Arcigay – Trentino * “ Lo schermo svelato “: « da martedì prossimo torna la rassegna di film a tema LGBT »

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

“Lo schermo svelato”: torna la rassegna di film a tema Lgbti + di Arcigay del Trentino. A partire da martedì prossimo, Arcigay del Trentino, con la collaborazione di Agedo Trentino e Rete Elgbtqi* del Trentino – Alto Adige, propone tre appuntamenti mensili con altrettanti film a tema Lgbti+. Si parlerà di teorie riparative (“La diseducazione di Cameron Post”, 19 marzo), della storia d’amore fra due uomini che faticano a riconoscere i propri sentimenti (“La terra di Dio”, 9 aprile) e della presa di consapevolezza di un bambino che cresce all’interno di una famiglia difficile (“We the animals”, 14 maggio). Tutte le proiezioni sono alle 21.00 al Cinema Astra di Trento.

Da diversi anni Arcigay del Trentino propone regolarmente rassegne di film a tema Lgbti+. Il cinema rimane uno dei media più potenti per veicolare messaggi e valori forti, come il rispetto per le diversità, l’inclusione e la solidarietà.

Il titolo della rassegna, “Lo schermo svelato”, riprende quello di un libro pubblicato nel 1984 da Vito Russo, “Lo schermo velato”, trasposto nel 1995 in un documentario diretto da Rob Epstein e Jeffrey Friedman (The Celluloid Closet, Francia/Gran Bretagna/Germania/USA). Nel suo libro, Russo racconta come le persone lesbiche, gay, bisessuali e trans venissero rappresentate nel cinema americano e straniero del passato. Una rappresentazione caricaturale, ricca di sottintesi e stereotipi che puntava a consolidare pregiudizi e a giustificare discriminazioni. A più di trent’anni dalla pubblicazione di quel libro, il nostro schermo è invece “svelato”, perché le persone Lgbti+ possono ora essere rappresentate senza sovrastrutture e condizionamenti, in tutta la loro banalissima complessità.

I tre film in calendario, tutti premiatissimi, inediti oppure usciti al cinema negli ultimi anni, raccontano questo universo da punti di vista differenti.

Si affronta il tema – attualissimo – delle teorie riparative in “La diseducazione di Cameron Post” (in calendario martedì prossimo, 19 marzo), firmato dalla regista americana di origine iraniana Desiree Akhavan. Protagonista è una ragazza lesbica che viene inviata in un centro cristiano di ‘rieducazione’. Cameron, ribelle per natura, non rinnegherà mai quello che è e troverà il modo di riaffermare la propria identità. Il film, basato sul best seller omonimo di Emily Danforth, si è aggiudicato il Gran Premio della Giuria al Festival di Sundance.

Arriva dal Sundance Festival anche il secondo film in programma, “La terra di Dio”, martedì 9 aprile. Ambientato fra le nebbie dello Yorkshire, la pellicola, opera prima del regista Francis Lee, racconta la ruvida educazione sentimentale di un giovane agricoltore che non ha mai imparato a sorridere. In questo caso, però, il nemico non è l’omofobia esterna, ma l’incapacità del protagonista gay di vivere serenamente la propria affettività.

Acclamatissimo dalla critica anche l’ultimo film in calendario, “We the animals” di Jeremiah Zagar, che noi proietteremo il 14 maggio in anteprima rispetto all’uscita nazionale. La storia, delicata e struggente, è quella di tre giovanissimi fratelli che vivono in una zona arretrata degli Stati Uniti. La loro famiglia non è delle più semplici, con i genitori in costante equilibrio precario, a tratti affettuosi, a tratti lontani e distaccati. Crescendo il più piccolo dei tre fratelli, Jonah, capisce di dover seguire un proprio percorso, lontano dall’ideale mascolino incarnato dal padre.
La proiezione rientra nel calendario di “Liberi e Libere di essere”, la rassegna di eventi che proporremo a maggio in occasione della Giornata internazionale per la lotta all’omo-bi-transfobia.

Tutti e tre i film sono proiettati al Cinema Astra di Trento alle ore 21.00. Il biglietto unico di 6,50 euro contribuisce a finanziare le attività della nostra associazione. È possibile prenotate i biglietti online su www.cinemaastratrento.it, oppure telefonando allo 0461 829002 dopo le 19.30. Durante le proiezioni sarà presente un tavolo con materiale delle associazioni che organizzano la rassegna.

 

Lo schermo svelato_locandina A3