PUNTI NASCITA FIEMME E ARCO: GRUPPO UPT, BOCCIATA MOZIONE LEGA NORD PERCHE’ INUTILE

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Gruppo consiliare Upt) – In merito alla posizione presa ieri in aula dal consigliere Maurizio Fugatti e riferita agli ospedali di Fiemme e Arco riteniamo opportuno procedere con alcune considerazioni.

Sgombriamo subito il campo: la Lega Nord Trentino ha fatto un scelta assolutamente strumentale cercando di far passare una mozione in cui chiedeva di ricalcare una proposta della Regione Veneto di una deroga sui punti nascita.

Proposta, è bene ricordarlo, che il Veneto ha fatto in modo polemico al Ministero nazionale della Salute, sapendo che sarebbe stata bocciata e con l’intento di sollevare una bagarre sulla questione.

Votare quella mozione ieri in Consiglio avrebbe inoltre significato per noi cancellare con un colpo di spugna tutti i tentativi fatti fino ad ora per i punti nascita e i servizi negli ospedali di Valle e il dialogo instaurato con il Ministero, il Comitato Percorso Nascite nazionale e il sottosegretario Faraone. E questo le trentine e i trentini non lo meritano assolutamente e sarebbe stato per noi imperdonabile prestare il fianco ad una tale boutade teatrale sterile nei risultati. Abbiamo quindi, coerentemente, bocciato una proposta non seria e lo rivendichiamo.

L’Unione per il Trentino è solita lavorare compatta per giungere a proporre e trovare soluzioni utilli, non per ottenere qualche voto in più a discapito dei propri concittadini.

Sappiamo benissimo che quanto fatto fino ad oggi- innumerevoli mozioni, interrogazioni, atti politici, confronti ufficiali e ufficiosi quotidiani e continui con amministratori provinciali, locali, associazioni, cittadine e cittadini, meeting e conferenze – fa meno rumore e paga meno in termini elettorali, di polemizzare dai banchi del Consiglio dileggiando gli avversari.

Ma sappiamo anche che se la Deroga è stata ottenuta, sono stati aperti bandi per l’assunzione di pediatri e oggi stiamo ancora parlando della possibilità di riorganizzare i presidi ospedalieri di Valle e coordinare le terre alpine sul tema sanità, questo è dovuto al lavoro faticoso , silenzioso ed elettoralmente impopolare che abbiamo portato avanti.

Alla Lega Nord Trentino interessano, possiamo intuirlo ma di certo non condividerlo, i voti dei trentini. A noi dell’Unione per il Trentino, interessa la loro salute e la possibilità che insieme alle loro figlie e figli possano continuare a vivere nelle valli trentine, vedendosi garantito il fondamentale diritto ad una sanità sicura, accessibile e affidabile.

 

 

cons. Gianpiero Passamani

cons. Pietro De Godenz

cons. Mario Tonina

ass. Mauro Gilmozzi

ass. Tiziano Mellarini

 

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

CS Gruppo UpT su proposta mozione Lega Nord p nascita bocciata ieri