VERGNANO * VIA DEL GARDA A ROVERETO: CRONACA DI UN CENTRO COMMERCIALE ANNUNCIATO

Via del Garda: cronaca di un centro commerciale annunciato. Ancora una volta avevo ragione. Ancora una volta devo dire alla popolazione roveretana che l’avevo detto in Consiglio, in Commissione, alla stampa.

Via del Garda é diventata il centro commerciale diffuso di Rovereto.

Multinazionali e grande distribuzione, spesso non trentina. Hanno trovato, in quel luogo, il superamento delle barriere legislative falsamente messe in pratica dalla Pat.

Olivi annuncia misure contro i centri commerciali e le amministrazioni del Pd agevolano la trasformazione di capannoni industriali in aree commerciali. E i civici dietro…

Inutile che i loro esponenti postino sui social media le sagre delle circoscrizioni e gli allarmi per i negozi chiusi.

Sono le scelte politiche che aiutano o distruggono un tessuto commerciale cittadino. Le scelte dei civici sono tutte a favore della grande distribuzione.

Certo, la risposta sarà la pubblicazione dei finanziamenti a Rovereto in Centro e amenità varie come le vetrine pubblicitarie, in condizioni pietose per altro.

Ma poche centinaia di migliaia di euro per foraggiare associazioni che portano dubbi risultati sul territorio, non compensano minimamente la politica comunale che da 10 anni (ovvero trasversalmente) indica come Via del Garda debba diventare un centro commerciale a cielo aperto.

Una delle prime azioni di Valduga fu, infatti, dare seguito al progetto di trasformazione del centro ingrosso Orvea in IperOrvea.

Questa è stata la pietra miliare che serviva a definire tutta la via come alternativa commerciale al centro storico.

Chiaramente un bel risultato per i proprietari di capannoni, ma un chiaro depauperamento della capacità produttiva della nostra area industriale e una contemporanea depressione del centro storico.

Una scelta, non voluta dai cittadini, anzi in contrasto con le parole della campagna elettorale di Pd e civici, ma perpetrata da entrambi.

Ora leggere le vesti stracciate di chi volle tutto questo fa ridere, se non piangere.

Il risultato? L’area industriale compromessa, il centro storico distrutto.

Per i due schieramenti in Consiglio Rovereto dovrà diventare un feudo della grande distribuzione.

Eravamo il centro industriale trentino, diventeremo preda della distribuzione organizzata.

 

*

Paolo Vergnano
Movimento 5 Stelle Rovereto