PROVINCIA AUTONOMA TRENTO – GIUNTA * ZAPPINI: ” DECISA OGGI LA SOSPENSIONE OBBLIGATORIA, IL PRIMO PENSIERO È DI DISPIACERE E DI VICINANZA SOTTO IL PROFILO UMANO “

Zappini: decisa oggi la sospensione obbligatoria. “Il primo pensiero è di dispiacere e di vicinanza sotto il profilo umano”.

Lo afferma, anche a nome della Giunta provinciale, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi ricordando che la privazione della libertà personale è una esperienza estremamente pesante per qualsiasi persona e che da ciò discende un sentimento di vicinanza umana.

“Le regole – aggiunge il governatore del Trentino – devono essere osservate da tutti e va da sé che, qualora dovessero essere confermati in giudicato gli elementi contestati, saranno assunti i provvedimenti che la legge indica per questi casi”.

“Non entriamo ovviamente nel merito, nel pieno rispetto dell’operato degli inquirenti – aggiunge Rossi – ai quali abbiamo rinnovato, come detto fin da subito, la piena disponibilità dell’Amministrazione nel fornire tutte le informazioni necessarie a completare le indagini in corso”.

Nel frattempo, la Provincia appreso oggi dell’avvenuta adozione, in data 4 aprile 2018, di una misura cautelare restrittiva della libertà personale a carico della dottoressa Luisa Zappini, attualmente in comando presso l’amministrazione provinciale, darà immediata applicazione, quale atto dovuto – acquisito il parere dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, datore di lavoro della stessa – a quanto previsto dal contratto collettivo della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa.

Nello specifico è previsto che in tale evenienza si provveda alla sospensione obbligatoria dal servizio del dipendente con la corresponsione di una indennità alimentare pari al 50% dello stipendio.

Ciò per la durata della misura cautelare, cessata la quale l’Amministrazione si riserva di valutare l’eventuale prolungamento della sospensione dal servizio.