POLIZIA LOCALE DI TRENTO * MULTATO BOSNIACO CON 5.829 EURO PER ALTERAZIONE DEL TACHIGRAFO DI UN AUTOARTICOLATO

5.829 euro di multa per alterazione del tachigrafo di un auto-articolato e violazione delle direttive anti-inquinamento.

Gli agenti della Polizia Locale di Trento-Monte Bondone, nel corso dei normali controlli di polizia stradale hanno fermato, sulla Provinciale 235 all’altezza dello svincolo della SS47, un mezzo autoarticolato condotto da un uomo di nazionalità bosniaca.

Dopo aver esaminato la patente di guida del conducente ed i documenti del mezzo, gli stessi agenti hanno proseguito l’attività di controllo sul tachigrafo ed hanno subito riscontrato delle anomalie.

L’autoarticolato è stato quindi scortato presso un centro tecnico autorizzato per la diagnostica del software del tachigrafo. Il controllo ha confermato, quanto peraltro accertato con professionalità da parte del personale della Polizia Locale, che lo strumento era stato alterato con il posizionamento di un magnete che interferiva con il normale funzionamento dell’apparecchio. Si è configurata una prima violazione del l’articolo 179 del Codice della Strada che prevede una sanzione di 1.699 euro e la sospensione della patente da 15 giorni a 3 mesi.

A seguito di ulteriori accertamenti tecnici emergeva inoltre una manomissione di sensore che portava una riduzione significativa delle emissioni di ossidi di azoto e il superamento dei valori al limite imposto dalla Direttiva Euro sull’inquinamento. Tale manomissione ha previsto il contesto della violazione di cui all’articolo 46 della Legge n° 298/1974, con una sanzione pecuniaria pari a €. 4.130 e l’applicazione del fermo del veicolo per 3 mesi.