RAI 3 * ‘ PRIMA DELL’ALBA ‘: IL PROGRAMMA CONDOTTO DA SALVO SOTTILE SI OCCUPERÀ DI STORIE AVVINCENTI, DISPERATE E BORDER-LINE

Alla scoperta del popolo della notte, in un viaggio che attraversa il nostro paese e che termina, sempre, prima dell’alba. Storie avvincenti, storie disperate, storie border-line. C’è chi lavora per scelta o per necessità, chi si diverte, chi si riunisce in vere e proprie tribù urbane e chi svolge attività che di giorno non sono possibili. Sono le storie di “prima dell’alba”, il programma condotto da Salvo Sottile, in onda domani, sabato 23 giugno, alle 23.55 su Rai3.

La notte comincia in Laguna a Venezia, dove tutto si muove sull’acqua, anche i frequentatori del Casinò e i medici delle idroambulanze; si sposta poi a Firenze, al museo più visitato d’Italia, la Galleria degli Uffizi, che di notte offre intatta la sua rinascimentale bellezza, fino al racconto di notti violente e di casi finiti al centro della cronaca.

Sottile in particolare si sofferma sulla storia del vigilante notturno Francesco Della Corte, ucciso a bastonate da un gruppo di tre minorenni durante il lavoro alla metropolitana di Piscinola a Napoli. Per cercare di far luce su quel brutale omicidio e sul fenomeno delle cosiddette baby gang, Salvo Sottile incontra poi i figli della vittima e le madri di due ragazzi accoltellati da alcune di queste bande di minorenni.

In chiusura l’incontro con Beatrice Gigliuto, un insegnante di Shibari, ovvero l’arte di legare e sospendere con delle corde il proprio partner. Un momento fuori dal comune che costringe il giornalista alla sua prima intervista a testa in giù.