Egregio direttore, Accogliamo con favore la decisione del Comune di Trento di dedicare i nuovi giardini nella zona a sud-ovest della piazzetta di S. Apollinare a Piedicastello ad Andreas Hofer.

Quello che sorprende maggiormente è che per avere nella toponomastica di Trento un luogo dedicato al “generale barbòn” simbolo di Autonomia, cristianità, tutela delle minoranze e parte importante della nostra storia si siano dovuti attendere oltre duecento anni, un ordine del giorno del 2010 del P.a.t.t. e, da ultimo, l’interrogazione dello scorso febbraio che sembra aver sbloccato la situazione. Risulta evidente allora come l’attuale maggioranza che governa la città di Trento sia ai ferri corti visto che, per approvare la semplice intitolazione di una piazza, si è dovuti ricorrere ad un atto ispettivo. E’ bene ricordare inoltre che Trento è l’unico capoluogo dell’Euregio a non avere ancora un luogo pubblico intitolato ad Hofer.

E’ poi da sottolineare, a meno di un anno dal rinnovo del Consiglio comunale, il forte sapore elettoralistico che caratterizza questo provvedimento, fatto per ingraziarsi gli autonomisti della città, evidentemente stanchi delle proposte relative alla toponomastica che abbiamo sentito negli ultimi anni (due su tutte: la richiesta di dedicare una via a Jimi Hendrix o quella dello scorso gennaio di dedicare una piazza a Bettino Craxi).

Noi di AGIRE per il Trentino crediamo che sia necessario valorizzare le personalità che hanno fatto la storia della nostra Regione o comunque vicine alla nostra Autonomia. Per questo motivo chiediamo che vengano proposte l’intitolazione di una via, di una piazza o di un parco a Chiara Lubich (attivista e saggista trentina, fondatrice e prima presidente del Movimento dei Focolari, di cui l’anno prossimo decorre il centenario dalla nascita) e a Bruno Salvadori (giornalista e politico dell’Union Valdôtaine vicino ai temi dell’Autonomia e del federalismo e che morì tragicamente in un incidente nel 1980). Le proposte interessanti non mancherebbero, manca la capacità dell’amministrazione comunale di concretizzarle.

 

*

AGIRE per il Trentino – Coordinamento Città di Trento

Fondazione Telethon e Trentino: un rapporto che si conferma. Dal 28 al 30 aprile a Riva del Garda la Convention scientifica per fare il punto sulla ricerca.

E’ un rapporto duraturo e consolidato quello che si è sviluppato negli anni fra il Trentino e la Fondazione Telethon, che dal 1990 promuove e finanzia la ricerca sulle malattie genetiche rare. Un’ ulteriore conferma è arrivata ieri nel corso della visita che presidente della Provincia autonoma di Trento e l’assessore alla salute, hanno fatto al centro Nemo di Milano, dove – assieme al dirigente del Dipartimento salute e al direttore generale dell’Apss – hanno incontrato il direttore generale della Fondazione Telethon, Francesca Pasinelli.

Un’occasione per ribadire la volontà di proseguire nella collaborazione a sostegno della ricerca, che si è concretizzata attraverso il Centro di Biologia Integrata (CIBIO) dell’Università di Trento. Telethon, nel corso della sua storia, ha raccolto circa 500 milioni di finanziamenti, di cui 2 milioni e mezzo sono stati assegnati al Centro di ricerca trentino. Nel corso dell’incontro è stato, inoltre, confermato il ritorno a Riva del Garda della Convention scientifica di Telethon, l’appuntamento biennale con cui la Fondazione raduna tutti gli scienziati titolari di un finanziamento per fare il punto sull’attività svolta ed illustrare progressi e prospettive. La Convention si terrà dal 28 al 30 ottobre.

Passaggio a Nord Ovest. Da San Pietro in Vincoli agli sport estremi nel Gran Canyon. Passaggio a Nord Ovest, in onda sabato 4 maggio su Rai1 alle 15, partirà anche questa settimana per una lunga esplorazione in continenti lontani, in remote epoche della storia e alla ricerca di fenomeni naturali spettacolari.

Alberto Angela sarà nella Basilica di San Pietro in Vincoli, a Roma, per ammirare da vicino una delle opere più travagliate di Michelangelo, il Mosè. Oggi, grazie ad un sapiente intervento di restauro, quest’opera straordinaria è tornata a risplendere di “nuova luce”.

Con i suoi 4000 metri di quota, La Paz è la città più alta del mondo. È una vera megalopoli, densa di contraddizioni: accanto ai grattacieli convive, infatti, un mondo rurale. Passaggio a Nord Ovest incontrerà uomini che raccontano lo strano destino di una città che, non solo rappresenta una vera ‘eccezione geografica’, ma ha anche la capacità di determinare l’avvenire politico di un’intera nazione.

Ogni anno in tutto il mondo si producono tonnellate di pomodori e il principale produttore è la Cina, che ne coltiva oltre cinquanta milioni di tonnellate, seguita dall’India e dagli Stati Uniti. In Europa gli olandesi sono tra i produttori leader nel settore delle serre. Si conosceranno veri appassionati dei pomodori che li hanno portati, addirittura, nello spazio.

Il PD Factory Team è una delle migliori squadre di paracadutisti sportivi al mondo: per anni hanno dominato il circuito del Canopy Piloting, una sorta di paracadutismo, in cui vengono usate vele ad alte prestazioni. Nel mondo degli sport estremi, sono la Formula Uno dell’aria, e per l’occasione compiranno un’impresa mai tentata prima: scendere in formazione, sfidando la morte, nel Canyon più famoso del pianeta.

Animali. Il Trentino vuole catturare l’orso M49, appello di Enpa al Ministro Costa: diciamo no alle catture, spesso sono solo propaganda. Per non dimenticare Daniza e KJ9

Garanzie per la tutela dell’animale e del suo benessere, ma anche uno stop alla politica delle “catture facili”. E’ quanto chiede al Ministro Costa l’Ente Nazionale Protezione Animali, in seguito alla richiesta del Trentino di procedere con la cattura dell’orso M49, giudicato un esemplare “dannoso”. «In questi anni – spiega Enpa – abbiamo spesso assistito alla “reclusione” ma anche all’uccisione di orsi, rese possibili da ordinanze last minute, chiaramente prive, a nostro avviso, di fondamento scientifico. Motivate invece da ragioni propagandistiche e di ricerca del consenso». Rispetto a questa situazione Enpa chiede una netta inversione di rotta. «Il Ministero dell’Ambiente può agire subito, coinvolgendo esperti e studiosi, anche a livello internazionale, per studiare e soprattutto applicare in modo sistematico i metodi ecologici di prevenzione e di dissuasione».

Per un animale abituato alla vita libera, la cattura e la reclusione non rappresentano certo una soluzione accettabile. Tanto meno lo sono considerando la campagna elettorale in atto e il tentativo – da parte dei soliti “noti” – di strumentalizzare gli animali selvatici a fini propagandistici. Una realtà alla quale siamo purtroppo abituati, ma che non porta da nessuna parte. Come insegna la triste storia di Daniza e di KJ9.

Il presidente: “Occorre trovare il giusto equilibrio”. Camp Jeep 2019: la posizione della Provincia.

“E’ un tema che riguarda lo sviluppo turistico ed ambientale del Trentino, che potremo approfondire nell’ambito degli Stati generali della Montagna, dove ci confronteremo con tutte le parti in causa e definiremo delle linee guida che facciano sintesi delle diverse posizioni”. Così presidente e vicepresidente della Provincia che oggi, nel corso della conferenza stampa post Giunta, hanno riferito sulla questione connessa alle polemiche sollevate dalla manifestazione Camp Jeep 2019, che si svolgerà a San Martino di Castrozza dal 12 al 14 luglio. “Ci vuole il giusto equilibrio – ha detto il presidente – perché il Trentino è conosciuto per la qualità del suo ambiente e dei suoi parchi, che vanno tutelati, anche se ci sono realtà turistiche che ci rappresentano esigenze diverse di cui dobbiamo tenere conto, nel rispetto dell’autonomia dei territori”.

Il vicepresidente della Provincia, competente in materia ambientale, ha spiegato come la Giunta provinciale non sia stata investita formalmente della questione e che l’abbia appresa dai giornali. “Non c’è quindi nessun procedimento amministrativo in corso, ma è certo che – ha detto il vicepresidente – rispetto alle ipotesi di percorso, gli organizzatori dovranno acquisire i pareri e le autorizzazioni previste dalle attuali disposizioni, di spettanza dell’ente Parco o della Provincia. Sarà in quel momento che potrà tecnicamente essere svolta una puntuale istruttoria. Solo alla luce di tali informazioni di contesto – ha aggiunto – si potrà valutare l’impatto che lo stesso produce in termini paesaggistici ed ambientali da poter confrontare con l’indotto economico e di visibilità che lo stesso genera o potrà generare. Ma è chiaro – ha concluso – che se il percorso dovesse interessare l’area tutelata del Parco, sarebbe inopportuno concedere l’autorizzazione”.

 

In vista delle Elezioni Europee, che si svolgeranno domenica 26 maggio, abbiamo il piacer di invitarvi ad un incontro pubblico con ROBERTO BATTISTON, candidato del Trentino Alto Adige nella lista PD-Siamo Europei del collegio del Nord-Est, e ISABELLA DE MONTE, europarlamentare uscente e candidata nella lista PD-Siamo Europei del collegio del Nord Est.

All’incontro sarà presente anche GIULIA MERLO, candidata dell’Alleanza Democratica Autonomista per le elezioni Suppletive di domenica 26 maggio nel collegio di Trento.
Modera GIORGIO TONINI, capogruppo PD in consiglio provinciale.

I candidati sono pronti a confrontarsi e a dialogare con iscritti, elettori e tutti i cittadini interessati.

Appuntamento domani, sabato 4 maggio, alle ore 17.00 presso la sala circoscrizionale di via Verruca, 1 – Piedicastello (Trento)

 

*

Partito Democratico del Trentino

 

È stato firmato al Viminale questo pomeriggio il protocollo d’intesa per la realizzazione del progetto “Apertura dei corridoi umanitari”, sottoscritto tra i ministeri dell’Interno e degli Esteri, la Comunità di Sant’Egidio e la Conferenza Episcopale Italiana.

L’accordo consentirà l’arrivo in Italia di 600 richiedenti asilo, nell’arco del prossimo biennio, provenienti da Etiopia, Giordania e Niger. Si tratta della seconda fase del progetto iniziato il 12 gennaio 2017, che ha consentito il trasferimento nel nostro paese di 500 richiedenti asilo provenienti principalmente dall’Etiopia e che ha rappresentato una best practice a livello europeo.

“Sono contenta di aver firmato questo protocollo come ultimo atto del mio mandato  – ha detto Gerarda Pantalone che da capo del Dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione è stata nominato prefetto di Roma – . In linea con quanto sostenuto da questo Governo i corridoi umanitari rappresentano un importante canale legale per l’ingresso di persone che presumibilmente sono meritevoli di protezione, in particolare di bambini, nuclei familiari e soggetti più vulnerabili”.

Le associazioni coinvolte cureranno l’individuazione e valutazione dei destinatari del progetto, in collaborazione con UNHCR, assicurando l’accoglienza e il sostegno nel processo di inserimento socio-culturale.

Firmatari del protocollo d’intesa il prefetto Gerarda Pantalone per il ministero dell’Interno, il ministro plenipotenziario Luigi Maria Vignali per il ministero degli Affari Esteri, il presidente della Comunità di Sant’Egidio Marco Impagliazzo, il segretario generale monsignor Stefano Russo per la Conferenza Episcopale Italiana.

 

 

 

Comunicato_Protocollo Corridoi Umanitari 3mag19

Il servizio di bollettini e previsioni valanghe in Trentino, Tirolo e Alto Adige online fino a domani (5 maggio). Negli ultimi 5 mesi 10 milioni le pagine visitate da parte di 1,2 milioni di utenti.
Le valanghe non conoscono confini nazionali: per questo da 5 mesi a questa parte il servizio online valanghe.report offre informazioni transnazionali sulle condizioni meteo e della neve in Trentino, Alto Adige e Tirolo, con previsioni dettagliate sul giorno successivo. Il servizio è online dallo scorso 3 dicembre 2018. Da allora sono state 2,5 milioni le visite al sito da parte di 1,2 milioni di utenti delle tre regioni alpine. Il giorno che ha fatto registrare il picco di visite è stato il 14 gennaio con 83.555 visite sul sito. Il picco delle visite è avvenuto in corrispondenza con una consistente nevicata che aveva provocato la chiusura di diverse strade per motivi di sicurezza.

Il numero complessivo di pagine visitate – vale a dire il numero di pagine aperte inclusa l’homepage – ha raggiunto nel frattempo i 10 milioni. Il servizio offerto da valanghe.report è stato definito dai presidenti delle tre regioni coinvolte – Arno Kompatscher per l’Alto Adige, Günther Platter per il Tirolo e Maurizio Fugatti per il Trentino – un modello di collaborazione fra le regioni all’interno dell’Euregio in occasione della presentazione del portale lo scorso 19 novembre 2018 nella sede della Protezione civile di Bolzano. I servizi valanghe dell’Euregio – Tirolo, Alto Adige e Trentino – hanno elaborato insieme il progetto, finanziato con fondi europei Interreg Italia-Austria e realizzato in collaborazione con il GECT e l’Istituto di Geografia e ricerca regionale dell’Università di Vienna,

Il sito www.valanghe.report presenta attraverso cartine e grafici lo stato dell’arte e le previsioni riguardanti il livello della neve, la quantità di nuova neve caduta, la temperatura, l’umidità dell’aria e le caratteristiche del vento, insieme a informazioni aggiuntive come il livello di pericolo, hanno spiegato i dirigenti dei servizi provinciali degli Uffici idrografici Rudi Mair (Tirolo), Michela Munari (Alto Adige) e Alberto Trenti (Trentino). Il progetto è stato coordinato da Christoph Mitterer e Norbert Lanzanasto del servizio valanghe del Tirolo e da Alex Boninsegna per il servizio altoatesino, con l’intento di mettere in rete il lavoro dei tre servizi di previsione valanghe delle tre regioni alpine a cavallo del Brennero attraverso un interfaccia mobile-responsive, mettendo le informazioni a disposizione in tre lingue accessibili attraverso i social media e Whatsapp.

Con tono solenne e giustamente orgoglioso, il presidente Fugatti e l’assessora Segnana, si sono espressi per una piena conferma dell’individuazione dell’ospedale Villa Rosa di Pergine Valsugana quale struttura riabilitativa di riferimento in Trentino.

Un polo di eccellenza per il trattamento di gravi patologie neuromuscolari e neurodegenerative come la Sla e la Sma, facente parte dei centri “Nemo”, gestiti dalla Fondazione Serena e di cui la Fondazione Telethon è socia.

La delibera che stabiliva questo, è stata approvata approvata il 12 ottobre 2018, dopo un percorso di circa due anni. Non ci interessa qui soffermarci su un comunicato della Provincia che sembrerebbe far cominciare ora il progetto Nemo.

Certo, con una maggiore eleganza istituzionale si sarebbe potuto ricordare l’avvio del percorso concretizzatosi con la delibera della Giunta precedente. Ma il punto non è lo stile, è la sostanza.

E la sostanza racconta della conferma di una scelta che consentirà a Villa Rosa di sviluppare pienamente in futuro la sua vocazione e tornare ad essere un centro attrattivo a livello sovraregionale.

Ci rallegriamo quindi di come, ancora una volta, la Giunta leghista confermi l’impostazione già avviata in materia di politica sanitaria, e che potrà valorizzare al meglio la struttura di Pergine.

 

*

Luca Zeni

Consigliere Pd

Convegno Commercialisti, Scicli. De Bertoldi FDI : Sfido la Maggioranza sulla Flat tax incrementale e sull’inserimento nel Dl semplificazioni delle competenze sui trasferimenti aziendali ai Commercialisti.

“ Il Governo dimostri nei fatti il rispetto verso la categoria dei Commercialisti, che svolgono anche un importante servizio pubblico intermediando i movimenti tributari dei tre quarti delle partite iva, e garantendo quindi allo Stato corrispondenti entrate finanziarie per oltre 134 miliardi annui.

Vengano riconosciute, apprezzate e ricompensate le competenze, che invece sono state estese da questo Governo per meschine manovre clientelari ad altre categorie senza preparazione specifica, e vengano restituite ai Commercialisti pure le attribuzioni inerenti le cessioni d’azienda, come era previsto da un emendamento all’articolo 18 nel DL semplificazioni, poi ignobilmente ritirato per pressioni di alcune lobby.

Fratelli d’Italia, mio tramite, ripresenterà quindi identico emendamento in Senato per garantire l’interesse delle PMI ad una maggior facilità operativa in regime di concorrenza; aspettiamo al varco la Lega per vedere se saprà essere coerente con le promesse elettorali, altrimenti saremo pronti a scendere in piazza al fianco dei professionisti per difendere la dignità e la valenza delle Professioni.”

Così il Senatore Andrea de Bertoldi, Segretario delle Commissione Finanze e Tesoro, nel suo intervento al Convegno nazionale dei Commercialisti a Scicli. “ Si favoriscano davvero i processi di specializzazione ed aggregazione dei professionisti, anche attraverso l’utilizzo della leva fiscale; la tassazione forfettaria va così estesa pure alle associazioni professionali, e si prosegua nella definizione dell’equo compenso per la tutela dell’interesse pubblico, in quanto ad una seria attività deve corrispondere un adeguato compenso.

Si proceda infine alla riduzione del cuneo fiscale ed alla flat tax incrementale, come proposto in Senato da Fratelli d’Italia dallo scorso luglio, passando da una filosofia clientelare ed assistenzialista ad una politica della crescita e del lavoro.” conclude il Senatore de Bertoldi di Fratelli d’Italia.

(Pagina 1 di 5)