POLITICA: IL COMMENTO DI KASWALDER DOPO L’ESPULSIONE DAL PATT

Kaswalder, il Collegio dei probiviri del Patt ha confermato l’espulsione…
Confermo. Stamattina mi è stato notificato il provvedimento del Collegio dei Probiviri il quale ha ribadito la sentenza di primo grado. Quindi dopo oltre 43 anni mi hanno cacciato…

Il commento a caldo?
Diciamo che oggi si compie il percorso di modificazione genetica del Partito autonomista trentino tirolese, iniziato il 27 febbraio 2016 quando il presidente Rossi pose il suo ultimatum alla gente del Patt dicendo che se non fosse stato votato Panizza lui se ne sarebbe andato. Da oggi il Patt è ufficialmente senza la sua anima pruneriana. Oggi il partito autonomista è altro, è un Patt Ogm, geneticamente modificato.

E’ stata una decisione sofferta dagli organi del partito?
Rossi, Panizza e Dallapiccola, per motivi diversi , mi volevano fuori e gli organi hanno eseguito il loro ordine.

Rimpianti?
No, direi che oggi io non ho più niente a che fare con i vertici di questo partito; la base , invece, la sento molto vicina e sono pronto a combattere per i principii dell’autonomismo. Non sono io che ho votato provvedimenti anti autonomisti. Io ho la coscienza pulita e rifarei tutto quello che ho fatto. A tutti i miei ex amici dico: arrivederci al 2018…

 

 

 

 

 

Foto: archivio Consiglio Pat