DISATRI NATURALI: FERRARI, VALORIZZARE LE PROFESSIONISTE CHE OPERANO NEL SETTORE

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – “Professioniste per la riduzione dei disastri naturali” è il titolo scelto per il meeting che si terrà il 4 e 5 maggio prossimi, in Sala Wolf del palazzo della Provincia autonoma di Trento, in piazza Dante a Trento.

Rappresenta il secondo appuntamento, dopo l’esordio dell’organizzazione lo scorso anno in Austria, per la rete “we4Drr” (women for Disaster Risk Reduction). Questa mattina l’evento è stato presentato dagli assessori provinciali Sara Ferrari e Mauro Gilmozzi presso la Sala Giunta del palazzo della Regione.

“Si tratta – ha detto l’assessora Ferrari – di un appuntamento unico e di un’occasione da cogliere per valorizzare la tante importanti professionalità femminili che operano sul nostro territorio in un settore delicato e che deve essere affrontato sulla base di esperienze diverse e competenze – femminili e maschili – che siano complementari”.

Per la Provincia autonoma di Trento interverranno ai lavori del meeting Luisa Zappini, dirigente della Centrale Unica di Emergenza, Erica Cova, del Servizio prevenzione Rischi, Francesca De Francesch, del Servizio Geologico.

“In un ambito come quello della sicurezza legata al territorio alpino – ha aggiunto l’assessore Gilmozzi – è importante il contributo di tutti i professionisti che ci lavorano, tenendo conto che l’attività comincia con la pianificazione e valutazione del rischio, prosegue con la progettazione degli interventi per la prevenzione e si conclude con la gestione del rischio.

In Trentino sono molto numerose le donne che partecipano a queste diverse fasi”. Durante i due giorni di meeting oltre a relazioni sono previsti lavori di gruppo e la visita guidata alla mostra sull’alluvione del 1966, presso le Gallerie di Piedicastello.

“we4Drr” è un progetto internazionale che vuole favorire l’incontro e lo scambio di esperienze fra le professioniste che in Europa si occupano della gestione e riduzione dei disastri naturali, per creare una rete che contribuisca a dare forza alla visione femminile nella gestione del pericolo idrogeologico.

Il progetto ha preso il via nel 2015. Il primo gruppo di professioniste dell’arco alpino si è riunito per la prima volta dal 2 al 4 marzo dello scorso anno a Hittisau (Austria), presso il museo dedicato alle donne.

 

 

 

Foto: da comunicato stampa