PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO: BUON COMPLEANNO “LILT”, DA SESSANT’ANNI ACCANTO ALLA COMUNITÀ TRENTINA

Buon compleanno Lilt, da sessant’anni accanto alla comunità trentina. Una giornata da condividere con la comunità trentina ricordando quanto fatto fino ad oggi e pensando agli obiettivi futuri grazie all’aiuto di tanti volontari, amici e sostenitori.

 

Questo l’obiettivo dell’evento di oggi organizzato dalla sezione provinciale di Trento della Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, per celebrare i primi sessant’anni di attività. In programma, al Teatro sociale a Trento, un ricco programma con i saluti istituzionali, gli interventi di esperti ed uno spettacolo musicale.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, per festeggiare questo importante traguardo, ha voluto ricordare quanto sia stata, è e quanto sarà importante l’attività di Lilt per il Trentino e come essa porti avanti valori aggiunti quali un’attenzione particolare nei confronti di chi ha bisogno, un servizio di prevenzione continua e la garanzia di applicazione del rigore scientifico.

Per sostenere l’attività dell’associazione la Giunta provinciale delibererà, nella prossima seduta, un contributo per l’acquisto e la ristrutturazione della nuova sede. Infine il presidente ha ricordato il valore del volontariato e quanto esso sia radicato nella comunità: il Trentino è infatti al vertice delle classifiche per ore dedicate ad aiutare il prossimo.

Dal 1958 in Trentino la Lilt, attraverso i propri volontari, si occupa di prevenzione, diagnosi precoce, assistenza, riabilitazione psico-fisica e contributi alla ricerca. Al centro dell’attività non c’è solo l’aiuto degli ammalati oncologici e alle loro famiglie ma anche la tutela della salute dell’intera comunità.

La giornata di oggi è stata appunto organizzata per ricordare quanto fatto in questi primi sessant’anni di presenza sul territorio trentino.

I festeggiamenti hanno avuto inizio con il benvenuto del presidente della sezione Lilt di Trento ed i saluti istituzionali del presidente della Provincia autonoma di Trento, l’assessore provinciale alla salute e politiche sociali, il sottosegretario alla salute, il direttore generale dell’Apss e l’assessora alle politiche sociali del Comune di Trento.