“CODERDOJO GIRLS ONLY”: COMUNE TRENTO, PALESTRA INFORMATICA AL FEMMINILE

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Ufficio stampa Comune Trento) – È in programma sabato 11 marzo con inizio alle 14.30 nella Palazzina Liberty di piazza Dante l’appuntamento con la sessione speciale “Girls only” del CoderDojo, la palestra informatica dove la programmazione diventa un gioco da ragazzi, anzi da ragazze, visto che l’iniziativa è rivolta alle donne dai 7 ai 90 anni che desiderano avvicinarsi, in un contesto semplice, divertente e informale, al mondo del web design, dell’Htlm, dei giochi e delle animazioni con Scratch. Saranno presenti all’incontro due studentesse del corso di laurea in informatica che racconteranno esperienze e aspettative di lavoro in un ambito in cui spesso la parità di genere non è garantita.

Il computer è uno strumento che oggi fa parte della vita di ognuno, bambini e adulti, maschi e femmine, professionisti e artigiani. Ma gli stereotipi hanno vita lunga e resta viva la convinzione che la programmazione informatica sia attività e abilità quasi esclusivamente maschile. Tale convinzione è supportata anche dai dati: secondo le statistiche, infatti, solo il tre per cento dei laureati in discipline informatiche e solo il nove per cento degli sviluppatori è donna.

Molto stanno facendo, in anni recentissimi, alcune scuole e i gruppi di volontari che organizzano i CoderDojo, palestre di “codice” per i più piccoli in cui è alta la partecipazione anche delle bambine e ragazze. Anche i volontari di CoderDojoTrento, attivo da quasi tre anni, promuovono questi incontri presso la Biblioteca dei ragazzi nella palazzina Liberty, con cadenza quindicinale, ma organizzano appuntamenti anche sul territorio provinciale.

CoderDojo è un movimento no-profit internazionale nato in Irlanda nel 2011 con lo scopo di avvicinare le persone, in particolare bambini e ragazzi, all’informatica attraverso la realizzazione di club di programmazione. Il nome deriva dall’unione delle parole coder, cioè programmatore, e dojo, la palestra giapponese in cui si praticano le arti marziali. Il movimento promuove la realizzazione di ambienti di apprendimento destrutturati dove sono gli stessi partecipanti a scoprire come utilizzare le risorse a disposizione, affiancati da mentors che ricoprono il ruolo di facilitatori.

L’organizzazione dell’evento, patrocinato dal Comune e dalla Provincia autonoma di Trento, è a cura dei volontari di CoderDojo Trento. Per informazioni e iscrizioni: www.coderdojotrento.it e coderdojo.trento@gmail.com.

 

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

20170309_Coderdojo girls

 

 

Foto: da sito Comune Trento