ENTI PARTECIPATI PAT: CGIL, LA TRATTATIVA SUL CONTRATTO UNICO VADA AVANTI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Cgil del Trentino) – La trattativa per la definizione di un contratto unico per i dipendenti delle società partecipate è ad un punto di stallo. Il confronto si è interrotto nei giorni scorsi, quando la Provincia ha presentato ai sindacati la propria proposta. “Il negoziato è bloccato in attesa che il presidente Rossi chiarisca la posizione politica che si vuole assumere su questa questione – spiegano il segretario della Cgil Franco Ianeselli e Gloria Bertoldi che segue la trattativa per Via Muredei-.

La bozza che ci è stata presentata da Piazza Dante non ci soddisfa e sono molti i punti su cui è necessario intervenire con modifiche”. Per questa ragionela Cgil trentina sottolinea la necessità di riprendere il negoziato, andando al tavolo del confronto con un fronte sindacale compatto. “Restiamo fermamente convinti che la strada di un contratto unico per gli oltre 600 dipendenti delle società partecipate sia un’opportunità – insistono Ianeselli e Bertoldi -.

Abbiamo l’occasione di definire una cornice contrattuale omogenea, che poi potrà essere declinata nelle varie realtà tenendo conto delle specificità di ognuna”. Un contratto unico, inoltre, oltre a semplificare il quadro di riferimento, faciliterebbe anche la mobilità dei lavoratori tra i vari enti. “Per noi è necessario far ripartire il negoziato e trattare ancora in questa fase in cui i contratti vecchi sono in essere ed evitare che si arrivi alla disdetta da parte della Provincia degli accordi attualmente in vigore. A quel punto tutto diventerebbe più complicato: trattare sotto la spada di Damocle di una disdetta è dannoso per i lavoratori perché riduce i margini di trattativa a loro svantaggio”.