PRODOTTI FITOSANITARI: PAT, NOVITA’ PER IL RILASCIO PATENTINI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Sono in arrivo alcune modifiche alle disposizioni per il rilascio e il rinnovo dei certificati di abilitazione per acquisto, utilizzo e vendita dei prodotti fitosanitari, nonché all’esercizio dell’attività di consulenza sull’impiego dei prodotti fitosanitari. Lo ha stabilito oggi la Giunta provinciale, su proposta dell’assessore all’agricoltura Michele Dallapiccola, allineando la normativa provinciale con quanto previsto dal Pan – Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. L’aggiornamento e l’integrazione delle disposizioni esistenti mira in particolare ad affiancare alla Fondazione Edmund Mach altre strutture formative già accreditate dalla Provincia – in dettaglio il Servizio Europa – per la predisposizione di mirati percorsi formativi che rientrino negli standard fissati a livello provinciale. Tali corsi finalizzati al rilascio/rinnovo delle abilitazioni dovranno rispondere a determinati obiettivi formativi in termini di contenuti, materie, durata e tracciabilità della formazione per singolo utente.

Ulteriori importanti disposizioni definiscono le modalità per il riconoscimento dei crediti formativi per il rinnovo delle abilitazioni agli utilizzatori professionali e quelle per lo svolgimento della formazione a distanza, e-Learning, modalità entrambe contemplate dal Pan- Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. L’aggiornamento delle conoscenze nelle materie indicate dal Pan per il rinnovo delle abilitazioni degli utilizzatori professionali, che fino ad oggi avveniva solo mediante la partecipazione ad un corso di aggiornamento di 12 ore, potrà ora avvenire ricorrendo integralmente ai crediti formativi. I crediti da acquisire nell’arco del periodo di validità dell’abilitazione (5 anni), sono 12, di cui almeno 6 devono essere conseguiti nei 24 mesi antecedenti la scadenza del patentino.
Ai fini del riconoscimento dei crediti, i soggetti attuatori dei “corsi” (convegni, eventi, giornate di studio, seminari, ecc.) dovranno chiederne preventivamente il riconoscimento, disporre di un sistema per la rilevazione delle presenze, rilasciare a ciascun soggetto partecipante l’attestato di partecipazione indicante il numero di crediti conseguiti per la specifica area formativa. Analoga attestazione (cumulativa) sarà inoltre trasmessa al servizio competente per la sua registrazione nell’archivio dedicato. Le aree formative che permettono di conseguire crediti sono 4: quadro normativo, tutela della salute, tutela dell’ambiente, strategie e tecniche di difesa; per ciascun’area il numero minimo di crediti conseguibili è pari a due.

 

Foto da comunicato stampa: