PARTITO DEMOCRATICO DEL TRENTINO * “GRANDE SODDISFAZIONE PER L’APPROVAZIONE DELLA MANOVRA DI BILANCIO 2018-2020 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO”

A nome del Gruppo provinciale e del Partito Democratico del Trentino esprimiamo grande soddisfazione per l’approvazione della manovra di bilancio 2018-2020 della Provincia Autonoma di Trento.

Una manovra importante, non solo per i numeri ma anche per l’impatto che potrà avere sulle dinamiche socio-economiche del nostro territorio. E’ una manovra espansiva, che cerca di accompagnare con fiducia la fase di crescita che sta vivendo il Trentino.

Ma è anche e soprattutto una manovra che mette al centro l’obiettivo di coniugare la crescita economica con la crescita della coesione sociale, dando alla crescita maggiore qualità sotto il profilo sociale ed umano. Grande importanza assume in tal senso il finanziamento dell’assegno unico: siamo certi che con questo strumento il Trentino può fare un ulteriore balzo in avanti nella garanzia di livelli di coesione, inclusione e attivazione alti e al passo con i più avanzati sistemi di welfare europei.

Le molte risorse attivate, sia sotto forma di intervento diretto che di riduzione della pressione fiscale, garantiranno alla crescita una condizione più strutturale. Al contempo le molte risorse destinate al mondo del lavoro, alla famiglia, ai servizi pubblici, all’assistenza, alle politiche sociali, alla sanità, ai giovani, agli anziani, alla formazione, al diritto allo studio, allo sport e alla cultura garantiranno il mantenimento e l’innalzamento dei livelli di coesione ed inclusione sociale. In questa direzione va anche l’aver collegato, su nostro stimolo, gli interventi in favore dell’edilizia ai coefficienti Icef.

Oltre ai sette ordini del giorno presentati dal nostro Gruppo e tutti approvati, abbiamo inciso sulla formazione della manovra anche attraverso vari emendamenti, tutti approvati. Con un emendamento all’articolo 3 del ddl 223 (Cons. Civico) si è prevista l’esenzione Imis per le cooperative di tipo B che si occupano di inserimento lavorativo di soggetti con svantaggio sociale, riconoscendone dunque la funzione sociale; un altro emendamento (Cons.a Maestri) ha previsto l’impegno di 100.000 euro per incrementare progetti straordinari in ambito culturale; un’altro (Cons.a Maestri) anticipa al 2018 la stabilizzazione dei precari della scuola a carattere statale della Provincia; due emendamenti all’art. 6 hanno invece riguardato il finanziamento di progetti sugli aspetti sociali delle politiche urbane di sicurezza (Cons.a Plotegher) con un emendamento all’art. 23 (Cons.a Plotegher) si è invece promosso il finanziamento di progetti di coabitazione per persone fragili seguite dai servizi sociali; con un emendamento all’art. 24 (Cons.a Plotegher) si sono invece previsti contributi al mutuo casa collegato alla iscrizione alla previdenza complementare, nuove adesioni e apertura di posizioni sul fondo di previdenza per minori a carico; con un emendamento all’art. 25 (Cons.a Plotegher) si è invece previsto il finanziamento di progetti di valutazione di impatto familiare delle politiche pubbliche, al fine di favorire le relazioni familiari, interfamiliari e sociali; con un emendamento all’art. 31 (Con.a Plotegher) si sono riservate risorse per il risanamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche per consentire la permanenza presso il proprio domicilio delle persone anziane. Infine, altri due emendamenti all’art. 25 del ddl 222 (Cons.a Borgonovo Re) in tema di “Utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque reflue e del diventato”. Il primo prevede che venga sottoposta al parere preventivo della Commissione consigliare competente la deliberazione con la quale la Giunta definirà le regole specifiche per il territorio provinciale, e per gli allevamenti in esso presenti, in attuazione dell’esistente disciplina statale; il secondo integra l’elenco dei necessari contenuti di tale delibera aggiungendovi l’impegno ad attivare sia percorsi di informazione e di formazione per gli agricoltori – così da accrescere le conoscenze sulle strategie di riduzione degli inquinanti e di trattamento dei reflui per una fertilizzazione equilibrata delle colture – sia un adeguato sistema di consulenza ambientale per le aziende agricole.

 

*

Alessio Manica
Consigliere Provincia Autonoma di Trento
Capogruppo del PdT