. La storia della cose e la storia umana si intrecciano, mettendo in luce la forza della circolarità della natura, dove tutto ritorna. Uno spettacolo spiazzante , che racconta la green economy da un punto di vista inconsueto e coinvolgente, regalando emozioni e sorrisi. Una nuova rotta verso il futuro è tracciata!
La Lumaca Soc. Coop. Modena

 

Ore 20.00 piazza Erbe
IL PIANETA LO SALVO IO
TEATRO DELLA CADUTA
Spettacoo comico di teatro d’attore, clownerie e giocoleria,. Un attore si relazione con il pubblico per spiegare le 100 mosse per salvare il mondo dal disastro ecologico e per prendersi cura dell’ambiente con semplici gesti quotidiani. Suggerimenti pratici per rispettare la natura divertendo e non annoiando.
Progetto a cura di Teatro Telaio Brescia

 

Ore 21.00 piazza Malfatti
ZITTO ZITTO
CLAUDIO CREMONESI
Un comico personaggio si aggira per le strade pedalando una valigia con dei copertoni a tracolla, apre il suo baule nel quale sono racchiusi tutti gli ingredientii dello spettacolo e coinvolge il pubblico con divertenti danze e numeri acrobatici. Clownerie, giocolerie, equilibrismi, acrobazie, coinvolgimento del pubblico e riflessioni sul concetto di equilibrio adatte a tutti ma non banali. Questi gli ingredienti di uno spettacolo che colpisce per originarietà, comicità e poesia
Progetto a cura di Teatro Telaio Brescia

 

Ore 21.00 Cortile della Casa d’Arte Futurista Depero, via Portici
CORO FUORI DEL COMUNE
Diretto dal maestro Gianpaolo Daicampi

ore 21.30 piazza Loreto
MUSICA AL PIANOFORTE
Concerto del bici-pianista
Paolo Casolo

 

ore 21.45 Cortile Casa Betania, piazza D. Chesa
RADIO BICI BIO
Dj Als alias Alessio Kogo
Uno spettacolo teatrale e musicale, interattivo e poetico sul tema della bicicletta e del biologico. Sarà come essere in ascolto di una diretta radio tra dediche, ricordi appassionati, canzoni dimenticate e stupende hit indimenticabili che hanno fatto la storia musicale italiana e non solo. Le parole e le canzoni selezionate durante la trasmissione accompagnano lo spettatore all’interno dei territori che profumano ancora di vita; percorsi biodiversi per entrare in contatto con la natura: la nostra.
Radio Bio: sound, parole d’amore, saggi consigli della sera, illuminati e illuminanti pensieri bio, viaggi in bicicletta, previsioni meteo, ultime news, tanta leggerezza e un briciolo di nostalgia. Una serata diversa, senza divano, senza tv, a tu per tu con le canzoni della nostra vita. Come in un grande salotto un attore miscela le canzoni, racconta, balla, presenta, legge, interagisce con gli spettatori per sfidare la notte, i cattivi pensieri, la solitudine

ore 21.45 Piazza Malfatti
TOP SECRET
DAVIDE FONTANA
IN ARTE GIBBO
Và al lavoro in bicicletta e non su una Ason Martin, non ha mai conquistato una donna in vita sua e non riuscrebbe a salvare neanche una vecchetta sulle striscie pedonali…Ogni missione si trasforma inevitabilmente in uno spettacolo di pericolosi equilibrismi, giocoleria di bombe rotanti, lanci nel vuoto con il paracadute e combattimenti esplosivi…
Progetto a cura di Teatro Telaio Brescia

 

ore 22.30 Piazza Erbe
MUSICA D’INSIEME
Un repertorio musicale che spazia dal pop/hard rock al soul/blues
FREE CLIMBERS con Pietro Andreolli (chitarra, voce), Umberto Pergher (chitarra), Niccolò Merci (basso), Francesco Rossi (batteria), Elisa Chiasera (voce)

 

FUORI CORSO con Angela Diana (voce), Luciano Pedrotti (chitarra), Francesco Bassoni (chitarra), Rosario Faita (chitarra), Giuseppe Trainotti (tastiera), Raffaele Stanzione (basso), Ciro Menniti (batteria)
a cura di CDM con gli insegnanti Paolo Fanini e Flavio Zanon e organizzato da Pietro Andreolli e Flavio Zanon
ore 23.00 sala Cosiglio Comunale , palazzo Pretorio
POESIA VERDE
da Lucrezio a Zanzotto
la natura e la sua perdita attraverso le voci dei poeti
Lucrezio Ovidio Parini Schiller Hoelderlin Thoreau Dickens Baudelaire D’Annunzio Tagore Eliot Calvino Zanzotto

Dalla sensibilità indagatrice o mitologica degli antichi fino al complesso rapporto di alterità e di nostalgia dei moderni, la natura vive riflessa nella parola poetica una seconda dimensione: il viaggio dell’umanità lungo la storia è necessariamente in bilico tra l’essere e il non essere dentro la natura
Con le voci di Valentina Maino, Romano Panizza, Cristina Prezzi, Mattia Romani, Riccardo Stoppa, Enrico Tisi e gli allievi della Civica scuola musicale R. Zandonai
violino Simone Vanin, Michele Lavezzari, Matilde Asinari (classe Alessandro Cotogno) violoncello Raoul Mitterstainer (classe Fabrizio Nicolini)
chitarra Selma Khattat, Lorenzo Gobbi, Simone Furlan Pavesi, Emily Heather Manica (classe Elisa Bonifazi) In memoria del compositore fisarmonicista Fabio Rossato, primo interprete del progetto nel 2017

 

NOTTE VERDE 2019
organizzazione
Comune di Rovereto

main sponsor
Dolomiti Energia

con la collaborazione di
APT, Comunità della Vallagarina, Progetto Manifattura, Trentino Sviluppo,Fondazione Museo Civico, FBK, MART, Rovereto in Centro, Istituto Fontana , Istituto Depero, Biblioteca Cvica, Azienda Sanitaria, MLAl, Cerism,, Circolo fotografico l’Immagine, Università di Trento, CFP Barelli, Coop. Eris, Associazione Share, CARITAS

Consorzio Tutela Formaggio Asiago: Fiorenzo Rigoni riconfermato Presidente. Alla vicepresidenza Fabio Finco dell’azienda Casearia Monti Trentini di Grigno Valsugana (Trento).

Fiorenzo Rigoni è stato riconfermato all’unanimità Presidente del Consorzio Tutela Formaggio Asiago che riunisce 44 caseifici produttori e 5 aziende di stagionatura nelle zone di produzione della DOP veneto-trentina delle province di: Vicenza, Padova, Treviso e Trento. Confermato vicepresidente, al suo fianco, Fabio Finco, dell’azienda Casearia Monti Trentini di Grigno Valsugana (Trento) mentre entra in Consiglio di Amministrazione, per la prima volta nella storia del consorzio, una malghese, Lorella Frigo.

“Il nuovo Consiglio – afferma Fiorenzo Rigoni – si propone di rafforzare l’azione comune di allevatori, produttori e stagionatori per valorizzare in ogni maniera il formaggio Asiago e la sua distintiva diversità. Insieme a tutti i protagonisti della filiera, con l’apporto fattivo dei neoconsiglieri e coadiuvati dal nuovo disciplinare di produzione oggi in fase di approvazione da parte del Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, puntiamo a ribadire la coralità dell’efficace azione consortile. Allo stesso tempo, ci impegniamo a realizzare un piano di sviluppo che testimoni l’inimitabile combinazione di fattori locali non replicabili che fanno della nostra DOP un testimone unico e autentico del territorio”.

Rigoni, asiaghese, delegato del Caseificio Pennar Asiago, è stato eletto all’unanimità nel corso del primo Consiglio di Amministrazione svoltosi il 15 maggio, a conclusione del percorso di rinnovo delle cariche avviato con l’Assemblea dei soci lo scorso 4 maggio. Al suo fianco, per i prossimi quattro anni, ci sarà Fabio Finco, dell’azienda Casearia Monti Trentini di Grigno Valsugana (Trento), confermato vicepresidente.

Insieme a loro, i consiglieri: Gilberto Bertinazzo (Caseificio San Vito Povolaro), Sebastiano Bolzon (Caseificio San Rocco Tezze sul Brenta), Alessandro Mocellin (Latterie Vicentine), Mariano Panozzo (Panozzo Giovanni), Marco Rossetto (Lattebusche), Domenico Sartore (Latterie Venete), Mauro Toniolo (Toniolo Casearia), Antonio Zaupa (Brazzale). Tra i neoeletti anche Lorella Frigo di Malga Larici-Azienda Agricola Frigo, prima donna ad entrare nel cda del Consorzio.

Si è svolto questa mattina presso il comando della polizia locale un costruttivo  incontro sull’attività di controllo del trasporto professionale di persone e di merci su strada. Erano presenti i rappresentanti delle categorie economiche, Associazione Artigiani, federazione trasporto, con il presidente Claudio Comini e il referente Andrea De Matthaeis, la Confindustria Autotrasporto con il presidente Lucio Sandri  e il referente Pierangelo Baldo, la Confcommercio trentino Fai Conftrasporto con il vice presidente Andrea Pellegrini e il referente Maurizio Lavarian, il comandante del Corpo Lino Giacomoni, il Coordinatore di Polizia Locale Ugo Segnana del Nucleo Autotrasporto ed infine l’assessore comunale all’urbanistica, edilizia privata e mobilità Alberto Salizzoni.

Durante l’incontro sono stati comunicati i dati dell’attività del Nucleo Autotrasporto (Nat – un gruppo di lavoro formato da tre operatori di polizia Locale, 1 commissario, 1 assistente capo ed 1 agente scelto) a circa sei mesi dalla sua istituzione avvenuta il 12 novembre 2018. Il Nat esegue controlli approfonditi su tutto il mondo del trasporto di merci e persone, al fine di aumentare la sicurezza stradale e garantire la corretta concorrenza tra autotrasportatori.

Nel periodo dal 12 novembre 2018 al 13 maggio 2019 sono state effettuate 113 giornate di controlli su strada, sono stati verificati 377 veicoli industriali ed elevate 627 violazioni.

Le maggiori irregolarità riscontrate sono riconducibili al mancato rispetto delle norme di comportamento quali la velocità eccessiva rispetto al limite di taratura del mezzo ma anche irregolarità inerenti le documentazioni di trasporto e non ultime vere e proprie alterazioni del cronotachigrafo o del sistema di abbattimento degli inquinanti, denominato Ad Blue.

Questi servizi, oltre a garantire la sicurezza sulle strade di tutti gli utenti, pongono pertanto un’attenzione particolare al controllo dei veicoli delle imprese di autotrasporto comunitarie ed extracomunitarie, che esercitano nel nostro Paese, in quanto l’autotrasporto italiano ha risentito di uno stato di crisi cagionato anche da un aumento della concorrenza estera, che a volte opera a costi ridotti pur in presenza di una rilevante quantità di offerta.

Durante l’incontro i presidenti delle associazioni di categoria hanno mostrato di apprezzare lo sforzo del Comune di mettere in campo la specifica attività operativa, chiedendo che i controlli proseguano nell’ottica di tutelare la concorrenza leale nel settore dell’autotrasporto, particolarmente esposto a tentativi di danneggiare chi fa impresa con onestà, rispettando le regole e offrendo servizi di qualità. Le verifiche su camion e pullman insomma servono non solo per la sicurezza stradale ma anche per reprimere le violazioni delle norme sulle condizioni di lavoro dei conducenti, sulla regolarità contributiva, sul distacco transnazionale dei lavoratori e sull’articolazione dei riposi settimanali.

La riunione si è conclusa con la previsione di possibili contatti futuri con la categoria, verso la quale la polizia locale può prevedere momenti di aggiornamento, anche formativi, diretti agli autotrasportatori.

 

 

Trento è uno dei più importanti punti di passaggio e di sosta dei veicoli industriali. Oltre a trovarsi lungo l’autostrada del Brennero ed essere uno snodo per la Statale della Valsugana, che conduce direttamente in Veneto, la città ha anche un Interporto.

Il Nucleo Autotrasporto, composto da agenti formati sulle norme che regolano il trasporto su strada nazionale e internazionale ed equipaggiati con il software Police Control (che legge i dati del cronotachigrafo digitale e della relativa scheda del conducente) effettua costanti controlli sul rispetto dei tempi di guida e di riposo, svolgendo anche verifiche con il centro Mobile di Revisione, messo a disposizione dal competente ufficio del Ministero dei Trasporti, che permette un’ispezione tecnica del camion analoga a quella svolta dalla Motorizzazione, tra cui quelle sui freni, telaio, cronotachigrafo, carico complessivo e sugli assi.

 

 

RIEPILOGO ATTIVITA' NAT SINO AL 13_05_19

 

 

 

Torna “Chicco Sorriso”, la campagna ADMO che dona speranza di vita
L’associazione donatori di midollo osseo devolve i fondi raccolti all’Apss per incrementare il numero di potenziali donatori. Sono 42 i punti vendita Coop e Famiglia Cooperativa aderenti in tutto il Trentino

La campagna di raccolta fondi di ADMO Trentino “Chicco Sorriso” arriva alla sua dodicesima edizione e sabato 18 maggio porta del buon riso in 42 punti vendita Coop e Famiglia Cooperativa in tutta la provincia. Sono più di cento i volontari coinvolti che, in cambio di un’offerta, doneranno il riso carnaroli dell’azienda mantovana Zacchè, accompagnato da un campione di brodo di alta qualità Bauer. Chiunque vorrà potrà contribuire direttamente ad aumentare il numero dei potenziali donatori di midollo osseo, speranza di vita per quei malati in attesa di trapianto.

“Sono molte le persone che ogni anno, non soltanto in Italia ma anche nel resto del mondo, necessitano di trapianto – spiega la presidente Ivana Lorenzini -. Purtroppo, però, la compatibilità genetica è un fattore raro, che ha maggiori probabilità di esistere tra consanguinei. Per coloro che non hanno un donatore consanguineo la speranza di trovare un midollo compatibile per il trapianto è legata all’esistenza del maggior numero possibile di donatori volontari tipizzati, dei quali cioè siano già note le caratteristiche genetiche registrate in una banca dati tramite un semplice prelievo di sangue”.

Le analisi genetiche indispensabili per l’iscrizione di un donatore nel registro nazionale, tipizzazioni, possono essere eseguite esclusivamente da laboratori certificati ad alta risoluzione con un aumento notevole di costi per l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari. ADMO Trentino, da molti anni, ha scelto di sostenere economicamente l’Apss e, in particolare, il laboratorio Hla del Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale dell’Ospedale Santa Chiara di Trento.

Nel 2018, grazie alla campagna “Chicco Sorriso” e alle altre campagne di raccolta fondi (“Una Colomba per la Vita” e “Un Panettone per la Vita”), ADMO Trentino ha destinato 40.000 euro al Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Trento: 20.000 euro per una borsa di studio di un biologo che, occupandosi della tipizzazione dei donatori, permette di incrementare il numero annuo dei tipizzati e fornire un importante supporto allo staff medico, e altri 20.000 euro per la tipizzazione di nuovi donatori di midollo osseo per l’anno 2019. Altri 12.000 euro sono stati donati al Centro Trapianti Midollo Osseo dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona. Un ulteriore contributo di quasi 5.000 euro è stato versato per l’acquisto di frigoriferi termostatici per la conservazione del sangue.

ADMO Trentino, inoltre, sostiene l’Azienda Sanitaria mettendo a disposizione la sua segreteria per effettuare le chiamate agli aspiranti donatori così da fissare un appuntamento per la tipizzazione in base alle disponibilità comunicate dall’Apss.

Per informazioni:
info@admotrentino.it
0461 933675

I punti vendita Coop e Famiglia Cooperativa che aderiscono a “Chicco Sorriso” sono:

ARCO
RIVA DEL GARDA P.le Mimosa
MATTARELLO
CALDONAZZO
LEVICO TERME
GRIGNO
BONDO
RONCONE
DORSINO
SAN LORENZO IN BANALE
CASTEL TESINO
CINTE TESINO
PIEVE TESINO
CLES
TUENNO
CAVALESE Piazza Battisti
MEZZOCORONA
SAN MICHELE A/A
LAVARONE
MALE’
MOENA
CIVEZZANO
PERGINE VALSUGANA P.zza Gavazzi
PINZOLO P.zza Collini
COGNOLA
POVO
PONTE ARCHE
PREDAZZO
AVIO
MEZZANA
STORO
BOSENTINO
VIGOLO VATTARO Via Vittoria
BORGO VALSUGANA
LAVIS
RAVINA
ROVERETO – PIAZZA NAZARIO SAURO
TRENTO -PIAZZA CANTORE
TRENTO- PIAZZA LODRON
TRENTO -SOLTERI
TRENTO- VIA MENGUZZATO
TRENTO-CORSO III NOVEMBRE

Presso il Palazzo delle miniere a San Martino di Castrozza, alle ore 19.30, è fissato l’appuntamento della giunta provinciale sui temi della scuola, cultura e turismo
Stati generali della montagna, domani in Primiero il quinto incontro

Scuola, cultura, ospitalità e turismo sono i temi del quinto incontro sul territorio programmato dalla giunta provinciale nell’ambito delle iniziative degli Stati generali della montagna. L’incontro è previsto domani 17 maggio, con inizio alle ore 19.30, presso il Palazzo delle miniere a San Martino di Castrozza.

La serata vedrà la partecipazione del presidente della Provincia autonoma di Trento e dei due assessori competenti in materia di istruzione e cultura, turismo ed artigianato. Le uscite dell’esecutivo provinciale affiancano l’attività preparatoria degli Stati generali della montagna, svolta in queste settimane dai gruppi di lavoro nei 15 diversi territori del Trentino.

Il progetto intende – grazie al coinvolgimento della popolazione, attraverso i portatori di interesse di tutte le diverse realtà territoriali – raccogliere dal basso le istanze e le proposte che formeranno l’agenda degli Stati generali della montagna, previsti a giugno a Comano Terme.

 

La kermesse in programma a Trento dal 30 maggio al 2 giugno. Festival dell’Economia: il 23 maggio l’anteprima a Roma con Guido Tabellini.

Mancano due settimane all’inizio del Festival dell’Economia di Trento, in programma dal 30 maggio al 2 giugno, dedicato, quest’anno, al tema “Globalizzazione, nazionalismo e rappresentanza”.

La kermesse dello scoiattolo vivrà la sua anteprima giovedì 23 maggio, a Roma, alle ore 15.00, presso la sede dell’Associazione della Stampa Estera, dove l’economista Guido Tabellini, già rettore dell’Università Bocconi di Milano, sollecitato dal direttore scientifico del Festival, Tito Boeri e dall’editore Giuseppe Laterza, analizzerà i diversi atteggiamenti culturali dei cittadini europei e le difficoltà incontrate dal processo di integrazione politica dell’Europa, a pochi giorni dalle elezioni europee.

 

 

Colore

 

 

Dopo tre anni di lavoro, sabato 18 e domenica 19 maggio, il Progetto FabLabNet conclude il suo percorso con una due giorni di festa e incontri, dedicati a tutti gli appassionati di tecnologia e innovazione, grandi e piccini. Per l’occasione, i nove FabLab del progetto INTERREG Central Europe FabLabNet si riuniranno a Trento per presentare al pubblico le attività e i risultati raggiunti nel campo della prototipazione digitale e dell’innovazione condivisa. Due giorni in cui conferenze e dimostrazioni tecnologiche si alterneranno a musica, attività interattive, prove di volo con droni e – per i più nottambuli – un notte di musica, video mapping e sonorità tecnologiche. Il FabLabNet BIGFest sarà un’occasione imperdibile per gli appassionati di tecnologia, per le famiglie in cerca di un weekend speciale, ma anche per i semplici curiosi che vogliano incontrare sperimentatori, inventori, creativi e artisti in un ambiente internazionale.

Il programma inizia sabato mattina con tre conferenze a Palazzo delle Albere in cui esperti nazionali ed europei analizzeranno il ruolo dei FabLab nel mondo del Business (9.00- 13.00), dell’Educazione (14.00-16.00) e delle Community (16.00 – 19.00).

A partire dal pomeriggio di sabato, e per tutta la giornata di domenica, i nove FabLab partner di progetto – provenienti da Austria, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Polonia, Slovacchia e Slovenia – insieme ad oltre venti rappresentanti di FabLab e realtà italiane attive nel campo dell’innovazione tecnologica e sociale, presenteranno al pubblico prototipi, attività e stand legati alla creatività e alle invenzioni digitali.

Un speciale gabbia di volo permetterà a chi desidera di sperimentare il pilotaggio di droni.

Sabato sera, a partire dalle 18:00, via libera alla “FabNight”: un evento multimediale nel segno della tecnologia in cui si alterneranno speaker, gamer e artisti. A darsi il turno sul palco, giovani creativi, invenzioni incredibili e tanti nomi di richiamo come lo youtuber Andrea Galeazzi, il conduttore Paolo Labati, il beatboxer Lil Klips, i musicisti Anansi, Ardan Dal Rì, ReacTj, Tina Baffy e Sabota VJ, insieme a molti altri.

Per ricaricare le batterie non mancheranno i Food truck aperti per l’intera durata dell’evento.

Tutte le attività saranno gratuite, l’ingresso alle conferenze sarà consentito fino ad esaurimento posti (è consigliata la registrazione online). Per l’occasione il MUSE sarà visitabile alla tariffa speciale di € 3.

Il programma completo dell’evento e la registrazione online alle conferenze al link: http://fablab.muse.it/fablabnet-big-fest/

***

FOCUS: le Conferenze Internazionali

Sabato 18, il BIGFest inizierà con 3 Conferenze Internazionali, di particolare interesse per gli appassionati di tecnologia, gli esperti e gli addetti ai lavori. Organizzate nella prestigiosa cornice di Palazzo delle Albere, le tre conferenze analizzeranno le interazioni fra FabLab e Aziende (9.00- 13.00), FabLab ed Educazione (14.00-16.00) e FabLab e Comunità (16.00 – 19.00).

Fra gli esperti, chiamati a intervenire sul tema “FabLab e Aziende” si troveranno Ann Christin Döding di lvh APA Bozen Confartigianato Imprese, Paolo Gregori e Matteo Perini di PROM Facility, Trento. Il MakerSpace di Monaco di Baviera presenterà la sua esperienza con BMW, mentre il FabLab di Budapest illustrerà la collaborazione con l’importante azienda di robotica KUKA.

Sul tema “Educazione” gli esperti del MUSE FabLab, del FabLab Bielsko-Biala (PL) e dell’Università di Brno (CZ) dialogheranno con Tine de Pauw (Brussels Photonic Team), Orietta Daprà (consulente formativa nei servizi educativi) e con Daniele Khalousi e Marcello Scaravella del FabLab di Parma.

Si parlerà infine di “FabLab e Comunità” con l’Happylab di Vienna, il RogLab di Lubiana e il FabLab di Zagabria. I modi in cui in cui i FabLab possono catalizzare innovazione sociale – oltre che tecnologica – saranno al centro delle relazioni del prof. Bojan Baletić (Università di Zagabria), delle educatrici Emanuela Leva (Soprasotto, Milano) e Vittoria de Mare (Carpe Diem, Trento), e delle makers Zoe Romano (WeMake, Milano) e Matilde Bognolo (MUSE FabLab).

L’ingresso alle conferenze è gratuito e comprensivo di coffee break e light lunch, ma i posti sono limitati e si consiglia di prenotare per tempo il proprio posto a questo link.

Il programma completo del FabLabNet BIGFest: http://fablab.muse.it/fablabnet-big-fest/

FOCUS: i FabDays

Per i bambini, le famiglie, o i semplici curiosi, il BIGFest offrirà due giorni di attività, stand e dimostrazioni a tema tecnologico a partire da sabato pomeriggio e per tutta la domenica presso il MUSE e il suo giardino.

Saranno 31 i FabLab nazionali ed europei a presentare prototipi e attività. Fra le molte proposte, di particolare attrattiva per i più piccoli segnaliamo Prove di Volo, per sperimentare in sicurezza il pilotaggio droni, Nintendo LABO per giocare con la Switch in maniera inedita e creativa, PixelArt per creare arte come un vero computer! Per chi se la sente, con Insetti Robot sarà possibile dar vita un cyber-scarafaggio da portarsi a casa (prenotazione obbligatoria al link: www.roglab.si/en/fabbox/2019/robotic_beetles).

Per ricaricare le pile fra una scoperta e l’altra – sia sabato che domenica – sarà attivo un servizio di Food Truck nel giardino MUSE.

Programma ed elenco degli espositori: http://fablab.muse.it/fablabnet-big-fest/

FOCUS: la FabNight

Sabato 18, a partire dalle sei di sera, creativi, inventori, artisti, gamers e youtuber si alterneranno sul palco del MUSE per un serata eccezionale di musica e suggestioni nel segno della tecnologia e dell’innovazione.

Si inizia con i TECHNO BLA BLA BLA (19.00 – 21.00) una serie di interventi brevi che racconteranno con velocità e leggerezza cosa vuol dire innovare oggi.
Sul palco, quindi, si alterneranno un gruppo di giovani Alfieri della Repubblica (Filippo Pasquazzo, Enrico Cescato, Samuele Ropelato, accompagnati dalla prof.ssa Monica Ropele, dell’ Istituto De Gasperi di Borgo Valsugana) meritatisi il prestigioso titolo per la loro App “My Voices”, nata per aiutare un loro compagno di classe con disabilità comunicativa e relazionale. Edoardo e Federica Taori presenteranno Plants Play: un dispositivo per ascoltare la “voce delle piante”; Necomimi dimostrerà uno strano modo di usare le onde cerebrali; i Vigili del Fuoco faranno decollare i loro droni Hi-Tech; l’artista Lil Klips racconterà di come intende la musica “DIY”; Miss Lala giocherà con la luce; il kit Makey Makey farà suonare con gli oggetti più strani; Ardan Dal Rì presenterà “Body Glove: quando la tecnologia fa risuonare il DNA”.

A seguire, il GAMERS’ DIALOGUE (21.00 – 21.30) in cui il gamification guru Fabio Viola dialogherà con Elisa Di Lorenzo – la prima game producer italiana – sulle possibilità di sviluppo del mezzo videoludico nei prossimi anni.

Dopo i TALKS, un passo verso il pieno spettacolo con le danzatrici della Scuola “L’Altro Movimento” e la coreografia “TECHNO” di Wally Holzhauser. A seguire, lo youtuber Andrea Galeazzi e il presentatore Paolo Labati ricorderanno in maniera divertente e irriverente cosa si può fare – e cosa no – con la tecnologia, al giorno d’oggi…

Dalle 22.00, via alla musica, con il beatboxer Lil Klips (Isam Maarouf), le sperimentazioni musicali di Anansi & Ardan Dal Rì e – direttamente da “Italia’s Got Talent” – lo show di ReacTj con il suo sorprendente tavolo interattivo.

Da lunedì 20 a giovedì 23 l’Assemblea Generale della CEI. Per una nuova presenza missionaria.

Lunedì 20 maggio sarà Papa Francesco ad aprire – con un intervento pubblico alle 16:30 e, quindi, l’incontro a porte chiuse con i vescovi – l’Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana, in programma fino al 23 maggio in Vaticano, presso l’Aula del Sinodo.

Martedì 21, alle ore 9:00, è prevista l’introduzione del Card. Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia – Città della Pieve e Presidente della CEI. Sono all’ordine del giorno anche l’approvazione delle Linee guida per la tutela dei minori e degli adulti vulnerabili nella Chiesa, un aggiornamento circa l’incontro di riflessione e spiritualità per la pace nel Mediterraneo (Bari, 19-23 febbraio 2020) e una prima proposta di Orientamenti pastorali per il quinquennio 2020-2025.
Il tema principale ruota attorno a “Modalità e strumenti per una nuova presenza missionaria”: i lavori di approfondimento nei gruppi vedranno anche la partecipazione di una quindicina di missionari.

Giovedì 23, alle ore 13:00, nell’atrio dell’Aula Paolo VI è prevista la conferenza stampa conclusiva, con l’intervento del Card. Bassetti.

Modalità di accreditamento e partecipazione
I giornalisti e gli operatori media che intendono partecipare devono inviare richiesta, entro 24 ore dall’evento, attraverso il Sistema di accreditamento online della Sala Stampa della Santa Sede, all’indirizzo: press.vatican.va/accreditamenti

Gli accrediti saranno distribuiti presso la Sala Stampa della Santa Sede (Via della Conciliazione, 54) nei seguenti orari:
– venerdì 17 maggio e sabato 18 maggio dalle 11:00 alle 13:00
– lunedì 20 maggio dalle 11:00 alle 15:00
– da martedì 21 a giovedì 23 maggio dalle 11:00 alle 13:00.

Gli accreditati potranno seguire:
– l’intervento del Santo Padre nell’Aula Nuova del Sinodo (appuntamento lunedì 20 maggio alle ore 15:15 di fronte all’ingresso dell’Aula Paolo VI)
– l’introduzione del Card. Bassetti di martedì 21 maggio (appuntamento alle ore 8:30 di fronte all’ingresso dell’Aula Paolo VI)
– la conferenza stampa a conclusione dei lavori nell’Atrio dell’Aula Paolo VI (giovedì 23 maggio alle ore 13:00)

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bologna, dando esecuzione ad una misura di prevenzione patrimoniale disposta dal Tribunale di Reggio Emilia, hanno sequestrato tra le province di Bologna, Reggio Emilia, Rimini, Modena, Ferrara, Roma, Firenze, Prato, Terni, Verona, Padova, Vicenza, Rovigo, Milano, Bergamo, Brescia, Como, Pesaro e Potenza un ingente patrimonio mobiliare ed immobiliare – costituito da una villa, appartamenti, terreni auto, conti correnti e sette società operanti nei settori immobiliare e del commercio all’ingrosso di materie plastiche- del valore complessivo di circa 10 milioni di euro.

I beni sottoposti a vincolo sono risultati nella disponibilità di G.P., “imprenditrice” sessantreenne, di origini sassolesi, residente a Castellarano (RE) ed attualmente agli arresti domiciliari, gravata a partire dal 1989, senza soluzione di continuità, da numerosissimi precedenti penali e plurime sentenze definitive di condanna per reati di natura economico-finanziaria, contro il patrimonio, l’economia e la fede pubblica commessi, anche in forma associativa, in varie regioni del centro-nord Italia, tra l’Emilia- Romagna, la Lombardia, il Veneto, la Toscana e l’Umbria.

Il provvedimento ablativo, disposto dalla Sezione Penale del Tribunale di Reggio Emilia ed eseguito dagli specialisti del G.I.C.O. (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bologna, costituisce l’epilogo di complesse indagini economico-patrimoniali condotte, ai sensi del cd. “Codice Antimafia”, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Reggio Emilia, nella persona del Sost. Proc. dott.ssa Valentina Salvi che, come si legge nel dispositivo, ”si fondano sul riconoscimento a carico della persona prevenuta di un’allarmante pericolosità sociale, estrinsecatasi nell’ambito economico-finanziario, con sistematiche e professionali condotte fraudolente e simulatorie a danno dell’Erario, e palesatasi in maniera incessante e crescente negli ultimi trent’anni, durante i quali alcun effetto deterrente o rieducativo hanno prodotto, non solo le numerosissime condanne emesse a suo carico, ma, nemmeno i periodi di detenzione scontati come pene o in forza di misure cautelari”.

Gli accertamenti compiuti dai finanzieri hanno, quindi, consentito di riscontrare, oltre alla escalation di condotte criminose poste in essere dalla donna, e quindi la sua eccezionale attitudine ad estrinsecare i propri comportamenti antisociali mediante il compimento di numerosi reati (tra i quali estorsione, minaccia, calunnia, falso ideologico e materiale, evasione fiscale, truffa, bancarotta fraudolenta, anche con il ricorso a fatture per operazioni inesistenti), anche un rapporto di particolare sproporzione tra i redditi, pressoché inesistenti, dichiarati dalla stessa e dal suo nucleo familiare e il patrimonio immobiliare e mobiliare riconducibile alla sua effettiva disponibilità che di conseguenza è stato sequestrato in quanto ritenuto acquisito con proventi, appunto, frutto di attività illecite.

Dall’esame del complessivo curriculum criminale, particolare rilievo assume la vicenda che ha visto G.P. tratta in arresto nel 2013 dalla Guardia di Finanza di Ferrara, e per la quale è stata condannata nel 2018 dal Tribunale di Reggio Emilia a 6 anni e 8 mesi di carcere, in quanto coinvolta in indagini per contrabbando, emissione di fatture per operazioni inesistenti, occultamento o distruzione di documenti contabili, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte unitamente, tra gli altri, al noto Massimo CIANCIMINO, figlio dell’ex sindaco di Palermo Vito.

L’odierna attività si inserisce nell’ambito di una più ampia progettualità operativa, promossa dal Comando Provinciale di Bologna, finalizzata all’individuazione sull’intero territorio regionale di soggetti “evasori fiscali socialmente pericolosi” nei cui confronti avanzare richieste di applicazione di misure di prevenzione personali e patrimoniali e che ha permesso di proporre il sequestro di beni per oltre 40 milioni di euro, di cui oltre 20 milioni già sottoposti a misura cautelare.
L’obiettivo del Corpo è quello di aggredire con le misure di prevenzione i patrimoni illecitamente accumulati dalla cd. “criminalità da profitto”, ovvero da coloro i quali, lungi dall’essere occasionali evasori, vivono di traffici delittuosi o traggono il proprio reddito dai proventi dell’attività criminale di sistematica inosservanza di norme penali tributarie.

(Pagina 2 di 4)