RAI 5 * ‘ SAVE THE DATE ‘: OSPITE DELLA TRASMISSIONE FRANCESCO GUCCINI

“A me piace Rossini, anche Verdi e anche Puccini che forse è il più moderno di questi e molte cose le ho nelle orecchie. Però è un genere particolare di musica.

Bellissima, importantissima, ma così diversa da quella che abbiamo praticato noi…”. Così Francesco Guccini – ospite di “Save the date”, il programma di Rai Cultura in onda venerdì 19 ottobre alle 23.20 su Rai5 – parla dell’opera lirica, introducendo gli appuntamenti della settimana culturale italiana che parte proprio da un’opera: la “Semiramide” di Gioachino Rossini, al Teatro La Fenice di Venezia. Un allestimento su cui si soffermano il direttore d’orchestra Riccardo Frizza, la regista Cecilia Ligorio e il soprano Jessica Pratt.

Guccini presenta, inoltre, il libro “Canzoni”, una riflessione sui testi delle sue canzoni riletti dalla filologa e studiosa di letteratura italiana del Novecento Gabriella Fenocchio. “Un bellissimo lavoro – commenta Guccini – in cui io nulla c’entro, se non per aver fornito la materia grezza, cioè le canzoni”.

In primo piano anche la mostra “Marina Abramović. The Cleaner” a Palazzo Strozzi di Firenze: a “Save the Date”, la grande artista icona della performance art e il curatore Arturo Galansino.

Per la rubrica Update arte, le mostre “Tiziano/Gerhard Richter. Il Cielo sulla Terra”, fino al 6 gennaio a Palazzo Te di Mantova; “Pendulum. Merci e Persone in Movimento”, fino al 13 gennaio alla Fondazione Mast di Bologna e “Il Giovane Tintoretto” fino al 6 gennaio a Venezia, Gallerie Dell’Accademia.
Per il teatro di prosa, protagonista “Arlecchino servitore di due padroni” per la regia di Valerio Binasco, con Natalino Balasso, Michele Di Mauro e Elena Gigliotti. Obiettivo anche sullo spettacolo “Novecento” di Alessandro Baricco per la regia di Gabriele Vacis.

È in corso fino al 4 novembre a Milano il “Danae Festival”, giunto alla ventesima edizione, uno stimolo a guardare alla città con occhi differenti, tra spazi urbani e non, centrali e periferici, antichi palazzi e di luoghi industriali. Ne parlano i direttori artistici Alessandra De Santis e Attilio Nicoli Cristiani.
A “Save the Date” anche alcuni luoghi del Fai sconosciuti ai più o aperti al pubblico solo per brevi periodi: è il caso del Cantiere del Teatro Lirico a Milano, che quest’anno compare tra i Luoghi del Cuore FAI nel censimento dei luoghi italiani da non dimenticare, spiegato da due giovani volontari: Nicola La Manna e Francesco Elli.