SAP – SINDACATO AUTONOMO POLIZIA * EXTRACOMUNITARIO MOLESTIA POLIZIOTTA IN SERVIZIO: PAOLONI, « SCARCERATO DAL GIUDICE POICHÉ HA RITENUTO IL FATTO DI LIEVE ENTITÀ »

Palpa il seno a una poliziotta e si masturba. Per il giudice il fatto è lieve. Scarcerato. Paoloni (Sap): «Inconcepibile»

Vagava nei pressi della stazione di Reggio Emilia quando è stato fermato e condotto negli uffici della Polfer per accertamenti di rito. Lì, un 28enne extracomunitario ha dato in escandescenze e, dopo aver palpato il seno di una poliziotta in servizio, ha iniziato a compiere atti di autoerotismo davanti a lei.

«Alla collega giunge tutta la nostra solidarietà. Gesti di pura inciviltà e degrado da parte di soggetti irrispettosi innanzitutto delle donne e dopo delle istituzioni. Lo straniero è stato immediatamente arrestato dai colleghi con l’accusa di violenza sessuale in attesa della convalida da parte dell’Autorità Giudiziaria».
A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

«Nonostante l’accusa gravissima e la presenza di una donna poliziotto oggetto di molestie – prosegue Paoloni -, il soggetto è stato immediatamente rilasciato, poiché il giudice ha ritenuto il fatto di lieve entità. Può la violenza sessuale essere di lieve entità? Inconcepibile. Rilasciare chi compie tali atti, significa legittimarlo a continuare. Probabilmente – conclude Paoloni –, domani la prossima vittima sarà la figlia, o la moglie di qualcun altro».