Quirinale: le consultazioni del Presidente della Repubblica

GRUPPO PARLAMENTARE “PER LE AUTONOMIE SVP PATT,UV” DEL SENATO DELLA REPUBBLICA
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Un altro nulla di fatto”, così la Cisl Fp sul contratto sanità che vede un’ennesima battuta di arresto. “Serve maggiore responsabilità – prosegue il sindacato – Uil e Nursing Up hanno ancora una volta lasciato il tavolo di contrattazione e la trattativa si è bloccata di nuovo. Abbiamo chiesto una nuova convocazione in Apran in tempi brevissimi per lavorare insieme, migliorare il testo e ottimizzare la parte economica”.

Il sindacato chiede un percorso comune perché la riorganizzazione del sistema sanitario non può prescindere dal coinvolgimento di chi lavora ogni giorno per garantire cura e assistenza sul territorio: “Servono innovazione organizzativa e professionale. Vogliamo – aggiunge la Cisl Fp – aprire una stagione di co-progettazione dei servizi e dei percorsi di salute. Dobbiamo ridisegnare un sistema sanitario che eviti una stagione di tagli lineari e che chiuda i contratti di lavoro 2016/2018, un avvio deciso del nuovo contratto 2019/2021″.

Un contratto per tutto il comparto. “Abbiamo respinto – dice la Cisl Fp – con forza la volontà di chi ha abbandonato la riunione di sottrarre risorse ad altre professionalità, senza creare figure di serie A, B e C, senza poi dimenticare tutti gli altri lavoratori del sistema”.

E’ necessario anche un confronto con la politica. “È necessario un equilibrio tra sanitari e non, ma chiediamo al presidente Fugatti – conclude la Cisl Fp – un confronto sulle risorse da stanziare da subito per prevedere nel contratto 2019/2021 quel passo urgente per valorizzare tutto il personale sanitario e non. Servono risorse adeguate e certe per unire una sanità trentina tanto divisa in questi anni tra le varie fazioni”.

 

*

Beppe Pallanch
Segretario Generale Cisl Fp Trentino