Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

lettera aperta a walter kaswalder