STRADA DEL VINO E DEI SAPORI DEL TRENTINO * A MEZZOCORONA IL TEROLDEGO È PROTAGONISTA CON SETTEMBRE ROTALIANO: IL VIA VENERDÌ 31 AGOSTO

Si è svolta stamattina, presso Palazzo Roccabruna-Enoteca Provinciale del Trentino, la conferenza stampa di Settembre Rotaliano-Alla scoperta del Teroldego, kermesse organizzata dalla Pro Loco di Mezzocorona con il supporto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito del coordinamento delle manifestazioni enologiche provinciali, denominate #trentinowinefest.

A presentare l’evento, che da venerdì 31 a domenica 2 settembre a Mezzocorona celebrerà il Teroldego Rotaliano e il territorio della Piana Rotaliana, Ingrid Permer, Presidente della Pro Loco di Mezzocorona, Matteo Zandonai, Vicesindaco di Mezzocorona, Ermanno Villotti, Presidente della Cassa Rurale Lavis Mezzocorona Valle di Cembra, Francesco Antoniolli, Presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, e Francesco Anderlini, Direttore del Consorzio Turistico Piana Rotaliana-Königsberg.

“Quest’anno – ha raccontato Ingrid Permer – la manifestazione per noi assume un significato ancora più importante perché come Pro Loco festeggiamo i nostri primi 60 anni di attività e Settembre Rotaliano rappresenta certamente uno dei nostri eventi più impegnativi e più attesi. Una imponente macchina organizzativa che riusciamo a mettere in moto grazie al contributo dei partner e delle istituzioni ma anche e soprattutto grazie al lavoro e all’impegno di oltre 400 volontari, non solo durante la tre giorni di manifestazione ma anche da diversi mesi prima rispetto al suo svolgimento”.

L’appuntamento, come da tradizione, si snoderà tra la corte e le sale dell’elegante Palazzo Conti Martini, cornice per la XXVIII edizione della mostra “Alla scoperta del Teroldego”, e le vie del centro città, dove verranno allestiti 16 punti gastronomici con le più svariate proposte culinarie, dalla carne grigliata al gelato al Teroldego, dagli strangolapreti alla trentina alla Carne Salada, tutte in rigoroso abbinamento al Teroldego Rotaliano DOC, con diverse etichette a disposizione in ogni stand al fine di offrire una panoramica più vasta possibile agli ospiti, ma anche a Trentodoc e a birre artigianali.

Saranno, in particolare, 33 i Teroldego Rotaliano in degustazione presso il wine bar, allestito nell’elegante corte di Palazzo Conti Martini e a cura dei sommelier Michele Girelli e Stefano Pooli, messi a disposizione da 20 produttori del territorio. A queste si affiancheranno 12 grappe di Teroldego proposte da 7 distillerie, che verranno proposte sia in purezza sia, nel caso di quelle di Distillerie Trentine e Distilleria Bertagnolli, miscelate in inediti cocktail studiati e preparati dalla maestria del barman Leonardo Veronesi che realizzerà anche una proposta analcolica a base di Vinato, succo di vino analcolico.

Ma, come ogni anno, vi saranno anche altre opportunità di approfondimento legate al mondo vino. Tre, in particolare, gli incontri tecnici. Il primo, a posti limitati, venerdì 31 agosto alle ore 20.30 presso Palazzo Conti Martini, con Onav-Sezione di Trento, dal titolo Teroldego l’eclettico, per raccontare le diverse modalità di vinificazione e le possibili interpretazioni di questo tipo di vitigno attraverso la degustazione di 8 vini Teroldego Rotaliano Doc.

Il secondo, intitolato Il principe a spasso nel tempo e previsto nella stessa location per sabato 1 settembre alle ore 17.00, sarà invece più teorico, con il sommelier Riccardo Anelli che offrirà una panoramica sul vitigno e il territorio, affiancando poi i partecipanti nel corso di alcune degustazioni con i produttori, a partire dalle 18.00, nell’ambito di Produttori a palazzo. Il terzo, domenica alle 16:30, a cura dell’associazione TeRoldeGO Evolution e condotto da Gianni Pasolini, dal titolo L’annata 2009 in Piana Rotaliana, che prevede la degustazione di 9 etichette di Teroldego.

E ancora, sabato 1 settembre, alle 14.30, la Tonda ai Piovi, biciclettata tra i vigneti aperta ad adulti e bambini e domenica 2 settembre, alle 16.00 e alle 17.30, Persorso Divino, itinerario sensoriale in vigneto, a cura di Miscele D’Aria Factory, dove i partecipanti saranno dotati di radiocuffie per l’ascolto di una storia legata al mondo del Teroldego.

“L’ottima organizzazione e le tante proposte di qualità legate al mondo del vino – ha dichiarato Francesco Antoniolli – hanno concorso a trasformare questo evento in un vero e proprio strumento promozionale che va a contribuire allo sviluppo del turismo locale. Oltre a supportare la manifestazione anche in termini di comunicazione, abbiamo voluto affiancare anche quest’anno il nostro calendario di iniziative ‘A tutto Teroldego’, che coinvolge tutto il territorio provinciale con oltre 20 appuntamenti per più di 50 di aziende coinvolte”.

Ad arricchire ulteriormente il programma, come ogni anno, numerosi concerti, spettacoli itineranti, animazioni dedicate ai più piccoli, opportunità di assistere a performance di danza, di fare sport e di visitare mostre d’arte.

Due i palchi allestiti per i concerti: quello principale, dove si susseguiranno gruppi come i No Funk Revolution (venerdì sera), l’Orchestra Spettacolo Fabio Cozzani (sabato sera) e i Jack Trivella and the Brandinas seguiti da Anima Cover Band (domenica sera); e il secondo palco, dove si esibiranno i Passepartout e El Paso Twins. Danza e sport saranno invece protagonisti con l’esibizione dei Ritmo Misto e dei G.d.m, ma anche con l’associazione Wado Kai Karate di Mezzocorona.

L’arte sarà invece celebrata con la Mostra Terra di David Aaron Angeli dal titolo Il tempo di Gea, presso Palazzo Conti Martini, e con la mostra di pittura di Claudia Salvadori Pensieri nel vento, presso la Biblioteca, ma anche con la mostra di pitture di Ignazio Donati, presso il Circolo Anziani, con la mostra di sculture in legno di Gianfranco Pedron, presso la Canonica, e con l’esposizione fotografica a cura del Gruppo Fotografico Paganella, presso il Centro Firmian. Laboratori e iniziative per i più piccoli, infine, con Giocolandia, tra gonfiabili, ponti tibetani, go kart e trenino elettrico.

Plauso dal Vicesindaco Matteo Zandonai, che ha ribadito come Settembre Rotaliano sia una manifestazione che si è consolidata e arricchita nel tempo, andando a coinvolgere un pubblico sempre più ampio e andando quindi a soddisfare sempre più richieste. “Un lavoro – ha aggiunto – che supera i confini di Mezzocorona e del Trentino ed è motivo di orgoglio per l’intera comunità”.

“Anche dopo la fusione – ha commentato Ermanno Villotti – la Cassa Rurale prosegue nel suo sostegno a questo splendido evento. Del resto – ha aggiunto – i territori di Mezzocorona, Lavis e Valle di Cembra condividono un profondo legame con il mondo del vino. Un elemento distintivo che va assolutamente valorizzato attraverso iniziative come Settembre Rotaliano”.

Le celebrazioni per il Teroldego proseguiranno anche dopo il termine della kermesse, precisamente fino al 14 ottobre, grazie a VendemmiAmo, proposta organizzata dal Consorzio Piana Rotaliana Königsberg per consentire agli ospiti di vivere in prima persona l’esperienza della vendemmia a tutto tondo. “Un progetto – ha commentato Francesco Andelini – che portiamo avanti già da qualche anno e che ci sta dando sempre più soddisfazione anche grazie al coinvolgimento di altri attori come la Pro Loco di Mezzocorona, la Federazione delle Pro Loco e loro Consorzi e la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino”.