rcc * Trattativa UE-governo su manovra, Minzolini: ” Salvini e Di Maio stanno mandando avanti Conte perché devono trovare un Badoglio che firmi l’armistizio “

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

Minzolini: “Trattativa con l’Ue? Salvini e Di Maio stanno mandando avanti Conte perché devono trovare un Badoglio che firmi l’armistizio, se lo facessero loro perderebbero la faccia. Padre Di Maio? La vera sconfitta in questa vicenda è che il governo fa provvedimenti che rischiano di favorire il lavoro nero”.

Augusto Minzolini, giornalista ed ex parlamentare di Forza Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta da Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul ruolo di Conte nella trattativa con l’Europa. “E’ probabile che Salvini e Di Maio stiano mandando avanti Conte perché devono trovare qualcuno che firmi l’armistizio, se lo facessero loro perderebbero la faccia –ha affermato Minzolini-. Hanno bisogno di una sorta di Badoglio che, alla fine di questa guerra con l’Europa condotta male, accetti le condizioni che gli vengono poste.

Viene preso un personaggio di lato e gli viene data questa gatta da pelare, quella di rappresentare agli italiani l’impossibilità di praticare un certo tipo di strategia. Al di là della competenza che è venuta a mancare in questi mesi nel duello con l’Europa, è mancato anche il buonsenso.

Quando tu duelli con qualcuno è chiaro che devi trovare delle alleanze, se invece la guerra vuoi farla da solo è chiaro che poi ti ritrovi a soccombere. Il contratto di governo non è una fusione, un programma comune, bensì una somma di due programmi diversi, molto spesso contraddittori. Nella manovra si sommano promesse che non portano alla crescita. E non è stata preso in considerazione neanche il momento che sta vivendo l’economia, che era ampiamente annunciato”.

Sulla vicenda del padre di Luigi Di Maio. “Se tu sei conscio della situazione nel meridione, con abusivismo e lavoro nero, non puoi introdurre misure come il reddito di cittadinanza che rischiano di favorire il lavoro nero. E’ questa la cosa che mi fa mettere in dubbio la capacità di governo del M5S. Normalmente uno si fa un’idea del Paese sul campo, per esperienza, se però tu la traduci accentuando quel tipo di problemi questa è la vera sconfitta, non è tanto il problema padre sì e padre no”.