ECOMUSEO JUDICARIA: FUGATTI, E’ REGOLARE LA NOMINA APT DI IVA BERASI?

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Maurizio Fugatti) – Dopo l’esperienza politica che l’ha vista fino al 2008 ricoprire il ruolo di Assessore provinciale all’emigrazione, solidarietà internazionale, sport e pari opportunità, Iva Berasi ricoprirebbe attualmente la carica di Direttrice della Fondazione “Accademia della Montagna”, Presidente dell’associazione Sportabili di Predazzo e Presidente dell’Apt Terme di Comano- Dolomiti di Brenta.

Da qualche giorno Berasi riveste anche il ruolo di rappresentante dell’Ecomuseo della Judicaria all’interno del Consiglio di amministrazione di Apt; con non poche polemiche da parte di alcune persone presenti all’Assemblea. Infatti, sebbene in seguito alla modifica della normativa, l’indicazione del rappresentante all’interno del Cda spetterebbe allo stesso Ecomuseo, sarebbero stati nuovamente i Sindaci delle Esteriori a riservarsi tale indicazione.

Indicazione che pare essere avvenuta in tempi rapidissimi e senza alcuna esitazione; cosa che invece non si potrebbe dire per l’individuazione di un luogo dedicato alla sede dell’Ecomuseo visto che ad oggi i soci ne sarebbero privi. Una situazione quest’ultima alquanto critica tenuto anche conto che il 10 giugno 2015 il Consiglio internazionale di coordinamento dell’Unesco ha approvato l’iscrizione di tre siti italiani nel sistema mondiale delle riserve dando quindi vita alla ‘Riserva della Biosfera Alpi Ledrensi e Judicaria’.

Tenuto in considerazione che già Berasi ricopre il ruolo di Presidente all’interno dell’Apt, che la procedura di nomina ha sollevato diverse criticità anche riguardo al fatto che Berasi sia socia o meno dell’Ecomuseo della Judicaria,

 

 

 

Tutto ciò premesso, si interroga il Presidente della Provincia per sapere:

 

 – Quali modifiche sono state apportate alla normativa sugli Ecomusei e se corrisponde al vero che ora la nomina del proprio rappresentante spetterebbe all’Ecomuseo e non al Comune capofila;

– Nel caso di risposta affermativa al punto 1. se la nomina di Berasi si sia quindi svolta regolarmente o si debba eventualmente procedere a nuova votazione;

– Per quale motivo non sarebbero state rispettate le volontà dell’Ecomuseo e, nel caso in cui la nomina fosse spettata ancora al Comune capofila, per quale motivo non tenere in considerazione i nominativi proposti dallo stesso;

– Se corrisponde al vero che ad oggi l’Ecomuseo della Judicaria non avrebbe una sede e, se sì, perché;

– Nel caso di risposta affermativa al quesito 4. se vi sia l’intenzione di trovare un luogo in tempi brevi visto anche il titolo conferito nel 2015 dal Consiglio internazionale di coordinamento dell’Unesco ovvero ‘Riserva della Biosfera Alpi Ledrensi e Judicaria’.

 

 

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

 

 

 

 

In allegato l’interrogazione contenuta nel comunicato stampa:

170424 – int Berasi rappresentante dell’Ecomuseo della Judicaria – MF