DECRETI ATTUATIVI: PRESIDENZA CONSIGLIO, GOVERNO RENZI DA 38% (22/2/14) A 82% (4/12/16)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Ufficio stampa Presidenza Consiglio dei Ministri) – In relazione ad alcune notizie stampa pubblicate in data odierna, che riportano alcuni dati inesatti in merito all’attuazione del programma di Governo, si precisa quanto segue:

-) Il Governo Renzi durante il suo mandato ha dato attuazione complessivamente a 1.316 decreti attuativi, passando dal 38% del 22 febbraio 2014 all’82,2% del 4 dicembre 2016, risultato apprezzato e valutato positivamente da Ocse e Commissione europea.

-) Lo stock di provvedimenti generati dalle norme varate dagli esecutivi Monti e Letta, al momento dell’insediamento del Governo Renzi, ammontava a 889. La riduzione di tale stock ai soli 136 provvedimenti attuativi di oggi si deve per la quasi totalità all’impegno del Governo e di tutte le strutture ministeriali, mentre il decreto legislativo n. 10/2016 ha avuto un effetto limitato all’abrogazione di 46 provvedimenti (pari a circa il 5% dei provvedimenti riferiti ai Governi Monti e Letta da adottare).

-) I decreti attuativi del Governo Renzi che risultano da adottare alla data odierna con termine scaduto sono 150.

-) Dalle norme varate dal Governo in carica fino al 21 febbraio 2017, scaturiscono 12 decreti attuativi. Di questi, 4 sono appena scaduti (uno il 31 gennaio 2017 e tre il 13 febbraio 2017) e sono ormai tutti in fase di avanzata definizione.

-) L’attività del Governo Gentiloni dal suo insediamento ha portato all’adozione di 38 provvedimenti attuativi.

-) Dal 2014 ad oggi Governo e Parlamento hanno cercato di circoscrivere il più possibile il ricorso alla normazione di secondo livello ai soli casi di effettiva necessità, come conferma il costante trend di crescita della percentuale di autoapplicatività delle leggi e dei decreti legislativi, che passa dal 39% del 2014 al 64% di oggi.