MUSE: LE STRATEGIE PER IL 2020

SOS Archivi al Civil Protect 2018

L’Associazione SOS Archivi parteciperà al Civil Protect 2018, l’innovativa fiera d’informazione e presentazione per tutti coloro che operano nei settori della prevenzione, del contrasto e della risoluzione di casi di crisi ed emergenza, che si terrà a Bolzano dal 23 al 25 marzo 2018.

Il Civil Protect rappresenta un’occasione importante per diffondere a un pubblico più ampio quella cultura della prevenzione che già fa parte del Dna di coloro che quotidianamente lavorano o offrono le loro risorse nell’ambito della protezione e salvaguardia dell’uomo e dell’ambiente.

L’attenzione verso queste tematiche cresce sempre di più, soprattutto a seguito dei numerosi eventi catastrofali che hanno colpito diverse regioni del nostro Paese, eventi che non hanno risparmiato i beni architettonici e il loro prezioso contenuto, danni che hanno segnato il territorio e la sua memoria storica.

Salvare questa memoria significa salvare la cultura di una popolazione e di una collettività, un’esigenza crescente che è emersa fortemente negli ultimi anni, dopo essere stati testimoni della devastazione di interi borghi e città.

L’Alto Adige e le Province Autonome di Trento e Bolzano hanno dimostrato e dimostrano una competenza rilevante in questo settore, il Civil Protect è una conferma di questo costante impegno nell’informazione e nella condivisione di know-how tra esperti.

Per discutere delle problematiche e delle soluzioni legate alla salvaguardia dei beni culturali, SOS Archivi sabato 24 marzo (ore 10:00 – 16:30 – Sala Cevedale, Livello 0) terrà il workshop “La salvaguardia e la tutela dei beni culturali. Esperienze dentro e fuori i confini dell’Alto Adige”.

Dopo i saluti istituzionali di Massimo Cruciotti (Presidente di SOS Archivi), Rudolf Pollinger (Direttore Agenzia per la Protezione Civile della Provincia di Bolzano), Karin Dalla Torre (Direttrice Musei Provinciali Alto Adige) e Giovanna Giubbini (Direttore della Soprintendenza archivistica e bibliografica del Veneto e del Trentino Alto Adige), si proseguirà, con la moderazione di Cristina Ferretti (Direttrice di QUI MEDIA), con gli interventi di Tiziana Maffei (Presidente ICOM Italia), Giovanna Fogliardi (Funzionario SA Sede di Trento), Christine Roilo (Direttrice Archivio Provinciale Bolzano), Ernst Pryer (Ex Comandante VVFF di Bolzano), Andrea Battagin (RSPP Musei provinciali Altoatesini), Anna Kaiser (Donau-Universität Krems), Stefano Bergonzini (NATO Stability Policing Subject Matter Expert), Stefano Allegrezza (Università degli Studi di Bologna), Vanni Resta (Responsabile delle Attività di Comunicazione del Progetto STORM), Rosmarie DeWit (Zentralanstalt für Meteorologie und Geodynamik),

Alberto Savoi (Product Manager Extinguishing Siemens) e Hellen Pittino (Restauratrice dei Beni Culturali, Prodoc Srl).

Nel pomeriggio, verrà effettuata una dimostrazione pratica di salvataggio di beni librari ed archivistici a seguito di allagamento, condotta dalle Restauratrici Hellen Pittino e Valeria Arena, con il supporto del Nucleo di Protezione Civile di Lomazzo (CO), coordinato da Gianluca Sala.

Il convegno costituirà infine l’occasione anche per la presentazione del progetto di restauro, digitalizzazione e valorizzazione del fondo fotografico Antonio Beato del Touring Club Italiano. Il progetto è stato supportato e promosso da SOS Archivi e vedrà il suo compimento a maggio 2018, quando le 48 foto restaurate verranno esposte al Castello Sforzesco di Milano in una mostra dal titolo “Viaggio In Egitto. Le fotografie di Antonio Beato nell’Archivio del Touring Club Italiano”.

L’evento è patrocinato da: Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, Città di Bolzano, Protezione Civile Provincia Autonoma di Bolzano, STORM, Ordine degli Architetti della Provincia di Bolzano e sponsorizzato da: Edam Srl, Prodoc Srl, Siemens e 3M.

 

*

Chi è SOS Archivi

L’Associazione no profit SOS Archivi nasce per promuovere la prevenzione delle situazioni accidentali che possono danneggiare gli archivi documentali e le biblioteche e per offrire, in caso di necessità, immediato intervento specialistico in situazioni di emergenza.

Riunendo i professionisti dei beni culturali e presentandosi come punto di incontro tra il settore pubblico e privato, l’Associazione desidera diffondere una cultura operativa finalizzata alla corretta tutela e valorizzazione del ricco patrimonio culturale italiano.

SOS Archivi si occupa principalmente di aumentare la consapevolezza del rischio negli archivi e nelle biblioteche, nelle aziende pubbliche e private, anche attraverso l’adozione di metodologie e strumenti di prevenzione condivisi, in particolare nelle fasi di pre e post evento dannoso o calamitoso. Tra gli obiettivi, quello di formulare nuove proposte e recepire quelle attuali, diffondendo particolari misure di prevenzione mirate ad una corretta gestione delle emergenze in coordinamento con le principali istituzioni e quello di promuovere, sviluppare attività informative e di comunicazione dedicate agli operatori del settore.

Dato l’elevato rischio idrogeologico a cui è soggetto il nostro Paese, con il coinvolgimento di enti italiani ed internazionali nell’ambito della salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali, l’Associazione organizza tavole rotonde, workshop teorici e pratici e campagne di divulgazione che sensibilizzino sull’importante tema della prevenzione, soprattutto dai danni causati da eventi naturali.

Dal 2015, SOS Archivi ha istituito un Comitato Tecnico Scientifico per la valutazione di progetti di recupero e tutela di archivi e biblioteche, favorendo e organizzando iniziative mirate alla raccolta di finanziamenti e donazioni volti alla loro realizzazione.