CHIUSURA GUARDIA MEDICA TESINO: FUGATTI, PERSONE CONSIDERATE SOLO COME NUMERI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Maurizio Fugatti) – In riferimento all’interrogazione presentata a gennaio dal consigliere Maurizio Fugatti del Gruppo Consiliare della Lega Nord Trentino riguardo alla chiusura della Guardia Medica del Tesino nel mese di novembre 2016 e alle relative ripercussioni sulla Guardia Medica di Borgo Valsugana l’assessore competente Luca Zeni ha risposto snocciolando una serie di numeri e tabelle.

Numeri che si basano su conteggi statistici. L’Azienda Sanitaria ha un programma che estrapola i dati delle prestazioni delle guardie mediche ed elabora una media nell’arco della giornata o del mese. Nella risposta si parla di 0.79 interventi per ora di servizio, sia telefonici che visite ambulatoriali e a domicilio e preparazione di ricette.

Medie, statistiche che non tengono conto delle tempistiche negli spostamenti, della durata della visita, dei problemi diversi che ogni intervento comporta, dell’accavallarsi in alcuni orari degli appuntamenti, del fatto che una volta che il medico è sul territorio per visite a domicilio la postazione rimanga chiusa.

Statistiche che non considerano i tempi di attesa di chi chiede di essere visitato e aspetta dalle ore 14.00 alle ore 19.30, ad esempio, l’arrivo del medico a casa perché prima impegnato in altre visite a domicilio.

Numeri che non mettono al centro del discorso la persona in quanto tale, con i suoi problemi e bisogni, ma che fanno rientrare tutto all’interno di schemi e statistiche.

L’assessore Zeni con una tale risposta e dopo l’incontro tenutosi a Castello Tesino davanti ad una sala gremita di persone che chiedevano di essere considerate come tali e non semplici numeri, ha dato dimostrazione per l’ennesima volta di guardare solo ai costi e al bilancio provinciale. A nulla serve portare testimonianze e richiedere una maggiore considerazione, a nulla serve far notare le difficoltà che si possono presentare a causa delle distanze chilometriche dei vari centri abitati dalla sede di Borgo Valsugana.

A nulla sono serviti i racconti, ad esempio del medico di base di Castello Tesino che ha testimoniato come vi sia bisogno di una figura medica sul territorio e non a chilometri di distanza, o di una giovane madre che si è trovata con il bambino piccolo ad aver bisogno di assistenza immediata, o della signora che deve ringraziare l’intervento immediato della guardia medica per ben due volte, quando c’era, altrimenti la figlia avrebbe rischiato la vita o la semplice richiesta di un’assistenza sul territorio per i turisti che d’estate e d’inverno alloggiano in Tesino.

A nulla sono valse le testimonianze e le richieste, l’assessore Zeni ha risposto che la chiusura della Guardia Medica del Tesino è stata una scelta giusta e non tornerà indietro: “i dati di attività rilevati indicano che le esigenze del territorio interessato trovano soddisfazione attraverso la rete dei servizi garantiti sul territorio”.

 

 

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

170412 – CS GCLNT -CONSIDERAZIONI RISPOSTA ASS. ZENI SU CHIUSURA GUARDIA MEDICA TESINO- MF

 

 

 

 

In allegato l’interrogazione e la risposta:

int 3900

 

risp int 3900