PAT * OPEN 2020: A TRENTO VENERDÌ 21 SETTEMBRE IL CONVEGNO ORGANIZZATO DA TSM SUL TURISMO ACCESSIBILE IN MONTAGNA

Open 2020: il turismo accessibile in montagna. Venerdì 21 settembre a Trento il convegno organizzato da Tsm.

Si terrà venerdì 21 settembre a Trento, presso la sala della Federazione Trentina della Cooperazione, in via Giovanni Segantini 10, il convegno “Open 2020-Il turismo accessibile in Montagna” organizzato da Tsm/Area accademia della Montagna del Trentino.Obiettivo, fare il punto sull’accessibilità della montagna alle persone disabili e diffondere conoscenza sul turismo accessibile presentando progetti, esperienze e buone pratiche provinciali, nazionali ed europee.

Nel 2012 la Giunta provinciale approvava le Linee Guida per il Turismo accessibile, inerenti alla definizione, promozione e diffusione dei marchi Open Open Area e Open Event. Nasceva cosi il primo marchio istituzionale che certifica la qualità dell’accessibilità territoriale alle persone disabili.

Da allora il progetto Montagna Accessibile caratterizza l’attività di Accademia della Montagna, volta a creare una cultura diffusa dell’accessibilità anche con interventi concreti verso l’obiettivo di fare del Trentino una destinazione accessibile.

Il convegno farà il punto su questo percorso e informerà sui progetti e le esperienze e realizzate a livello locale, nazionali ed europee.
Il turismo accessibile coinvolge istituzioni e operatori di diversi settori che caratterizzano un territorio. Proporsi come destinazione turistica accessibile aumenta la competitività e ha risvolti interessanti sia in termini economici che sociali.

Per raggiungere questo risultato è necessario che un territorio nel suo insieme condivida gli obiettivi e si metta in moto per creare una destinazione per tutti, dove tutti possano vedere soddisfatta la loro motivazione di vacanza, considerando anche che il target turistico riferito alle persone con disabilità fisica sensoriale e intellettiva è in forte crescita.

La giornata sarà suddivisa in cinque sessioni:

 

*

TRENTINO, UN TERRITORIO IMPEGNATO PER LA QUALITA’ DELL’OFFERTA TURISTICA ACCESSIBILE
Tsm/Accademia della Montagna persegue gli obiettivi sopra esposti con il progetto “La Montagna Accessibile”: durante l’intervento sarà spiegato il progetto e i marchi di accessibilità “Open”.

 

*

SODDISFARE LA DOMANDA DI TURISMO ACCESSIBILE IN MONTAGNA
Per comprendere le potenzialità di mercato del turismo accessibile si analizzerà la domanda di turismo accessibile europea e nazionale.
La metodologia del Customer Journey caratterizzerà l’analisi dell’offerta turistica accessibile e si tratta di percorrere e approfondire le tappe del turista disabile: la motivazione della vacanza, Il reperimento delle informazioni e la prenotazione della vacanza, il viaggio del turista disabile, le strutture ricettive accessibili, gli eventi e attività outdoor sul luogo di vacanza.

Saranno presentati casi studio provinciali e nazionali a partire dall’Autostrada del Brennero con la realizzazione del modello di stazione autostradale accessibile.

 

*

POLITICHE E BUONE PRATICHE EUROPEE PER IL TURISMO RIVOLTO ALLE PERSONE CON DISABILITA’
Proporre una vacanza di qualità accessibile a tutti è un obiettivo perseguito anche a livello europeo. Verranno presentate le politiche e le buone prassi adottate dall’ Unione Europea.

 

*

ACCEDERE AL SUBLIME – LA MONTAGNA COME OPPORTUNITA’ DI CONNESSIONE SOCIALE
La vacanza accessibile in montagna è possibile e non semplicemente un’opportunità di business ma garantire il diritto di tutti di poterne usufruire. La Provincia di Trento e la Fondazione Dolomiti Unesco si sono poste come obiettivo l’accessibilità per diventare luoghi di connessione sociale.

 

*

CITTA’ E TERRITORI – PROGETTARE ACCESSIBILE
Con INU “Città Accessibili a tutti – Progetto Paese Inu” ci si occuperà di individuare politiche e strategie condivise a carattere nazionale e locale finalizzato all’individuazione di soluzioni e indirizzi per il miglioramento della qualità dell’accessibilità delle città italiane.
Il progettare accessibile, anziché agire ex post, e l’importanza della cultura, della conoscenza e della formazione in merito all’accessibilità risultano di centrale importanza, come lo dimostra l’Università di Trento e la società Architutti.

Il convegno si rivolge a persone disabili, amministratori, tecnici, geometri, architetti e ingegneri, studenti e operatori turistici, universitari, associazioni di categoria, associazioni sociali, professionisti della montagna (guide alpine, maestri di sci, accompagnatori di media montagna, guide turistiche), direttori di musei e di strutture culturali e sportive.

La partecipazione al convegno comporta il riconoscimento di 7 crediti formativi professionali ai professionisti regolarmente iscritti all’albo dell’Ordine degli Architetti Ppc della Provincia di Trento.