CONSIGLIO PROVINCIALE: BIANCOFIORE, CHIESTO SCIOGLIMENTO A MINISTRO INTERNO

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Michaela Biancofiore) – Si trasmette l’interrogazione al Ministro dell’Interno Minniti con la richiesta dello scioglimento del consiglio della Provincia autonoma di Trento per i gravi e accertati atti relativi al presunto voto di scambio e di conseguenza ,magari anche di “traffico di influenze”. Risulta sconcertante come il grave episodio continui a passare sotto un assordante e inquietante  silenzio.

 

*

Al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dell’interno – Per sapere – premesso che:

le maggiori testate giornalistiche riportano la gravità dell’ esistenza di un accordo siglato antecedentemente alle elezioni della Provincia Autonoma di Trento del 2013 dall’allora Capogruppo del Patt, nel Consiglio della Provincia Autonoma di Trento, Lorenzo Baratter, dal Comandante degli Schuetzen, Paolo Dalprà e dal Vice Comandante Giuseppe Corona;

l’accordo riguardava il versamento di 500 euro al mese alla Federazione degli Schuetzen in caso di elezione al Consiglio della Provincia Autonoma di Trento;

Baratter, a seguito della gravità dei fatti, ha deciso di autosospendersi dal Gruppo Consiliare del Patt fino alla chiusura del procedimento giudiziario a suo carico (ovvero fino al termine della “messa in prova” ai servizi sociali di due mesi). Lo stesso procedimento ha visto la condanna di Giuseppe Corona e Paolo Dalprà per corruzione elettorale;

la sentenza del giudice è stata chiara e netta: l’accordo sottoscritto alla vigilia delle provinciali del 2013 da Baratter rientra nell’ambito della corruzione elettorale;

la richiesta di Baratter di sospensione del processo con conseguente “messa in prova” è, sul piano politico, una ammissione di colpevolezza che però prevede la cancellazione del reato con l’effettuazione di lavori socialmente utili;

un’escamotage, quello appena riportato, che metterebbe in discussione pesantemente il Patt, alleato del Pd, mediante una farsa ridicola che mostra una maggioranza densa di contraddizioni e intrisa di un sistema clientelare che trascina di fatto il Trentino nel baratro;

ad avviso dell’interrogante la Giunta della Provincia Autonoma di Trento non può continuare a governare dal momento che sussistono le prove che le elezioni sono state inquinate da quello che si configura come reato di “voto di scambio” e di conseguenza, probabilmente , dal più recente reato di “traffico di influenze”;

l’articolo 49-bis del Testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto per il Trentino Alto-Adige, in modo analogo a quanto disposto dall’articolo 126 della Costituzione per le Regioni, stabilisce che “il Consiglio provinciale può essere sciolto quando compia atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge o non sostituisca la Giunta o il suo Presidente che abbiano compiuto analoghi atti o violazioni”;

il comma 3, dell’articolo 49-bis del Testo Unico sopra citato stabilisce altresì che “lo scioglimento è disposto con decreto motivato del Presidente della Repubblica previa deliberazione del Consiglio dei ministri, sentita una Commissione di deputati e senatori costituita, per le questioni regionali, nei modi stabiliti con legge della Repubblica”;

ad avviso dell’interrogante la vicenda riportato ha comportato un evidente danno alla comunità che di fatto ha permesso ai partiti di svendere le istituzioni al miglior offerente, e che dunque evidenzia la necessità di restituire nel più breve tempo possibile la parola ai cittadini (mediante nuove elezioni) che hanno diritto di essere rappresentati da portavoce onesti-:

 

*

sei i Ministri interrogati siano a conoscenza dei fatti esposti in premessa;
se i Ministri interrogati non ritengano che sussistano i presupposti per avviare le procedure di cui all’articolo 49-bis del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo Statuto speciale per il Trentino Alto-Adige.

 

On. Michaela Biancofiore

 

 

 

 

 

In allegato le interrogazioni contenute nel comunicato stampa:

Interrogazione Minnisti per scioglimento consiglio provinciale trentino