PROFUGHI: CIVETTINI, A 4.400 DIPENDENTI PAT CHIESTA SOLIDARIETA’ MA MAI PER I TRENTINI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Claudio Civettini) – Provincia e “direttive” ai dipendenti provinciali e solidarieta’ invito a donare «oggetti in buono stato» per profughi e sedicenti tali iniziativa mai attivata per i trentini- di qualsiasi etnia – residenti e in poverta’! doppiopesismo che parla da solo!

La solidarietà è senza dubbio un gran bel principio e valore. Rischia tuttavia di esserlo meno nel momento in cui risulta unidirezionale. Si effettua questa semplice sottolineatura sulla base di un invito che – secondo quanto apparso sulla stampa locale – la Provincia avrebbe rivolto via mail ai 4.400 dipendenti con riferimento ai richiedenti asilo, con in sintesi questo messaggio: «Se avete oggetti in buono stato da donare, fatelo».

Ora, in questo invito ad aiutare persone in difficoltà e in stato di bisogno non c’è nulla di male, sia chiaro. Dato che però un simile appello non è mai stato rivolto, pare, per i trentini in difficoltà (che pure non mancano, anzi!), risulta doveroso – e lo si fa con apposita interrogazione – chiedere conto del tutto, in particolare di quello che sembra un inaccettabile doppiopesismo, alla Giunta provinciale.

 

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

Comunicato Stampa 7 4 17 – PROVINCIA E SOLIDARIETA’ – INVITO A DONARE OGGETTI IN BUONO STATO PER I CLANDESTINI – MA PER I TRENTINI NULLA

 

 

 

In allegato l’interrogazione contenuta nel comunicato stampa

Interrogazione – 7 4 17 – PROVINCIA E SOLIDARIETA’ – INVITO A DONARE OGGETTI IN BUONO STATO PER I CLANDESTINI – MA PER I TRENTINI NULLA