SCUOLA: DELSA, SMENTITA COMUNICATO PAT SU SENTENZA CONSIGLIO STATO

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Sindacato autonomo Delsa) – Si è tenuta stamane l’ udienza camerale presso il Consiglio di Stato italiano sulla questione commissariamento degli uffici scolastici trentini, richiesta dallo stesso commissario ad acta dottoressa Daniela Beltrame, alla quale nel dicembre scorso era stato impedito, dagli avvocati della Provincia,  di insediarsi negli uffici della Pat per poter far luce sulla effettiva e corretta esecuzione dell’ordinanza ottenuta già ad agosto 2016 dai maestri diplomati magistrali patrocinati dal Sindacato Delsa.

In un’ udienza “fiume” la VI commissione del consiglio di Stato, presieduta dal presidente Caracciolo in persona, ha rilevato come il procedimento commissariale, con l’ incarico attribuito alla Beltrame,  non si sia concluso nella maniera sperata. Contrariamente a quanto affermato in una nota diffusa in giornata dalla Provincia di Trento,  nel corso dell’udienza è stata rilevata la mancata applicazione dell’ordinanza che purtroppo il commissario non ha potuto certificare in quanto la sua attività commissariale si  è interrotta in maniera anomala come già ampiamente descritto nei mesi scorsi.

La prima sede utile infatti, per poter fare delle contestazioni ufficiali, era proprio l’udienza di stamane e quindi smentiamo quanto affermato dal comunicato diffuso dalla Pat secondo cui i nostri ricorrenti non avrebbero contestato l’applicazione dell’ ordinanza.  Ricordiamo altresì che le nostre contestazioni, in via informale, erano già state fatte il 28 di novembre durante le convocazioni per la riassegnazione degli incarichi, tra l’altro riprese dalla stampa il giorno seguente su tutti i quotidiani.

Tornando all’udienza: i giudici di Palazzo Spada, ascoltate le parti in tutte le loro osservazioni e reciproche contestazioni, hanno ritenuto di avvallare l’accordo tra gli avvocati di non procedere con un ulteriore commissariamento che, visti i tempi, si sarebbe avviato nel mese di marzo per poi concludersi solo dopo Pasqua, con il rischio di causare ulteriore danno a docenti e famiglie, ad anno scolastico ormai concluso.

Pertanto, il giudice ha ritenuto di dover rinviare tutte le osservazione e le conclusioni del caso alla udienza finale che si terrà a metà giugno, con l’invito alle parti (in particolare agli avvocati dei ricorrenti) di presentare dettagliatamente le contestazioni inerenti ai danni subiti dai singoli ricorrenti, per le irregolarità e le mancanze riscontrate nell’esecuzione dell’ordinanza emessa. Sarà dunque durante l’udienza finale che vi sarà l’eventuale individuazione di responsabilità risarcitorie in capo alla Provincia nei confronti dei ben 164 ricorrenti patrocinati da Delsa.

“Abbiamo ritenuto inutile se non addirittura dannoso, insistere su un’ulteriore procedura commissariale visto l’ormai avanzato avvio dell’anno scolastico” -spiega Mauro pericolo presidente di Delsa,-  “Il nostro è un atto di doverosa responsabilità, per non creare ulteriori danni al sistema scolastico già duramente provato da questa vicenda. Ora, ci concentreremo sulla quantificazione dei danni professionali e personali subiti dai nostri assistiti, perché questo è quanto il giudice ci ha esortato a fare.

Auspichiamo che, approssimandosi la  conclusione del procedimento, giunga un segnale di disponibilità da parte della Pat a trovare soluzioni politico sindacali che possano evitare l’avvio di ulteriori nostre procedure giudiziarie per tutti quei docenti che ancora non hanno ricevuto tutela adeguata. In particolare ci riferiamo ai tanti insegnanti della scuola dell’infanzia che attendono da anni la stabilizzazione, ai docenti abilitati Pas ( percorsi abilitanti speciali) e Tfa ( tirocinio formativo attivo) attualmente fuori dalle graduatorie e a tutti i diplomati magistrali abilitatisi con il vecchio ordinamento, non ancora inclusi nelle graduatorie per titoli trentine”.

 

SINDACATO Delsa
(Diritti europei lavoratori sindacato autonomo)

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

COMUNICATO DELSA 2

 

 

 

 

Nella foto: Mauro Pericolo (da comunicato stampa)