UIL FPL SANITÀ – NURSING UP TRENTO * CONTRATTO SANITÀ: ” IN ASSENZA DI POSITIVO RISCONTRO VALUTEREMO LE AZIONI DA ADOTTARE CON I LAVORATORI ENTRO LA FINE DELLA SETTIMANA PROSSIMA “

Nell’incontro odierno tenutosi in Apran le Oo.ss. Uil Fpl sanità e Nursing Up hanno posto per l’ennesima volta all’attenzione dell’Apran la necessità urgente di sottoscrivere un accordo per l’erogazione dei 5 milioni tramite una tantum e dell’ulteriore fascia per chi ha maturato 40 anni.

Per tutta risposta il Presidente Apran si è rifiutato di prendere in benché minima considerazione la nostra proposta, che ha trovato il consenso della maggioranza sindacale utile a firmare qualsiasi accordo legalmente valido. Tale atteggiamento dell’Apran appare specioso ed irrispettoso nei nostri confronti, anche a fronte di ben mille firme presentate dalla Uil sanità e raccolte tra di lavoratori in appoggio alla nostra proposta di accordo.

Riteniamo ulteriormente grave che il Presidente Apran dopo circa un’ora di trattativa abbia strumentalmente ed unilateralmente interrotto e chiuso la riunione pur di non addivenire con noi ad un accordo finalizzato a erogare da subito i soldi ai lavoratori.

A questo punto, appurata l’indisponibilità del Presidente Apran, così come già avvenuto anche nelle precedenti due riunioni, ci chiediamo se tale ingiustificabile atteggiamento sia frutto di un condizionamento esercitato dai suoi stessi referenti istituzionali nelle persone del Presidente della Giunta Ugo Rossi e dell’Assessore alla salute Luca Zeni, ai quali chiediamo un loro intervento risolutivo.

In assenza di positivo riscontro le scriventi Oo.ss. valuteranno le azioni più opportune da adottare con i lavoratori entro la fine della settimana prossima.

 

*
Giuseppe Varagone

Seg. Prov.le Uil Fpl sanità

 

Cesare Hoffer

Coordinatore Nursing Up Trento