DIFESA MONTAGNA: MOUNTAIN WILDERNESS, DOMANI PRESIDIO A 3.250 M DI PUNTA ROCCA

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Ufficio stampa Mountain Wilderness) – In difesa del continuo attacco alla Regina delle Dolomiti, Mountain Wilderness organizza una risalita con presidio a Punta Rocca con la Tenda Gialla per scongiurare la posa di un altro impattante impianto di risalita che confermerebbe la definitiva banalizzazione del delicato ma importante massiccio glaciale che ha segnato in modo considerevole la nostra storia.

Domenica 9 aprile 2017 ritrovo alle ore 9.30 a passo Fedaia m 2060, partenza dell’escursione verso Punta Rocca (m 3250) alle ore 10.00. Ritrovo previsto presso il presidio alle ore 13.00 circa. Riteniamo che questo sia l’unico modo per rispondere alla debolezza che le realtà istituzionali trentine e venete dimostrano: si stanno apprestando ad una nuova guerra di confini. Questo accade perché si vuole rimanere nell’ immobilismo, far morire definitivamente il ruolo culturale e turistico della montagna: Trento rivorrebbe indietro 50 metri di ghiacciaio scioccamente donati al Veneto nel 2002, in difformità da quanto deciso dalla sentenza del Consiglio di Stato del marzo 1998.

Questo perché oggi il Comune di Canazei, appoggiato da imprenditori della Val Gardena, intende aggiungere a Punta Rocca una ulteriore funivia. Il Veneto protesta, ma non è capace di proporre. Ormai l’unico soggetto sociale che dimostra di avere a cuore il rilancio della montagna è la nostra associazione.

 

 

Foto: Marmolada, 2016 – archivio Mw Italia