VOUCHER: CCIAA BZ, SE UTILIZZATI CORRETTAMENTE SONO STRUMENTI UTILI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Camera di Commercio di Bolzano) – Le statistiche pubblicate recentemente dalla Ripartizione Lavoro della Provincia Autonoma di Bolzano sull’utilizzo dei voucher per la retribuzione di lavori occasionali accessori confermano il successo che questo strumento ha riscontrato presso le imprese altoatesine. È importante garantire anche per il futuro la possibilità di utilizzare i voucher per prestazioni di lavoro occasionale e che ciò non comporti ulteriori oneri burocratici. Nel 2017 dovrebbe tenersi un referendum in Italia sull’eventuale abolizione dei voucher per prestazioni di lavoro occasionale. La Camera di commercio chiede che i voucher siano mantenuti, perché sono un importante strumento di occupazione occasionale accessoria di lavoratori all’interno e all’esterno delle imprese. “I voucher offrono vantaggi a entrambe le parti: ai datori di lavoro danno la possibilità di reagire in modo flessibile a un fabbisogno occupazionale, e ai lavoratori e alle lavoratrici di percepire un guadagno aggiuntivo senza complicazioni burocratiche. Sarebbe opportuno ampliare ulteriormente l’utilizzo dei voucher, sempre con buonsenso”, spiega il Presidente della Camera di commercio di Bolzano, Michl Ebner, e aggiunge: “I voucher diventano uno strumento negativo se usati scorrettamente. Non possono sostituire eventuali assunzioni e devono essere utilizzati solamente nei casi previsti dalla legge.”

I voucher possono essere utilizzati per varie attività come ad esempio la raccolta agricola, lavori per studenti e attività ausiliarie nel turismo o nel commercio al dettaglio. Inoltre i voucher sono utilizzati anche al di fuori delle imprese per attività di giardinaggio, lavori di pulizia e altri servizi a domicilio nonché per manifestazioni sportive e culturali. Non sarebbe possibile svolgere molte di queste attività in maniera regolamentata senza l’utilizzo dei voucher lavoro, con la conseguenza che esse sarebbero svolte come lavoro nero e senza un’adeguata copertura assicurativa per incidenti sul lavoro. I collaboratori e le collaboratrici occupati in lavori occasionali accessori e remunerati con voucher sono assicurati contro gli infortuni e godono di copertura previdenziale. Il Segretario generale della Camera di commercio, Alfred Aberer, aggiunge: “È importante che l’uso dei voucher rimanga flessibile e che non vengano introdotti ulteriori vincoli o limitazioni. Inoltre si potrebbe innalzare il limite massimo di reddito accumulabile con voucher da 7.000 a 10.000 euro.”

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

 

Comunicato stampa Voucher