PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Giornata dell'Autonomia (5/9/2019)

- video Tv integrale -

Il Sindacato e l’Ordine dei giornalisti del Trentino Alto Adige condannano duramente le affermazioni della consigliera provinciale di Trento Mara Dalzocchio della Lega sul giornalista di Repubblica Stefano Origone – secondo la medesima consigliera- sarebbe stato oggetto di percosse da parte della Polizia- in quanto se la sarebbe cercata (anche se l’espressione usata è di certo meno civile). Egli, per contro, è stato selvaggiamente manganellato due giorni fa a Genova per fare solo il proprio lavoro: documentare le manifestazioni di Casa Pound e degli antagonisti. Tanto è vero che ha già ricevuto le scuse ufficiali del Questore di Genova e numerose altre solidarietà dalle massime autorità dello Stato.

Con il suo linguaggio, che si commenta da solo, la consigliera Dalzocchio non fa altro che fomentare un clima di odio. Ricordiamo alla consigliera Dalzocchio che Sindacato e Ordine dei giornalisti hanno siglato con la PAT un protocollo contro la diffusione del linguaggio di odio nelle scuole trentine che lei continua ad alimentare.
Stefano Origone e con lui tutti i giornalisti della regione ed italiani continueranno a seguire in tutti i luoghi manifestazioni e qualsiasi altro tipo di evento per correttamente informare i cittadini.

Chiediamo al presidente del Consiglio Provinciale Walter Kaswalder e al Presidente della Giunta Maurizio Fugatti di censurare le affermazioni della consigliera Dalzocchio che rappresenta non solo una parte politica, ma tutto il popolo Trentino.
Il segretario del sindacato giornalisti Rocco Cerone

 

*
Il presidente ODG Mauro Keller