CIMEMA: TRENTO FILM COMMISSION, “L’AVAMPOSTO” E “DEPERO” IL 15 E 16 MARZO

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Si sta avviando alla conclusione la rassegna “Al cinema con Trentino Film Commission”, organizzata in collaborazione con il Coordinamento teatrale trentino che propone in nove sale della provincia film, documentari e cortometraggi girati sul nostro territorio.

Il penultimo appuntamento è con il cortometraggio “L’avamposto” di Leonardo Di Costanzo e con il documentario “Depero. Rovereto, New York e altre storie”: entrambi saranno proiettati il 15 marzo a Baselga di Piné, Borgo Valsugana, Riva del Garda, Rovereto, Tesero, Tione e Trento e il 16 marzo a Coredo – Predaia, ore 21. Il biglietto di ingresso è di 4 euro. La rassegna si concluderà il 22 e il 23 marzo con il film drammatico di Stefano Lodovichi “In fondo al bosco”.

 

*
L’avamposto
Il cortometraggio di Leonardo Di Costanzo “L’avamposto”, fa parte del film collettivo “I Ponti di Sarajevo”, firmato da grandi maestri del cinema europeo con la direzione artistica di Jean-Michel Frodon, che è stato presentato al Festival di Cannes nel 2014. “L’avamposto” è stato girato tra il massiccio del Pasubio e le trincee del Nagià-Grom in Valle di Gresta e ricostruisce l’esperienza del soldati al fronte nel corso del Primo conflitto mondiale. “L’avamposto” è prodotto da Francesco Virga e Gianfilippo Pedote per Mir Cinematografica in collaborazione con Rai Cinema, Cineteve di Parigi e Trentino Film Commission, con il contributo della Fondazione Cassa Rurale di Trento.

Nel cast vi sono: Gaetano Bruno, che si è visto in film come “Baaria” di Tornatore, “Gorbaciof” di Stefano Incerti e in diverse serie TV, Emanuel Caserio, vincitore del premio miglior attore web-serie all’ultimo Roma Fiction Fest, Fortunato Leccese, Emiliano Masala, affiancati dagli attori trentini: Giovanni Ortoleva, Andrea Meneghello, Hans Gottardi, Laurent Gjeci, Paolo Iezzi, Angelo Spadaro, Michele Comite, Martin Tranquillini, Francesco Monticelli. La direzione della fotografia è affidata a Luca Bigazzi, uno dei maestri della fotografia italiana, vincitore di sei David di Donatello. L’organizzazione delle riprese ha visto il supporto del Comune di Mori e dell’Azienda per il Turismo Rovereto e Vallagarina.

 

 

 

Cliccare sull’immagine sotto per vedere il video allegato al comunicato stampa: Il trailer di “I Ponti di Sarajevo”:

 

 

“Depero, Rovereto New York e altre storie”

In concomitanza con il centenario del Manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo, firmato da Balla e Depero nel 1915, il documentario ripercorre l’esistenza dell’artista roveretano, mettendo in luce la sua avanguardistica abilità nell’unire pittura, teatro, fotografia, architettura, grafica pubblicitaria ed editoria, in una forma d’arte totale. Girato tra Rovereto, Milano, Trento e New York, il film raccoglie le testimonianze di grandi nomi del panorama culturale contemporaneo – fra cui Alessandro Mendini, Maurizio Nichetti, Mario Botta, Viviane Green e Daniel Hurlin – che restituiscono l’immagine di un Depero estremamente attuale e conosciuto anche al di fuori del contesto italiano. Completano la pellicola preziosi materiali d’archivio, grazie ai quali il ritratto dell’artista risulta ancora più esaustivo. “Depero, Rovereto New York e altre storie” è il primo film dedicato a Fortunato Depero, ed è prodotto da Tipota Movie Company e FilmWork, con il contributo di Trentino Film Commission e Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. Il documentario è diretto da Nello Correale, regista di “Sotto gli Occhi di Tutti” e “La Voce di Rosa”.

 

 

 

 

Foto: da comunicato stampa