GRUPPO ITAS: SINDACATI, PER 770 DIPENDENTI AUMENTO DI 103 EURO IN BUSTA PAGA

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Cgil del Trentino) – Dopo 20 mesi di difficile trattativa e oltre 3 anni dalla scadenza è stato rinnovato ieri sera il contratto nazionale degli assicurativi, Ania, che riguarda circa 48.000 lavoratori in tutta Italia, compresi i 770 dipendenti del gruppo Itas a cui si aggiungono, in provincia, alcune decine di dipendenti dei centri di liquidazione danni delle compagnie assicurative. L’intesa è stata siglata unitariamente da Fisac Cgil, First Cisl, Uilca, Fna e Snfia.

L’accordo è un risultato positivo ed importante perché afferma la centralità del contratto nazionale e la sua struttura. Per le organizzazioni sindacali questo rappresenta anche un contratto di grande valenza sociale che guarda ai soggetti più deboli della filiera produttiva assicurativa, estendendo e rafforzando l’area contrattuale e che introduce un ammortizzatore sociale importante per i lavoratori delle imprese poste in liquidazione coatta.

E’ stato ottenuto anche un ottimo risultato sul piano economico: il contratto si pone ai livelli più alti degli ultimi rinnovi contrattuali nazionali, con un incremento pari a 103 euro mensili, con pagamento degli arretrati e con un cospicuo incremento dei lavoratori del call center. L’intesa, nelle prossime settimane, sarà sottoposta all’approvazione delle assemblee dei lavoratori.

 

 

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

20170223_rinnovo assicurativi_fisac