PAT * BOLLETTINO VALANGHE DELL’EUREGIO: PARTIRÀ CON LA PROSSIMA STAGIONE INVERNALE

Il bollettino valanghe dell’Euregio partirà con la prossima stagione invernale. Il bollettino valanghe dell’Euregio partirà con la prossima stagione invernale. La conferma arriva dalla firma, avvenuta oggi presso il palazzo della Provincia autonoma di Trento, di un protocollo d’intesa sul futuro di questo servizio transfrontaliero.

Il documento è stato firmato dall’assessore provinciale alla Protezione civile Tiziano Mellarini, per il Trentino, dal vicecapitano Josef Geisler, per il Tirolo, rappresentato oggi a Trento da Herbert Walter, direttore del dipartimento Protezione civile del Land Tirolo, e dall’assessore della Provincia autonoma di Bolzano Arnold Schuler.

“Questo progetto – ha detto l’assessore Mellarini – mette assieme competenza e tecnologia innovativa, per offrire un servizio di alta qualità agli appassionati che frequentano e vivono la montagna, in un ambito territoriale omogeneo come quello dei territori che compongono l’Euregio”.

Di un progetto innovativo e unico ha parlato anche l’assessore Schuler, che ha posto l’accento anche sull’importanza della cooperazione che ha portato a questo risultato e sul fatto che si realizzerà un prodotto trilingue.

Quest’inverno è stato fatto con successo dalla Provincia Autonoma di Trento il test del sistema di redazione tecnico. Non ci sono ostacoli dunque alla messa in funzione operativa nell’inverno 2018-2019 della “Previsione Pericolo Valanghe dell’Euregio”, nell’ambito del progetto Interreg Albina.

I bollettini valanghe o previsioni del pericolo valanghe esistenti delle tre Province cesseranno e saranno sostituiti dalla nuova previsione che sarà pubblicata ogni giorno nel tardo pomeriggio. I servizi competenti in materia di valanghe dei tre territori coinvolti continueranno a operare con responsabilità condivise.

Le valanghe, queste le premesse, rappresentano un pericolo costante per gli esseri umani che vivono, lavorano o cercano riposo e intrattenimento nell’ambiente naturale e abitativo dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Allo stesso tempo, i tre territori che costituiscono l’Euregio considerano la previsione comune del pericolo valanghe, giornaliera e plurilingue – in tedesco, italiano e inglese – un considerevole valore aggiunto per i servizi di protezione civile ma anche per l’ambito turistico.

L’obiettivo è quindi la creazione di un servizio al cittadino giornaliero e transfrontaliero che offra alla protezione civile, alla popolazione e ai turisti dell’intera Euregio un nuovo sistema informativo, della massima qualità e conforme agli standard europei più avanzati, per la previsione del pericolo valanghe. Inoltre, la cooperazione interregionale potrà inoltre diventare un punto di riferimento per l’intero arco alpino.

Con il passaggio a un’attività previsionale e operativa su scala euroregionale si rende necessario assicurare certezza nella programmazione di lungo periodo. Per questo è stato firmato il protocollo d’intesa. Il documento assicura il proseguimento della cooperazione anche dopo la fine del progetto Interreg Albina, prevista per la fine di luglio del 2019. La collaborazione tra i tre “servizi valanghe” è stabilita per una durata minima di 10 anni.

Il Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (Gect) dell’Euregio fornirà il supporto amministrativo.

Sulla base del protocollo d’intesa firmato oggi, i tre presidenti dei territori dell’Euregio faranno inserire la materia nel programma di lavoro del Gect.
A partire dall’inverno 2018 dunque, gli amanti degli sport invernali dell’Euregio potranno consultare la Previsione Pericolo Valanghe su un sito internet comune: avalanche.report (lawinen.report – valanghe.report).

Il prossimo ottobre si riunirà ad Innsbruck, nel cuore delle Alpi la più grande conferenza al mondo in tema di neve e valanghe (ISSW: issw2018.com). Circa 1.000 tra previsori, scienziati e operatori di questo settore si incontreranno per scambiarsi conoscenze ed esperienze. In quella occasione, il progetto sarà presentato.

 

*

Interreg Albina (La Dea bianca)
I servizi competenti in materia di valanghe dei territori dell’Euregio, il Gect e l’Università di Vienna hanno dato vita al progetto Interreg Albina(La Dea bianca) all’inizio del 2017, con l’obiettivo di mettere a disposizione dei cittadini una nuova piattaforma innovativa e transfrontaliera con informazioni su neve, valanghe e allerta.

“Come previsori valanghe avevamo questa idea da tempo – spiega Rudi Mair, direttore del Servizio Valanghe del Tirolo – Nel 2016, partendo dal Tirolo, siamo finalmente riusciti a mettere in moto questa idea e a lanciare il progetto”.

“Il nostro obiettivo è quello di mettere a disposizione dei cittadini il servizio pericolo valanghe più moderno al mondo, e di condividere anche a livello transfrontaliero il know-how accumulato”, dichiara il responsabile di progetto Christoph Mitterer.

“Abbiamo lavorato bene assieme – ha evidenziato Alberto Trenti di MeteoTrentino – e ora c’è molta soddisfazione per un progetto di eccellenza”.