MARIO TONINA * AMMINISTRATIVE 2018: ” MI CANDIDERÒ CON PROGETTO TRENTINO, DA OGGI NON FARÒ PIÙ PARTE DEL GRUPPO CONSILIARE UPT E SARÒ NEL GRUPPO MISTO “

Vi informo che da oggi non farò più parte del Gruppo consiliare Unione per il Trentino e che farò parte del Gruppo Misto.

Comunico inoltre che alle prossime elezioni provinciali mi candiderò con Progetto Trentino che rappresenta bene, in quanto ad idee e valori, il percorso politico che mi ha visto impegnato fin dal 1986 nelle fila della Democrazia Cristiana, del Partito Popolare, della Margherita e dell’Unione per il Trentino. Progetto Trentino come sappiamo, infatti, affonda le sue radici nel patrimonio culturale e nel sistema dei valori del popolarismo autonomista di tradizione cristiana e si pone la prerogativa di interpretare al meglio le istanze della componente centrista-moderata all’interno della coalizione a sostegno di Maurizio Fugatti.

Ho scelto di far parte di questo movimento politico a seguito della mia decisione di non candidare più nel centro sinistra, così come ho dichiarato nel momento in cui il tavolo della coalizione non ha scelto Carlo Daldoss quale candidato presidente che io sostenevo convintamente, ma Tonini, consapevole che gran parte del mio elettorato non poteva condividere quell’orientamento.

Sento il dovere di continuare a rappresentare al meglio un territorio, in primis quello giudicariese, che me lo sta chiedendo a gran voce e di portare avanti le istanze di alcune categorie, a me particolarmente care, quali il settore agricolo e il mondo della cooperazione, due ambiti che considero strategici per il Trentino di oggi e di domani.

Ciò che principalmente conta per me è la capacità di saper rappresentare la contemporaneità dei bisogni del Trentino e fornire delle risposte chiare, senza tergiversare. Questo è possibile solo se si ascoltano e se si coinvolgono concretamente i territori ed è ciò che ho fatto anche al cospetto di questa decisione. Mi sono chiesto se volevo e potevo lasciare scoperto quegli ambiti e quell’elettorato che in questi ultimi cinque anni ho orgogliosamente rappresentato o se invece sarebbe stato il caso di continuare ad interpretarne aspettative e bisogni.

La decisione presa è stata condivisa con gli amici che mi hanno sostenuto nel corso dell’intero mandato e anche con tanti trentini con i quali ho avuto modo di confrontarmi durante la legislatura. Numerosissimi sono stati infatti gli incontri avuti che mi hanno dato l’opportunità di conoscere da vicino i bisogni, le esigenze e le reali necessità del Trentino in una fase caratterizzata da grande incertezza come quella contingente. Quindi la mia candidatura costituisce sostanzialmente la scelta di continuare ad essere portavoce, non solo del territorio dal quale provengo, ma anche degli altri ambiti trentini, che ho avuto modo di conoscere approfonditamente in questi anni e in particolare di alcuni settori portanti della nostra società e della nostra economia.

Ringrazio tutti quelli che mi hanno permesso di “fare Politica” nell’ottica di avvicinarla alle persone. Conservo infatti la convinzione che ci sia sempre più bisogno di una Politica del fare, di una Politica che sappia interpretare al meglio le richieste dei cittadini per individuare e concretizzare delle risposte. Per questo confermo e ribadisco la decisa volontà di continuare ad alimentare il mio rapporto con tutti gli attori territoriali: con i cittadini, le categorie economiche, gli amministratori. Lo farò con la determinazione di chi sa di dover dare risposte concrete e sincere a bisogni reali e spesso urgenti.

Concludo ringraziando i vertici di Progetto Trentino per avermi dato fiducia chiedendomi di far parte di questo partito, tutto il gruppo consigliare dell’UpT a partire dagli assessori Gilmozzi e Mellarini e i consiglieri Passamani e De Godenz con i quali ho lavorato proficuamente in questi anni e tutti i dipendenti del gruppo a partire da Monica e proseguendo con Daniele, Alda, Silvano, Ilaria, Fabio, Marina e Daniele che mi hanno affiancato, in questi anni, nel mio lavoro.

Grazie!

 

*

Cons. Mario Tonina