OTTOBRE * “BEN VENGA L’INIZIATIVA DEL GOVERNO AUSTRIACO, A PATTO CHE TENGA CONTO DEI DISCENDENTI TRENTINI”

Nel maggio 2013, l’onorevole Mauro Ottobre ha presentato una proposta di legge inerente la modifica dell’articolo 1 della legge 14 del dicembre 200, n.379, concernente il riconoscimento della cittadinanza italiana alle persone nate e già residenti nei territori appartenuti all’Impero Austro-Ungarico e ai loro discendenti.

La legge del 2000, i cui termini sono scaduti nel 2010, aveva lo scopo di consentire il riconoscimento della cittadinanza italiana alle persone che erano emigrate dai territori che erano appartenenti all’Impero austrungarico prima del trattato di San Germano del 16 luglio 1920; una legge che purtroppo non fu votata e che aveva l’obiettivo di sanare un vulnus giuridico e morale che si era determinato per dolorose vicende storiche.

Ora la proposta del neogoverno austriaco può riaprire finalmente il dibattito.

«Ci sono oltre 50 mila persone a cui questo diritto non viene riconosciuto poiché i loro avi erano emigrati prima della fine della Prima Guerra Mondiale e negli elenchi risultavano cittadini austriaci – afferma l’onorevole Mauro Ottobre -. Ben venga l’iniziativa austriaca poiché riaprire il dibattito e riconoscere a questi discendenti trentini i loro diritti e dunque la cittadinanza.

Presenterò istanza anche presso l’Ambasciata austriaca a Roma».

 

*

On. Mauro Ottobre