Consiglio provinciale trento – Prima Commissione * caso savoi: « rinviata la seduta per poter chiarire la posizione dell’esponente del gruppo Lega Salvini Trentino »

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Nel pomeriggio la seduta Prima Commissione permanente convocata per esaminare quattro disegni di legge costituzionali proposti per modificare lo statuto speciale del Trentino Alto Adige/Südtirol da alcuni senatori del gruppo per le autonomie, è stata rinviata al 7 maggio prossimo. A prendere la decisione dopo aver concordato la data con i componenti dell’organismo, è stata la presidente (Civica Trentina), per poter chiarire la posizione di un esponente del gruppo Lega Salvini Trentino che fino a poco tempo fa era membro effettivo della Prima Commissione, alla luce di un decreto del Consiglio di Stato reso noto all’inizio della riunione.

Il decreto, immediatamente esecutivo e di cui la presidente ha dato lettura, sospende fino al 16 maggio – data fissata dal Consiglio di Stato per l’udienza – la sentenza con cui il Tar di Trento, in seguito ad un riconteggio dei voti espressi alle elezioni regionali del 21 ottobre scorso, prevedeva la sostituzione del consigliere leghista, che sarebbe dovuta avvenire proprio domani pomeriggio in Aula, con un candidato della lista Udc.

Nel prendere atto del decreto, alcuni consiglieri di minoranza (di Patt, Pd e Futura, mentre non sono intervenuti i rappresentati di UpT e 5 stelle) hanno evidenziato l’impossibilità di procedere con i lavori della Commissione senza una preventiva comunicazione del presidente dell’assemblea legislativa che formalizzi gli effetti del decreto del Consiglio di Stato sul diritto dell’esponente leghista a partecipare alle sedute all’organismo come membro effettivo. Questo anche tenendo conto del fatto che il rappresentante del Carroccio, pur partecipando alla seduta, non era stato convocato. Condividendo al riguardo l’esigenza di un chiarimento tecnico, la presidente ha deciso di rinviare i lavori al 7 maggio prossimo.