pat* “Italian Innovation Day 2017”: Appuntamento nella sede di Eit Digital a Povo il 28 novembre

Il futuro fa di nuovo tappa a Trento: città intelligenti e trasformazione digitale al centro dell’Italian Innovation Day 2017. Appuntamento il 28 novembre nella sede di Eit Digital a Povo.

Dai totem anti-inquinamento alle soluzioni di manutenzione predittiva per il settore manifatturiero. Dai sistemi anti-frode che monitorano le transazioni bancarie, ai progetti di piattaforme per la collaborazione uomo-robot in fabbrica. Torna anche quest’anno a Povo di Trento l’Italian Innovation Day, l’evento organizzato da Eit Digital in cui verranno mostrate una trentina di demo realizzate dai partner dell’organizzazione e fatto il punto sui risultati raggiunti.

Con un’importante novità: quest’anno parte della giornata verrà dedicata alla Digital Cities Challenge, competizione per scaleup provenienti da tutta Europa, con un montepremi di 100.000 euro, divisi equamente fra cash e servizi. Il Nodo di Trento è stato scelto per ospitare la finale di quest’importante concorso che vedrà gareggiare cinque fra le migliori imprese innovative del Continente impegnate a sviluppare soluzioni per le città intelligenti.

Da Trento a Barcellona, da New York a Parigi, le città cambiano e diventano più intelligenti grazie alla tecnologia. Ma quali caratteristiche fanno sì che una città si trasformi davvero in una “smart city”? E in che modo la trasformazione digitale può migliorare la vita dei cittadini?

Se ne parlerà il 28 novembre, a Povo di Trento, nella sede di Eit Digital, all’interno di una giornata tutta dedicata all’innovazione, all’insegna del motto “Discovering the future of cities”.

L’evento si articolerà in due sessioni distinte: la mattina sarà dedicata all’Italian Innovation Day (IID) 2017, nel corso del quale verrà fornita una panoramica sui recenti risultati di Eit Digital in Italia – l’organizzazione ha investito negli ultimi anni nell’ecosistema italiano dell’innovazione più di 68 milioni di finanziamenti europei – e tracciato un quadro delle prospettive future.

“L’Italian Innovation Day rappresenta per noi l’occasione per promuovere l’innovazione e la trasformazione digitale a livello nazionale, nonché per rinnovare il patto di collaborazione con i nostri partner italiani ed europei. Come Eit Digital, siamo impegnati nel contribuire allo sviluppo dell’ecosistema italiano dell’innovazione e crediamo che la nostra rete pan-europea possa svolgere un ruolo rilevante in tal senso – spiega il direttore del Nodo italiano, Gian Mario Maggio”.

Nel corso dell’evento, i partner italiani e stranieri di Eit Digital esporranno una trentina di demo di prodotti e servizi legati alla trasformazione digitale. Dai totem anti-inquinamento della scaleup italiana ISCLEANAIR, alle soluzioni di manutenzione predittiva di Reply per il settore manifatturiero. Dai sistemi anti-frode che monitorano le transazioni bancarie, ai progetti di piattaforme per la collaborazione uomo-robot in fabbrica.

La sessione sarà inoltre caratterizzata da un intervento di Daria Tataj, advisor del World Economic Forum, della European Space Agency e consulente di Carlos Moedas, commissario europeo alla Ricerca, Innovazione e Scienza, nonché membro esecutivo del Consiglio di fondazione dell’ Eit, e verrà chiusa da un panel di esperti di alto profilo sul tema Big Data as Smart Cities enabler.

Stéphane Pean, leader della linea d’azione sulle Digital Cities di Eit Digital, Laura Morgagni, segretario generale del cluster nazionale “Smart Communities Tech”, Lanfranco Marasso, direttore del programma Smart City di Engineering Ingegneria Informatica Spa, il responsabile dell’ufficio Smart City del Comune di Trento Giacomo Fioroni e Lorenzo Modena, fondatore e amministratore della startup OpenMove, dibatteranno di come un uso sapiente dei dati generati dalle attività economiche e dai cittadini possa aiutare le città a diventare veramente intelligenti.

Il tema delle città farà da filo conduttore anche alla sessione pomeridiana, che vedrà, fra l’altro, il keynote di Francesca Bria, Chief Technology e Digital Innovation Officer della città di Barcellona, che illustrerà come sia necessario ripensare totalmente il concetto di smart city per far sì che la tecnologia sia al servizio dei cittadini e non sia essa, al contrario, a dettare l’agenda. Tommaso Gecchelin, fondatore della startup Next Future Transportation spiegherà a seguire la propria visione di mobilità sostenibile basata sulla collaborazione fra una serie di veicoli modulari elettrici.

Seguiranno i pitch e la premiazione dei finalisti della Digital Cities Challenge, competizione per scaleup provenienti da tutta Europa, con un montepremi di 100.000 euro, divisi equamente fra cash e servizi.

Per il programma completo e per registrarsi all’evento, è possibile visitare la pagina web dedicata all’Italian Innovation Day 2017.